Categoria Archivi: News fiscali

L’IVA all’importazione e lo Stato UE di utilizzo effettivo dei beni

I Giudici comunitari recentemente hanno affrontato una particolare questione in merito all’IVA dovuta per le importazioni di beni da Stati extraUE. Il caso esaminato dai Giudici comunitari riguarda un bene (nel caso di specie, un veicolo) entrato nel territorio dell’UE da uno Stato membro considerato “di transito” senza aver assolto in Dogana i dazi e l’IVA. Al ricorrere di tale fattispecie, l’IVA all’importazione è dovuta nello Stato di destinazione finale del bene ossia nello Stato membro di residenza dell’acquirente. Ai fini IVA, il luogo di importazione di un veicolo immatricolatoin unoStato extraUE, introdotto nell’UE in violazione delle norme doganali, è situato nello Stato membro in cui l’autore della violazione è residente e […]

L’Agenzia risponde

Di seguito si riportano le Risposte alle istanze di interpello e consulenza giuridica nonché i Principi di diritto dell’Agenzia delle Entrate relativi al periodo 16.9 – 22.9.2022. I documenti riferiti agli argomenti di maggiore interesse sono / saranno sinteticamente commentati nel Seac Report. RISPOSTE INTERPELLO N.DataArgomento45416.09.2022Distribuzioni di utili e applicazione del regime transitorio45516.09.2022Interventi per il superamento e l’eliminazione di barriere architettoniche45616.09.2022Interventi per il superamento e l’eliminazione di barriere architettoniche da parte di un’Associazione di Promozione Sociale (APS)45716.09.2022Soggetto dipendente NATO e c.d. “invalidity pension”45820.09.2022Detraibilità spese in caso di indennizzo assicurativo per interventi di cui all’art. 119, DL n. 34/2020 e limiti di spesa per interventi di cui all’art. 16-bis, TUIR45920.09.2022Interventi di recupero […]

Le novità del c.d. “Decreto Aiuti-bis” dopo la conversione in legge

Recentemente è stato convertito il c.d. “Decreto Aiuti-bis”. In sede di conversione, oltre alla conferma delle seguenti agevolazioni: estensione al terzo trimestre 2022 dei bonus a favore delle imprese “energivore” e non energivore” / “gasivore” e “non gasivore” per l’acquisto di energia elettrica / gas naturale; inclusione, per il 2022, tra i fringe benefit che non concorrono alla formazione del reddito di lavoro dipendente (entro il nuovo limite di € 600) delle somme erogate / rimborsate ai dipendenti dai datori di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato / energia elettrica / gas naturale; riconoscimento dell’indennità una tantum pari a € 200 anche ai lavoratori con […]

Check-list visto di conformità credito IRAP 2021

Facendo seguito all’Informativa dedicata all’esame dell’attività di verifica finalizzata al rilascio del visto di conformità al mod. IRAP 2022, si propone un fac-simile della check-list per il credito IRAP 2021 (in formato word) utilizzabile per attestare l’esecuzione dei controlli da parte del “certificatore”. L’apposizione del visto di conformità alla dichiarazione è necessaria per l’utilizzo in compensazione nel mod. F24 dei crediti tributari per importi superiori a € 5.000. CHECK-LIST VISTO DI CONFORMITÀ – CREDITO IRAP 2021 – MOD. IRAP 2022 Premesso che: in base all’art. 1, comma 574, Legge n. 147/2013, così come modificato dall’art. 3, DL n. 50/2017 convertito dalla Legge n. 96/2017, i contribuenti che intendono utilizzare in compensazione crediti […]

La dichiarazione dell’imposta di soggiorno e le faq del MEF

Recentemente il MEF ha pubblicato sul sito Internet del Dipartimento delle Finanze una serie di chiarimenti, sotto forma di FAQ, in merito alla dichiarazione dell’imposta di soggiorno da presentare entro il prossimo 30.9.2022. A tal fine si rammenta che il gestore delle strutture ricettive (responsabile del pagamento) deve presentare un apposito modello utilizzabile da per dichiarare: l’imposta di soggiorno dovuta dai soggetti che alloggiano nelle strutture ricettive situate nei Comuni che hanno provveduto alla relativa istituzione; il contributo di soggiorno a carico dei soggetti che alloggiano nelle strutture ricettive di Roma Capitale. La dichiarazione va presentata anche dai soggetti che incassano il canone / corrispettivo, ovvero che intervengono nel pagamento […]

L’inquadramento delle sponsorizzazioni sportive tra spese pubblicitarie e di rappresentanza

I proventi derivanti dalla prestazione di servizi promozionali rappresentano una tra le più importanti entrate che le associazioni e le società sportive dilettantistiche utilizzano per finanziare le proprie attività statutarie. Al fine di garantire un flusso costante di risorse provenienti dal mondo imprenditoriale e destinate a finanziare il movimento sportivo nazionale, il legislatore ha inteso favorire il ricorso alle c.d. sponsorizzazioni: l’art. 90, comma 8, della L. 289/02 prevede infatti una c.d. presunzione assoluta di deducibilità, quali spese pubblicitarie ed entro la soglia annua di Euro 200.000,00, delle somme erogate a favore di associazioni e società sportive non professionistiche con lo scopo di ottenere la promozione della propria immagine e/o dei […]

Acquisto di beni da San Marino ed il nuovo tipo documento TD28

A decorrere dal 1° ottobre 2022, per comunicare le operazioni di acquisto di beni da San Marino, per le quali sono state ricevute fatture cartacee con indicazione dell’IVA, sarà necessario utilizzare il nuovo “tipo documento” TD28. Come noto il Decreto MEF 21 giugno 2021 ha dato attuazione a quanto contenuto nell’art. 12, D.L. n. 34/2019 , disciplinante le regole di fatturazione elettronica per i rapporti di scambio tra l’Italia e la Repubblica di San Marino, prevedendo l’obbligo, dal 1° luglio 2022, di emettere ed accettare la fattura in formato elettronico, fatti salvi gli esoneri dall’obbligo generalizzato di fatturazione elettronica previsti da specifiche disposizioni di legge.A tal proposito si ricorda che lo stesso Decreto aveva previsto un […]

L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche

L’imposta di bollo (disciplinata dal D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642) si applica alle fatture (ma anche alle ricevute e alle quietanze) il cui importo eccede il valore di euro 77,47 ai sensi dell’art. 13, allegato A), D.P.R. n. 642/1972. Stante il principio di alternatività tra imposta di bollo e imposta sul valore aggiunto, ai sensi dell’art. 6, allegato B), D.P.R. n. 642/1972, la fattura avente ad oggetto operazioni soggette ad IVA, non è soggetta all’applicazione dell’imposta di bollo. La debenza di questo tributo non è mutata nemmeno con l’avvento della fatturazione elettronica (D.Lgs. 5 agosto 2015, n. 127) la quale, tuttavia, ha comportato il mutamento delle modalità di assolvimento del tributo. Il contribuente, infatti, sulla base dei dati che l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione […]

La fiscalità degli immobili posseduti dai professionisti

Il regime fiscale dei beni immobili detenuti per l’esercizio di arti e professioni è differente a seconda che tali fabbricati siano detenuti a titolo di proprietà , ovvero utilizzati in forza di un contratto di locazione finanziaria ed utilizzati esclusivamente come beni strumentali o in modo promiscuo. Il trattamento fiscale degli ammortamenti degli immobili strumentali di proprietà è diverso a seconda della data di acquisto o di costruzione dell’immobile. Regole particolari sono previste, invece, per la deducibilità dal reddito professionale dei canoni di leasing relativi all’immobile strumentale: tali regole risultano essere differenti a seconda della data in cui è stato stipulato il contratto di locazione finanziaria. Dall’1° gennaio 2007, le spese relative all’ammodernamento, alla ristrutturazione e alla manutenzione degli immobili strumentali utilizzati esclusivamente […]

Fringe benefits 2022: esenzione fino a 600 euro

L’articolo 12 del Decreto Legge n. 115/2022 (c.d. Decreto Aiuti-bis) ha previsto che, per l’anno 2022, in deroga a quanto disposto dall’articolo 51, comma 3 del TUIR, il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati ai lavoratori dipendenti non concorre a formare il reddito entro il limite complessivo di 600 euro. Inoltre, il decreto ha riconosciuto, per l’anno 2022, la non concorrenza alla formazione del reddito di lavoro dipendente, nel predetto limite di 600 euro, anche alle somme erogate o rimborsate agli stessi dai datori di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica e del gas naturale. di Alice Vindimian – Centro Studi Normativa […]