Tag Archivi: IVA

IVA in importazione e contratto di consignment stock: Interpello

Con Risposta ad Interpello 26 luglio 2021, n. 509, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla detrazione dell’IVA in importazione relativamente ad un contratto di consignment stock, attraverso cui i beni di proprietà del fornitore estero (nel caso di specie del Regno Unito) vengono trasferiti presso un deposito del cliente italiano, il quale, con esclusiva d’acquisto, può effettuare prelievi in qualsiasi momento.La giurisprudenza UE ha escluso la detrazione dell’IVA all’importazione gravante sul trasportatore (che non è né l’importatore né il proprietario delle merci). Tale principio è confermato dalla Corte di Giustizia UE la quale ha precisato che ai fini della detrazione è necessario che il soggetto che provvede al pagamento dell’IVA in dogana sia anche colui che utilizza i beni […]

Importazioni e cessioni di beni Covid-19 esenti da dazi doganali ed IVA: Interpello

Con Risposta ad Interpello 23 luglio 2021, n. 507, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta in merito a quanto previsto dalla Decisione della Commissione Europea 3 aprile 2020, n. 491 ed altresì dalla Determinazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. 107042/RU di pari data, in materia di esenzione dai dazi doganali e dall’IVA delle importazioni e delle cessioni dei beni volti a far fronte all’emergenza epidemiologica da Covid-19. A tal riguardo, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che a seguito delle proroghe operate dalla Commissione Europea al regime di esenzione di cui sopra, in ragione del perdurare della situazione di emergenza, rimangono immutate la ratio e le finalità dell’agevolazione introdotta dall’originaria Decisione UE n. 491/2020.Nel caso di specie, la società potrà usufruire del regime agevolativo, in qualità di soggetto che effettua le operazioni di importazione per conto dei soggetti legittimati, anche […]

IVA per prestazioni di servizi, vendite a distanza e cessioni nazionali di beni: recepimento direttive UE

Con il D.Lgs. n. 83/2021, pubblicato in G.U. il 15 giugno 2021, sono stati recepiti: gli artt. 2 e 3 della Direttiva (UE) 2017/2455 che modifica le Direttive 2006/112/CE e 2009/132/CE inerenti taluni obblighi in materia di IVA per le prestazioni di servizi e le vendite a distanza di beni;la Direttiva (UE) 2019/1995 che modifica la Direttiva 2006/112/CE inerente alle disposizioni per la vendita a distanza di beni e per talune cessioni nazionali di beni. Fonte SEAC spa

IVA su servizi didattici da enti certificatori con sede in UK

Con Consulenza giuridica 18 maggio 2021, n. 6, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla corretta registrazione, e ai relativi adempimenti, connessi all’acquisto di servizi per la certificazione delle competenze in lingua inglese, resi da soggetti con sede in Gran Bretagna. Secondo l’Agenzia delle Entrate, l’esenzione IVA, ai sensi dell’art. 10, primo comma, n. 20), D.P.R. n. 633/1972, si applica unicamente alle prestazioni che vengono rese da scuole, istituti od altri organismi con gli specifici requisiti soggettivi ed oggettivi richiesti, e non anche alle cessioni di beni ed alle prestazioni di sevizi effettuate nei confronti degli stessi.  Di conseguenza le prestazioni ricevute dagli enti certificatori inglesi non possono considerarsi esenti da IVA […]

Prestazioni educative esenti IVA, nuovi chiarimenti: Consulenza giuridica

Con Consulenza giuridica 18 maggio 2021, n. 7, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito all’esonero dagli adempimenti IVA applicabile, per opzione, da parte degli enti fornitori di corsi di istruzione e formazione.In particolare, in caso di opzione per l’esonero l’ente può: annotare i corrispettivi incassati nel libro giornale,  non avendo l’obbligo di tenere il registro IVA vendite;rilasciare “Quietanza di pagamento” come giustificativo del corrispettivo, apponendovi una marca da bollo da € 2 per importi superiori a € 77,47. L’ente resta tenuto: al rilascio di fattura elettronica, qualora sia richiesta dal cliente prima del pagamento;alla registrazione degli acquisti;all’osservanza degli obblighi IVA ordinari per le altre operazioni imponibili effettuate. L’Agenzia ricorda inoltre che la prestazione didattica con obbligo di certificazione va documentata, ai sensi dell’articolo 21 o 21-bis, Decreto IVA, […]

“Finalità sanitaria” e accesso al regime IVA agevolato: consulenza giuridica

Con Consulenza giuridica 18 maggio 2021, n. 5, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla modalità di dimostrazione della “finalità sanitaria” del prodotto ceduto, ai fini dell’applicabilità del regime IVA agevolato previsto dall’art. 124, D.L. n. 34/2020 (esenzione IVA per il 2020 e applicazione dell’aliquota del 5% dal 2021 ai “detergenti disinfettanti per mani” e alla “soluzione idroalcolica in litri”).A tal proposito, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che, tenuto conto della natura dei beni in oggetto, è ragionevole ritenere che la finalità sanitaria sia rispettata nella generalità dei casi.Tuttavia, qualora la dimostrazione della finalità sanitaria del prodotto ceduto non sia desumibile dalla natura del cessionario e/o del suo settore di attività, la stessa potrà essere provata con qualsiasi documento ritenuto opportuno che ne consenta, in sede […]

IVA al 4% per la cessione di auto a disabili: Interpello

Con Risposta ad Interpello 11 maggio 2021, n. 335, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione dell’aliquota IVA del 4% alla cessione di autoveicoli ad un disabile minorenne privo di reddito. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che ai fini dell’applicazione dell’IVA al 4%, il disabile minorenne senza reddito si considera fiscalmente a carico del padre anche se quest’ultimo è disoccupato al momento dell’acquisto dell’autovettura (la CU 2020 di tale soggetto è relativa ad un solo mese lavorato nel 2019, e riporta quattro figli a carico per due mesi al 100%). In tali casi, sarà necessario produrre: il certificato attestante la condizione di disabilità euna copia dell’ultima dichiarazione dei redditi presentata dal familiare che, avendo fiscalmente a carico il soggetto disabile, sarà intestatario […]

IVA agevolata per la cessione di pannelli fotovoltaici: Cassazione

Con Ordinanza 5 maggio 2021, n. 11690, la Corte di Cassazione ha stabilito che in caso di cessione di pannelli fotovoltaici possa essere applicata l’IVA agevolata pari al 10%, così come previsto dall’art. 127-sexies, tabella A, parte terza, allegata al D.P.R. n. 633/1972.In particolare, la Suprema Corte evidenzia che al fine dell’applicazione dell’IVA agevolata al 10% è richiesto che “i componenti finiti siano concretamente adoperati per la realizzazione dell’impianto, dell’opera o dell’edificio, senza che rilevi la qualità del soggetto beneficiario e il suo ruolo nella fase di commercializzazione del bene e l’immediatezza dell’utilizzo nella realizzazione dell’impianto, in sintonia con il profilo di salvaguardia dell’ambiente tutelato e della minore onerosità delle fonti di produzione di energia rinnovabile”.Pertanto, conclude […]

IVA 4% e sussidi portatori handicap: Decreto MEF

Sulla Gazzetta Ufficiale 4 maggio 2021, n. 105, è stato pubblicato il Decreto MEF 7 aprile 2021, il quale, intervenendo sul Decreto 14 marzo 1998, semplifica la documentazione richiesta per l’applicazione dell’aliquota IVA ridotta del 4% per l’acquisto di sussidi tecnici ed informatici per l’autosufficienza e l’integrazione dei soggetti portatori di handicap. In particolare, a seguito delle modifiche intervenute, ai fini dell’aliquota agevolata, per la persona con disabilità è sufficiente: produrre copia, al momento dell’acquisto di sussidi tecnici, del certificato attestante l’invalidità rilasciato dall’azienda sanitaria competente o dalla commissione medica integrata;provare il collegamento funzionale tra il sussidio tecnico-informatico e la menomazione permanente attraverso i certificati attestanti l’invalidità ovvero integrarli con la certificazione rilasciata dal medico curante contenente la relativa attestazione. Inoltre, è previsto che in caso di importazione, […]

Proroga esenzione dazi doganali e IVA all’importazione

La Commissione Europea, con Decisione n. 660/2021, ha prorogato al 31 dicembre 2021 l’esenzione dai dazi doganali e dall’IVA per l’importazione delle merci necessarie a contrastare la diffusione degli effetti della pandemia da Covid-19.La Circolare 28 aprile 2021, n. 15 dell’Agenzia delle Dogane, in commento alla decisione della Commissione, precisa che restano immutati i presupposti per usufruire della proroga, sia per quanto concerne i soggetti ammessi al beneficio, sia con riguardo alle finalità delle merci importate.Inoltre, la data per la fornitura delle rendicontazioni obbligatorie da parte degli Stati membri è stata posticipata al 30 aprile 2022. Fonte SEAC spa