News

CFP riduzione del canone di locazione: Provvedimento

Con Provvedimento 27 ottobre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha fissato al 100% la percentuale di riparto per il calcolo del contributo a fondo perduto per la riduzione del canone di locazione ex art. 9-quater, D.L. n. 137/2020; l’importo complessivo dei contributi richiesti è infatti inferiore alle risorse finanziarie disponibili.Di conseguenza, il credito potrà essere fruito da ogni beneficiario in misura piena (50% della riduzione del canone, nel limite annuo di 1.200 euro per singolo locatore). Fonte SEAC spa

Modifiche al modello di comunicazione per crediti d’imposta Mezzogiorno e Zes: Provvedimento

Con Provvedimento 27 ottobre 2021 l’Agenzia delle Entrate ha disposto delle modifiche al modello  di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia e nelle zone economiche speciali (ZES), approvato con Provvedimento 14 aprile 2017 e successivamente modificato con i Provvedimenti 29 dicembre 2017, 9 agosto 2019 e 9 marzo 2021. In particolare, l’aggiornamento è stato necessario dal momento che l’art. 57, comma 1, lettera b), n. 4, D.L. n. 77/2021, ha elevato il limite massimo del costo agevolabile di ciascun progetto da 50 milioni a 100 milioni di euro e ha esteso l’agevolazione all’acquisto dei beni immobili strumentali. Al fine di dare attuazione alle disposizioni sopra riportate è stato inserito […]

Credito d’imposta per canoni di locazione e impresa multiattività: Interpello

Con Risposta ad Interpello 27 ottobre 2021, n. 747, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla corretta applicazione del credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda ex art. 28, D.L. n. 34/2020, con riferimento ai mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020, in caso di impresa multiattività; si tratta, in particolare, delle imprese che svolgono contemporaneamente attività di commercio sia all’ingrosso che al dettaglio. In particolare, l’Amministrazione finanziaria chiarisce che: il credito è fruibile anche nel caso in cui l’attività di commercio al dettaglio non sia prevalente, a condizione che nel periodo di imposta 2019 da tale attività siano derivati ricavi superiori a 5 milioni di euro;il […]

Istituzione e ridenominazione codici tributo: Risoluzione

Con Risoluzione 27 ottobre 2021, n. 61, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite Mod. F24, del credito d’imposta, per l’acquisto di veicoli usati di categoria M1 di cui all’art. 73-quinquies, comma 2, lettera d), D.L. n. 73/2021.Inoltre, con il presente documento, l’Agenzia ridenomina il codice “6903” già operativo ed istituito con  Risoluzione n. 82/2019, per l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta previsto dall’articolo 1, comma 1031, Legge 30 dicembre 2018, n. 145, in relazione all’acquisto di veicoli di categoria M1 nuovi di fabbrica.Il nuovo codice tributo ed il codice ridenominato sono i seguenti: “6928” denominato “ECO-BONUS VEICOLI CAT. M1 usati – Recupero del contributo statale sotto forma di credito d’imposta – art. […]

Utilizzo in compensazione credito d’imposta “prima casa under 36”: codice tributo

Con Risoluzione 27 ottobre 2021, n. 62, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite Mod. F24, del credito d’imposta, ex art. 64, comma 7, D.L. n. 73/2021, in favore degli acquirenti di “prime case” di abitazione che non hanno compiuto trentasei anni d’età.Il nuovo codice tributo è il seguente: “6928” denominato “Credito d’imposta “prima casa under 36” – art. 64, c. 7, DL n. 73 del 2021”. Fonte SEAC spa

Split payment: pubblicati gli elenchi 2022

Il Dipartimento delle Finanze del MEF ha pubblicato, sul proprio sito internet, gli elenchi 2022 delle società, degli enti e delle fondazioni a cui, per il prossimo anno, in relazione alle operazioni IVA, si applicherà il meccanismo dello split payment. Gli elenchi per il 2022 sono aggiornati al 20 ottobre 2021.I soggetti interessati potranno segnalare eventuali mancate o errate inclusioni fornendo idonea documentazione a supporto ed esclusivamente mediante il modulo di richiesta.Si ricorda che per le Amministrazioni pubbliche, comunque tenute all’applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti, è possibile fare riferimento all’elenco (cd. elenco IPA) pubblicato sul sito dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (www.indicepa.gov.it). Fonte SEAC spa

Occupazione abusiva e IMU: Ordinanza

Con Ordinanza 25 ottobre 2021, n. 29868, la Corte di Cassazione ha chiarito che l’IMU deve essere versata dal proprietario, anche se il bene è occupato abusivamente da soggetti terzi. In particolare, la Suprema corte precisa che è “irrilevante l’abusiva detenzione del bene da parte dell’utilizzatore […], ancora una volta confermando la debenza del tributo IMU da parte del soggetto titolare del diritto di proprietà o di altro diritto reale”. Pertanto, il soggetto titolare del diritto di proprietà è tenuto a versare l’imposta anche se non è l’effettivo utilizzatore di tale bene. Fonte SEAC spa

Bonus veicoli sicuri: decreto pubblicato in G.U.

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 22 ottobre 2021, il decreto del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile del 24 settembre 2021 “Modalità di concessione del contributo per la revisione dei veicoli a motore”, ai sensi dell’art. 1, comma 706, Legge n. 178/2020 c.d. “bonus veicoli sicuri“. In particolare, tale bonus (pari ad € 9,95) è una misura compensativa a seguito dell’aumento dei costi di revisione (€ 9,95). Il contributo può essere richiesto dai proprietari di veicoli a motore che sottopongono il proprio veicolo alle operazioni di revisione presso gli autoriparatori autorizzati. Il contributo è riconosciuto per un solo veicolo e per una sola volta. Al fine di usufruire del beneficio, il richiedente […]

Risposte generiche al questionario non precludono la possibilità di produrre documenti in giudizio

Con Sentenza 22 ottobre 2021, n. 29691, la Corte di Cassazione ha precisato che risposte generiche ed imprecise al questionario non corrispondono ad un rifiuto di esibizione della documentazione richiesta, pertanto non precludono al contribuente la possibilità di produrre documentazione in giudizio.In particolare la Suprema Corte evidenzia che in tema di accertamento, l’omessa esibizione da parte del contribuente dei documenti in sede amministrativa determina l’inutilizzabilità della successiva produzione in sede contenziosa solo nel caso in cui l’amministrazione dimostri che vi è stata una puntuale richiesta degli stessi (accompagnata dall’avvertimento circa le conseguenze della mancata ottemperanza) e che il contribuente ne abbia rifiutato l’esibizione, dichiarando di non possederli, o comunque sottraendoli al controllo, con uno specifico comportamento doloso volto ad eludere la verifica. Inoltre, precisa la Cassazione, il divieto di utilizzo in sede giudiziaria di documenti non esibiti in sede amministrativa costituisce un limite all’esercizio dei […]

Tassazione dei redditi da sublocazione: Ordinanza

Con Ordinanza 21 ottobre 2021, n. 29335, la Corte di Cassazione ha chiarito che i canoni percepiti dal soggetto che concede un immobile in sublocazione costituiscono redditi diversi, ex art. 67, comma 1, lett. h), TUIR, e non redditi fondiari. In particolare, la Suprema corte precisa che “il reddito derivante dalla locazione di un immobile può considerarsi reddito fondiario, ai sensi dell’art. 26 citato (TUIR), esclusivamente se la parte locatrice dispone del possesso del bene locato in quanto proprietaria, usufruttuaria o titolare di altro diritto reale sul bene in questione”.Pertanto, non va compreso fra i redditi da fabbricato quello derivante dalla sublocazione di un immobile stipulata da soggetto non proprietario né titolare di altro diritto reale sul bene. […]