News

Credito d’imposta attività teatrali e spettacoli dal vivo: codice tributo

Con Risoluzione 30 novembre 2021, n. 67, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite Modello F24, del credito d’imposta a favore delle imprese esercenti le attività teatrali e gli spettacoli dal vivo, ex art. 36-bis, D.L. n. 41/2021.Il codice tributo è il seguente: “6952” denominato “CREDITO D’IMPOSTA TEATRI E SPETTACOLI – articolo 36-bis del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41”.  Fonte SEAC spa

Credito d’imposta settore tessile, moda e accessori: codice tributo

Con Risoluzione 30 novembre 2021, n. 65, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite Modello F24, del credito d’imposta a favore dei soggetti esercenti attività d’impresa operanti nell’industria tessile, della moda e degli accessori, ex art. 48-bis, D.L. n. 34/2020.Il codice tributo è il seguente: “6953” denominato “CREDITO D’IMPOSTA TESSILE, MODA E ACCESSORI – articolo 48-bis del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34”.    Fonte SEAC spa

Soppressione codice tributo 6943: Risoluzione

Con Risoluzione 30 novembre 2021, n. 66, l’Agenzia delle Entrate ha reso nota la soppressione, a partire dal 1° dicembre 2021, del codice tributo 6943 per l’utilizzo in compensazione, tramite Modello F24, del credito d’imposta, in favore delle società, per il rafforzamento patrimoniale delle imprese di medie dimensioni ex art. 26, comma 8, D.L. n. 34/2020. Fonte SEAC spa

IRAP non versata e proroga: G.U.

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale 29 novembre 2021, n. 284, la Legge 23 novembre 2021, n. 178, di conversione del D.L. n. 132/2021, recante “Misure urgenti in materia di giustizia e di difesa, nonché proroghe in tema di referendum, assegno temporaneo e IRAP“. In particolare, relativamente all’IRAP, l’art. 5 del presente decreto prevede la regolarizzazione dei versamenti IRAP, ex art. 42-bis, comma 5, D.L. n. 104/2020, al 30 novembre 2021. Tale ulteriore proroga del versamento dell’imposta si è resa necessaria per le imprese che hanno erroneamente beneficiato degli esoneri previsti dal c.d. “Decreto Rilancio” e che, pertanto, hanno superato il limite degli aiuti di Stato. Fonte SEAC spa

Contrasto frodi nelle agevolazioni edilizie e nelle cessioni dei crediti: Circolare

Con Circolare 29 novembre 2021, n. 16, l’Agenzia delle Entrate ha delineato le misure urgenti per il contrasto alle frodi nel settore delle agevolazioni fiscali ed economiche ex D.L. n. 157/2021.In particolare, al fine di far fronte alle frodi in materia di detrazioni per lavori edilizi e cessioni dei crediti sono stati previsti nuovi obblighi inerenti l’apposizione del visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta e dell’asseverazione in relazione alla valutazione della congruità dei costi sostenuti sia per il Superbonus che per gli altri Bonus, diversi dal Superbonus.Le misure in esame hanno riguardato altresì il contrasto alle frodi in materia di cessione dei crediti, prevedendo il rafforzamento dei controlli preventivi. Fonte SEAC spa

CFP discoteche: Provvedimento

Con Provvedimento 29 novembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha definito le modalità ed i termini di presentazione dell’istanza per richiedere il contributo a fondo perduto previsto dall’art. 2, D.L. n. 73/2021 al fine di ristorare i titolari di discoteche, sale da ballo e di altre attività, come cinema, teatri, palestre e piscine rimaste chiuse a causa delle restrizioni Covid-19. L’istanza deve essere presentata telematicamente mediante i canali messi a disposizione dall’Agenzia a partire dal 2 dicembre e fino al 21 dicembre 2021.I contributi riconosciuti verranno accreditati direttamente sul conto corrente indicato nell’istanza. Fonte SEAC spa

Contributo perequativo: Provvedimento

Con Provvedimento 29 novembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha definito le modalità e i termini di presentazione dell’istanza per richiedere il contributo a fondo perduto previsto dall’ art. 1, commi da 16 a 27, D.L. n. 73/2021, c.d. “contributo perequativo”. L’istanza può essere presentata telematicamente mediante i canali telematici dell’Agenzia a partire dal 29 novembre e fino al 28 dicembre 2021 solo se la dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2020 è stata presentata entro il 30 settembre 2021 e quella relativa al periodo in corso al 31 dicembre 2019 entro i 90 giorni successivi al termine di presentazione, comunque non oltre il 30 settembre 2021.Inoltre, il richiedente può scegliere, irrevocabilmente, se ottenere l’intero contributo come accredito sul conto corrente bancario o postale o, in alternativa, come credito d’imposta da utilizzare […]

Credito d’imposta settore tessile, moda e accessori: percentuale

Con Provvedimento 26 novembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha disposto che la percentuale del credito d’imposta effettivamente fruibile dai soggetti operanti nell’industria tessile, della moda, della produzione calzaturiera e della pelletteria, ex art. 48-bis, D.L. n. 34/2020, è pari al 64,2944 per cento. Fonte SEAC spa

Garanzia per eccedenze di credito di gruppo: Interpello

Con Risposta ad Interpello 25 novembre 2021, n. 792, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione dell’art. 21, D.M. n. 567/1993, rubricato: “Limiti di erogabilità del rimborso senza prestazione di garanzia“, anche a società di diritto UE direttamente identificate ai fini IVA in Italia, posto che, anche per tali società, i relativi versamenti d’imposta sono registrati in conto fiscale.Tale disposizione prevede che non deve essere prestata apposita garanzia per eccedenze di credito di gruppo compensate per importi non superiori al 10% dei complessivi versamenti eseguiti nei due anni precedenti la data di presentazione della dichiarazione IVA da cui è emersa la citata compensazione di eccedenze di credito di gruppo.A tal proposito, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito […]

Precisazioni INPS per le domande di accesso all’esonero contributivo

Con Messaggio 26 novembre 2021, n. 4184, l’INPS ha fornito delle precisazioni in merito alle istanze di riesame per l’accesso all’esonero parziale dei contributi previdenziali dovuto dai liberi professionisti ex art. 1, commi da 20 a 22-bis, L. n. 178/2020. Come indicato anche nel precedente Messaggio n. 3974/2021, per fruire dell’esonero in oggetto è necessario che gli interessati siano in possesso della regolarità contributiva, verificata d’ufficio attraverso il DURC dal 1° novembre 2021: tale regolarità comprende anche i versamenti effettuati entro il 31 ottobre 2021. In caso di accoglimento dell’istanza, la contribuzione dovuta deve essere versata entro il 29 dicembre 2021, ossia 30 giorni dopo il 29 novembre 2021 (giorno in cui sono resi disponibili nel “Cassetto […]