Tag Archivi: decreto rilancio

Regime IVA agevolato ex art. 124 “Decreto Rilancio”: Interpello

Con Risposta ad Interpello 7 giugno 2021, n. 391, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione del regime IVA agevolato ex art. 124, D.L. n. 34/2020(c.d. “Decreto Rilancio”). Nel caso di specie l’istante, che aveva effettuato la cessione di un bene che solo in un successivo momento era stato ricompreso nella disciplina di favore, chiedeva se tale interpretazione abbia effetto retroattivo e, quindi, permetta l’emissione di una nota di variazione ai sensi dell’articolo 26, comma 3, D.P.R. n. 633/72 con riguardo alle operazioni fatturate con aliquota ordinaria. L’Agenzia delle Entrate precisa che l’istante può rettificare la maggiore imposta  erroneamente applicata, emettendo una nota di variazione, entro un anno dall’effettuazione dell’operazione. Fonte SEAC spa

Regime agevolato IVA ex art. 124, Decreto Rilancio: Circolare

Con Circolare 15 ottobre 2020, n. 26, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione dell’art. 124, D.L. n. 34/2020, relativo alla disciplina IVA agevolata per l’acquisto dei beni (elencati in via tassativa) considerati necessari per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, ovvero all’esenzione IVA fino al 31 dicembre 2020 (con diritto alla detrazione dell’imposta in capo al cedente);all’applicazione dell’aliquota ridotta al 5% a partire dal 1° gennaio 2021. In particolare, l’Agenzia ha chiarito che il regime IVA agevolato si applica, tra l’altro, all’acquisto di: termometri per la misurazione della temperatura corporea, inclusi i termoscanner;mascherine chirurgiche, Ffp2 e Ffp3, mascherine riutilizzabili vendute con filtro e filtri singoli (essendo il filtro elemento principale della mascherina);distributori di disinfettanti […]

Emergenza Coronavirus: approvato il cd. “Decreto Rilancio”

In data 13 maggio 2020, il Consiglio dei Ministri ha approvato il cd. “Decreto Rilancio”, in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il quale introduce misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali, connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19. Tra le numerose misure previste: i datori di lavoro che nell’anno 2020 sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica, possono presentare domanda di concessione del trattamento ordinario di integrazione salariale o di accesso all’assegno ordinario con causale “emergenza COVID-19”, per massimo 9 settimane per periodi decorrenti dal 23 febbraio 2020 al 31 agosto 2020, incrementate di ulteriori 5 settimane nel medesimo periodo […]