News

Obbligo fatturazione eredi del professionista deceduto: Interpello

Con Risposta ad Interpello 19 novembre 2021, n. 785, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’obbligo di fatturazione in capo agli eredi del professionista deceduto i quali, ritenendo chiuse tutte le posizioni riguardanti l’attività del de cuius, hanno comunicato la cessazione dell’attività e la cancellazione della relativa Partita IVA.In particolare, l’Agenzia ha chiarito che, tenuto conto che il fatto generatore del tributo IVA e, dunque, l’insorgenza della relativa imponibilità va identificato con la materiale esecuzione della prestazione, nel caso in cui il de cuius non abbia fatturato la prestazione, l’obbligo si trasferisce in capo agli eredi secondo quanto disposto dall’art. 35-bis, D.P.R. n. 633/1972; essi dovranno fatturare la prestazione eseguita dal de cuius non già in nome proprio, ma del de cuius.Pertanto, nel caso di specie l’istante, in qualità di erede del professionista […]

Invio del questionario con richiesta di chiarimenti: Cassazione

Con Ordinanza 18 novembre 2021, n. 35228, la Corte di Cassazione ha stabilito che con l’invio del questionario ex art. 32, comma 4, D.P.R. n. 600/1973,  l’Amministrazione finanziaria deve: fissare un termine minimo per l’adempimento delle richieste di chiarimenti in esso contenuti;avvertire il contribuente delle conseguenze pregiudizievoli derivanti dall’inosservanza dello stesso. In mancanza di tale avvertimento l’Amministrazione finanziaria non può invocare la sanzione dell’inutilizzabilità della documentazione esibita dal contribuente in sede contenziosa, poiché incombe sull’Amministrazione l’onere di provare che si è correttamente realizzata la sequenza procedimentale avviata col questionario. Fonte SEAC spa

Agevolazione prima casa e mancata ultimazione dei lavori: Cassazione

Con Ordinanza 17 novembre 2021, n. 34865, la Corte di Cassazione ha precisato, in tema di agevolazione prima casa, che il mancato completamento nei termini dei lavori di ristrutturazione, che impedisce il trasferimento della residenza entro diciotto mesi nel comune in cui è ubicato l’immobile acquistato, non è considerato inevitabile, imprevedibile e assolutamente non imputabile alla parte, con conseguente decadenza dal beneficio fiscale.In altre parole, tale evento non costituisce una causa di forza maggiore. Fonte SEAC spa

CFP per attività in Comuni con santuari religiosi: determinata la percentuale

Con Provvedimento 17 novembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha disposto che la percentuale per il calcolo del contributo da erogare ex art. 59, D.L. n. 104/2020, in favore delle attività economiche e commerciali svolte nei centri storici dei comuni dove sono situati santuari religiosi, è pari al 51,6050%. Fonte SEAC spa

CFP perequativo: percentuali definite dal MEF

È in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il Decreto MEF attuativo dell’art. 1, commi da 16 a 27, D.L. n. 73/2021 (c.d. Decreto “Sostegni-bis”) che prevede il riconoscimento di un contributo a fondo perduto a favore dei soggetti che svolgono attività d’impresa, arte o professione o che producono reddito agrario, che abbiano registrato un peggioramento del risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020 rispetto al periodo d’imposta precedente. In particolare, per accedere al CFP è necessario che: il peggioramento del risultato economico in corso al 31 dicembre 2020 sia pari almeno al 30% rispetto al risultato economico in corso al 31 dicembre 2019;i soggetti interessati abbiano presentato, entro il 30 settembre 2021, […]

Pubblicato in G.U. il Regolamento sugli investimenti pubblicitari

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 17 novembre 2021, n. 274, il D.PC.M 30 dicembre 2020, n. 196, relativo al “Regolamento recante modalità per la concessione di un contributo, sotto forma di credito di imposta, sugli investimenti pubblicitari in favore di leghe e società sportive professionistiche e di società e associazioni sportive dilettantistiche“.In particolare, il decreto individua le disposizioni di attuazione necessarie alla concessione del contributo, sotto forma di credito d’imposta, finalizzato ad incentivare gli investimenti in campagne pubblicitarie effettuati tra il 1° luglio 2020 ed il 31 dicembre 2020 ex art. 81, D.L. n. 104/2020. Fonte SEAC spa

Pubblicato in G.U. il Regolamento banca dati strutture ricettive

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 16 novembre 2021, n. 273, il Decreto 29 settembre 2021, n. 161, relativo al “Regolamento recante le modalità di realizzazione e di gestione della banca dati delle strutture ricettive e degli immobili destinati alle locazioni brevi“.In particolare, il decreto regolamenta le modalità di costituzione, gestione e accesso alla banca dati, nonché di acquisizione dei codici identificativi regionali (se presenti).Le informazioni contenute nella banca dati saranno pubblicate sul sito istituzionale del Ministero del turismo, e saranno accessibili agli utenti previa registrazione degli stessi. Fonte SEAC spa

Esonero contributivo artigiani e commercianti: Messaggio INPS

Con Messaggio 15 novembre 2021, n. 3974, l’INPS ha comunicato la disponibilità degli esiti delle domande di esonero dal pagamento dei contributi previdenziali per artigiani e commercianti. L’esito delle verifiche è visibile nel cassetto previdenziale della gestione di riferimento, in calce alla domanda stessa e dal 29 novembre 2021 sarà visibile anche l’importo concesso a titolo di esonero.Nel caso di esito positivo della domanda, i beneficiari dovranno effettuare i versamenti relativi al 2021, compresi quelli in scadenza nel mese di novembre, entro il 29 dicembre 2021. Fonte SEAC spa

L’avvocato collaboratore esterno di uno studio legale non è soggetto ad IRAP

Con Ordinanza 16 novembre 2021, n. 34484, la Corte di Cassazione ha ribadito che il presupposto del versamento dell’IRAP è costituito dall’esercizio di un’attività autonomamente organizzata diretta alla produzione o allo scambio di beni ovvero alla prestazione di servizi.In particolare, con riferimento alle attività professionali, il professionista deve essere il responsabile dell’organizzazione e l’attività professionale deve essere svolta con l’utilizzo di fattori idonei ad accrescerne la produttività.Nel caso si specie, la Suprema Corte ha stabilito che un avvocato, che esercita la professione come collaboratore esterno di uno studio legale (senza assumere all’interno di esso né una funzione direttiva o di responsabilità, né la qualifica di associato) limitandosi ad utilizzare i beni messi a sua disposizione (ufficio, pc, telefono ecc.) non è soggetto al versamento dell’IRAP. Fonte SEAC spa

Amministratore di società di capitali, il compenso non sempre è deducibile: Cassazione

Con Ordinanza 15 novembre 2021, n. 34221, la Corte di Cassazione ha chiarito che qualora il compenso degli amministratori di una società di capitali, ai sensi dell’art. 2389, comma 1, C.c., non sia stabilito nell’atto costitutivo è necessaria un’esplicita delibera assembleare di approvazione della misura dei compensi da corrispondere.La Corte precisa, inoltre, che tale decisione non può considerarsi implicita nella delibera di approvazione del bilancio, poiché la disciplina contenuta nell’art. 2389, comma 1, C.c., è da considerarsi imperativa ed inderogabile. Di conseguenza, lo svolgimento di attività gestoria da parte dell’amministratore non può giustificare, da solo, la deducibilità dei relativi costi ma è necessaria la delibera assembleare di approvazione del compenso. Fonte SEAC spa