News

Nuovo codice intrastat per operatori dell’Irlanda del Nord

Con Determinazione 15 febbraio 2021, l’Agenzia delle Dogane e Monopoli, di concerto con l’Agenzia delle Entrate e d’intesa con l’Istituto Nazionale di statistica, ha modificato la tabella A dell’allegato XI con il nuovo prefisso “XI“, che identifica, nei modelli Intrastat, gli operatori stabiliti in Irlanda del Nord, ed ha aggiornato le relative istruzioni alla compilazione, relativi alle cessioni e agli acquisti intracomunitari di beni e servizi resi e ricevuti. Tale modifica si è resa necessaria per identificare gli operatori stabiliti in Irlanda del Nord, ai quali continua ad applicarsi la normativa IVA unionale, anche a seguito dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea e con lo scopo di salvaguardare gli scambi commerciali. fonte SEAC spa

PLI: codice tributo per la fornitura di contrassegni di legittimazione

Con Risoluzione 17 febbraio 2021, n. 11, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per il versamento, tramite il Mod. F24 Accise, delle somme dovute per la fornitura di contrassegni di legittimazione della circolazione per prodotti liquidi da inalazione (PLI). L’art. 62-quater, comma 3-bis, D.Lgs. n. 504/1995, inserito dalla Legge di Bilancio 2021 prevede che la circolazione dei prodotti da inalazione senza combustione costituiti da sostanze liquide, contenenti o meno nicotina, è legittimata dall’applicazione, sui singoli condizionamenti, di appositi contrassegni, a decorrere dal 1° aprile 2021. Il codice in oggetto è il numero “5479” ed è denominato “Proventi derivanti dalla fornitura di contrassegni di legittimazione della circolazione per i PLI – art. 62-quater, c. 3-bis, d.lgs n. […]

Tutela previdenziale soci lavoratori di cooperativa artigiana: Circolare INPS

Con Circolare 17 febbraio 2021, n. 29, l’INPS ha fornito chiarimenti in materia di tutela previdenziale dei soci lavoratori di cooperativa artigiana, analizzando: il quadro normativo di riferimento;l’iscrivibilità alla Gestione speciale autonoma degli artigiani;l’individuazione della base imponibile. In particolare, al fine di poter procedere con l’iscrizione alla Gestione speciale autonoma degli artigiani del lavoratore socio della cooperativa, la cui natura artigiana è riconosciuta dall’Albo delle imprese artigiane, l’INPS prevede che “in procedura verrà prevista la lavorazione in automatico delle delibere d’iscrizione alla suddetta Gestione inviate dall’Albo delle imprese artigiane”. In attesa di tale funzione si procederà con la validazione o la trasmissione manuale delle delibere in questione, al fine di aprire una posizione assicurativa ai […]

SPID, CIE, CNS: tre chiavi per l’accesso ai servizi della PA a partire dal 1° marzo 2021

Con Comunicato Stampa 16 febbraio 2021 l’Agenzia delle Entrate ha precisato che a partire dal 1° marzo 2021, in linea con quanto disposto dal D.L. n. 76/2020 (Decreto Semplificazione), per l’accesso ai propri servizi telematici, i cittadini potranno utilizzare, quali modalità identificative ed autenticative, tre differenti strumenti: SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), CIE (Carta di identità elettronica), CNS (Carta Nazionale dei Servizi). A tal proposito l’amministrazione finanziaria precisa che: i cittadini potranno utilizzare le credenziali di Fisconline, fornite dall’Agenzia, sino alla loro naturale scadenza (e comunque non oltre il 30 settembre 2021), successivamente, dovranno essere in possesso di uno degli strumenti di cui sopra;i professionisti e le imprese potranno fare richiesta delle credenziali Entratel, Fisconline o Sister, rilasciate dall’Agenzia anche dopo il 1° marzo e fino alla data che sarà stabilita con un apposito decreto attuativo, come […]

Pubblicato in G.U. il Decreto attuativo su investimenti in start-up e PMI innovative

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 2021, n. 38 il Decreto 28 dicembre 2020 emanato dal Ministero dello Sviluppo economico di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, attuativo delle disposizioni contenute nell’articolo 38, commi 7 ed 8, D.L. n. 34/2020 che prevede una detrazione IRPEF pari al 50% della somma (max euro 100.000,00 per ciascun periodo d’imposta) versata dal contribuente che investe nel capitale sociale di una o più PMI o start-up innovative. In particolare, al fine dell’ottenimento degli incentivi fiscali, il Decreto 28 dicembre 2020 dispone che: condizione preliminare alla concessione dell’agevolazione è la presentazione online da parte dell’impresa beneficiaria di apposita istanza (contenuta nell’allegato A al Decreto in oggetto), attraverso la piattaforma informatica a cura del […]

Operazioni doganali e imponibilità IVA: Interpello

Con Risposta ad Interpello 16 febbraio 2021 n. 110, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla possibilità di usufruire del regime di non imponibilità ai fini IVA ex articolo 9, comma 1, numero 4), D.P.R. n. 633/1972 per le prestazioni di supporto e di assistenza alla visita e controllo scanner effettuate in area portuale. L’Agenzia delle Entrate ha precisato che i servizi resi alle merci in area portuale possono usufruire del regime di non imponibilità ai fini IVA, in quanto si tratta di servizi relativi alle operazioni doganali. fonte SEAC spa

Regolarizzazione crediti fruiti in eccesso: nuovi codici tributo

Con Risoluzione 16 febbraio 2021, n. 10, l’Agenzia delle entrate ha istituito una serie di codici tributo per versare, tramite Mod. F24, le quote di crediti d’imposta fruiti in misura superiore a quella spettante per legge e pertanto da regolarizzare a seguito di richiesta scritta inviata agli interessati dall’Agenzia (art. 36-bis, D.P.R. n. 600/1973). I codici vanno utilizzati nell’eventualità in cui il contribuente destinatario della comunicazione intende versare solo una quota dell’importo complessivo dovuto. Nel modello F24, il contribuente deve indicare il codice tributo di riferimento nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “Importi a debito versati”, riportando, nei campi appositamente denominati, il codice atto e l’anno di riferimento reperibili nella comunicazione ricevuta. […]

Trasmissione dei dati sulle erogazioni liberali agli enti Terzo Settore: Decreto MEF

È stato pubblicato in G.U. 16 febbraio 2021, n. 39, il Decreto MEF 3 febbraio 2021 relativo alla trasmissione all’Agenzia delle Entrate dei dati riguardanti le erogazioni liberali agli enti del Terzo Settore, ai fini dell’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata. Il Decreto ha previsto che le ONLUS, le APS, le associazioni riconosciute aventi per scopo statutario la tutela, la promozione e la valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico e le fondazioni e associazioni riconosciute aventi per scopo statutario lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica inviano, entro il 16 marzo, la comunicazione contenente i dati relativi alle erogazioni liberali in denaro deducibili e detraibili, eseguite nell’anno precedente da persone fisiche, con l’indicazione dei dati identificativi dei soggetti eroganti. Tale comunicazione: è facoltativa per il periodo d’imposta 2020 (Mod. […]

Riduzione forfetaria del tasso di cambio per residenti a Campione d’Italia: Provvedimento

Con Provvedimento 15 febbraio 2021, l’Agenzia delle Entrate, ai sensi dell’art. 188-bis, TUIR, ha stabilito, per il periodo d’imposta 2020, la riduzione forfetaria del cambio per i residenti nel Comune di Campione d’Italia. In particolare, la percentuale di riduzione applicabile ai redditi: diversi da quelli di impresa, delle persone fisiche iscritte nei registri anagrafici del comune di Campione d’Italia;di lavoro autonomo di professionisti e con studi nel comune di Campione d’Italia;di impresa realizzati dalle imprese individuali, dalle società di persone e da società e enti iscritti alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Como e aventi sede sociale operativa (o un’unità locale) nel Comune di Campione d’Italia, prodotti in franchi svizzeri nel territorio dello stesso […]

Detraibilità IVA per l’ente non commerciale: Interpello

Con Risposta ad Interpello 15 febbraio 2021 n. 107, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla possibilità, per un Comune, di detrarre l’IVA legata all’attività commerciale, addebitatagli dalla ditta appaltatrice del servizio di smaltimento rifiuti. Secondo l’Agenzia delle Entrate: l’ente non commerciale può detrarre la quota dell’IVA addebitatagli dalla società affidataria del servizio di raccolta differenziata, poiché i rifiuti diventano oggetto di successiva operazione commerciale posta in essere nei confronti dei consorzi in regime di imponibilità IVA;per quanto riguarda la possibilità di esercitare il diritto alla detrazione anche per annualità precedenti, è necessario che il Comune gestisca l’attività commerciale con contabilità separata da quella relativa all’attività principale. fonte SEAC spa