News

Addizionale regionale all’IRPEF: risoluzione MEF

Con Risoluzione 1 febbraio 2022, n. 2/DF, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fornito chiarimenti in merito alle conseguenze  sull’addizionale regionale, derivanti dalla rimodulazione degli scaglioni IRPEF prevista dalla Legge di Bilancio 2022. Il comma 5, art. 1, Legge n. 234/2021 ha disposto che il termine di modifica delle aliquote dell’addizionale regionale è differito dal 31 dicembre 2021 al 31 marzo 2022.Alla luce del mutato quadro normativo, le regioni che: intendono mantenere l’applicazione dell’aliquota unica dell’addizionale, non sono tenute ad assolvere gli adempimenti prescritti dalla Legge n. 234/2021 e devono procedere, entro il 13 maggio 2022, all’inserimento dei dati rilevanti per la determinazione del tributo nell’applicazione disponibile nell’Area riservata del Portale del Federalismo fiscale www.portalefederalismofiscale.gov.it;hanno già modificato la disciplina […]

Deduzione fiscale delle quote di ammortamento e maxi ammortamento: Interpello

Con Risposta ad Interpello 3 febbraio 2022, n. 66, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla deduzione fiscale delle quote di ammortamento e di maxi ammortamento per i soggetti che si sono avvalsi della possibilità di sospendere l’ammortamento nel 2020 (art. 60, commi da 7-bis a 7-quinquies, D.L. 104/2020).Nel caso di specie, l’Agenzia ha confermato la mera facoltà e non l’obbligo per il contribuente  di dedurre le quote di ammortamento sospese, anche in assenza dell’imputazione a conto economico, ai sensi del combinato disposto dell’articolo 60, commi da 7-bis a 7-quinquies, D.L. 104/2020 e dell’art. 102 TUIR, considerando comunque il carattere eccezionale e la funzione agevolativa della norma in esame volta a ridurre l’impatto degli ammortamenti sul risultato di periodo, al […]

Contributi erogati dai Comuni al Consorzio Fidi: Interpello

Con Risposta ad Interpello 31 gennaio 2022, n. 58, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’operatività della detassazione prevista dall’art. 10-bis, D. L. 28 ottobre 2020, n. 137, in relazione ai contributi erogati dai Comuni al Consorzio Fidi in seguito all’emergenza COVID-19, volti a sostenere le attività economiche del territorio.Secondo l’Agenzia, per tali contributi “indiretti” il regime di esenzione in parola è riconosciuto nel presupposto che essi siano strettamente connessi all’emergenza pandemica e, come richiesto espressamente dall’art. 10-bis, siano «diversi da quelli esistenti prima della medesima emergenza».Infatti, tali misure di sostegno vengono offerte ai consorzi per le spese di istruttoria finalizzate alla concessione di fidi alle imprese del territorio e sono da considerarsi quale contributo indiretto […]

Attività immateriali rivalutate e deducibilità quote ammortamento: nuovo prospetto nel modello Redditi

L’articolo 1, commi da 622 a 624, Legge di Bilancio 2022, con l’introduzione dei nuovi commi 8-ter e 8-quater all’art. 110, DL n. 104/2020, c.d. “Decreto Agosto” ha disposto che per le attività immateriali (avviamento, marchi, ecc.) oggetto di rivalutazione/riallineamento, la deduzione ai fini IRPEF/IRES/IRAP del maggior valore è effettuata, per ciascun periodo d’imposta, in misura non superiore a 1/50 del costo o valore (in luogo di 1/18 ex art. 103, TUIR). É tuttavia consentito “mantenere” la deduzione in misura non superiore a 1/18 a fronte del versamento di un’imposta sostitutiva dell’IRPEF/IRES/IRAP e relative addizionali nella misura stabilita dall’ art. 176, comma 2-ter, TUIR  (12% – 14% – 16% a seconda dell’importo dei maggiori valori), al netto dell’imposta sostitutiva del 3% versata ai fini della rivalutazione.A tal fine nel Modello Redditi 2022 è stata introdotta, nel […]

Novità modello REDDITI PF

Il Mod. REDDITI 2022 PF, approvato con Provvedimento 31 gennaio 2022, presenta una serie di novità di rilievo. In particolare: il quadro RC è stato rivisto al fine di recepire le modifiche normative intervenute in materia di riduzione della pressione fiscale sul lavoro dipendente;nel quadro RP: è stato introdotto il nuovo codice “45” nei righi RP8-RP13, che individua le spese di iscrizione a scuole musicali per ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni mentre è stato invece eliminato il codice 72 che lo scorso anno individuava la detrazione del 30% sulle erogazioni liberali per finanziare interventi per il contenimento dell’emergenza COVID-19;viene indicato il nuovo limite di € 550 per le spese veterinarie;sono recepite numerose novità inerenti alle detrazioni edilizie, tra cui la possibilità […]

Novità ISA 2022

Con Provvedimento datato 31 gennaio 2022, sono stati approvati 175 modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli ISA per il periodo d’imposta 2021.Fra le novità intervenute si segnalano le seguenti: una sola casistica di esclusione dagli ISA legata al Covid, ovvero coloro che hanno subito una riduzione dei ricavi/compensi del 33%; in presenza di tale causa di esclusione rimane comunque l’obbligo di presentazione del modello; la non indicazione nel quadro F e nel quadro H dell’ammontare dei contributi e delle indennità di qualsiasi natura che non concorrono alla formazione del reddito, erogati in via eccezionale a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid; le modifiche dei codici ATECO nei Modelli ISA 2022.  Fonte SEAC spa

Approvati i modelli definitivi REDDITI, CNM, IRAP e ISA 2022

Con quattro distinti Provvedimenti datati 31 gennaio 2022, sono stati approvati dall’Agenzia delle Entrate i modelli REDDITI 2022 e le relative istruzioni, relativi a: Persone fisiche (PF);Società di Capitali (SC);Società di Persone (SP);Enti non commerciali (ENC). Sono stati inoltre approvati i modelli 2022 e le istruzioni relativi a: Consolidato nazionale e mondiale (CNM);IRAP. Con un ulteriore Provvedimento datato 31 gennaio, sono: stati individuati i dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli ISA per il periodo di imposta 2022;stati approvati 175 modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli ISA per il periodo d’imposta 2021;state individuate le modalità per l’acquisizione degli ulteriori dati necessari ai fini dell’applicazione degli ISA per il periodo d’imposta 2021 e il programma delle elaborazioni […]

Definiti i termini e le modalità di presentazione dell’istanza “Bonus mobilità”

Con Provvedimento 28 gennaio 2022, n. 28363, l’Agenzia delle Entrate ha definito le modalità ed i termini di presentazione dell’istanza per il riconoscimento del c.d. “Bonus mobilità” (ex art. 44, comma 1-septies, D.L. n. 34/2020), il quale prevede un credito d’imposta per l’acquisto di: biciclette (elettriche o muscolari);monopattini elettrici;abbonamenti al trasporto pubblico;servizi di mobilità elettrica in condivisione o sostenibile.  Inoltre, in allegato al Provvedimento in esame, è stato approvato il relativo modello di “Istanza per il riconoscimento del credito d’imposta per le spese sostenute per l’acquisto di mezzi e servizi di mobilità sostenibili”.Merita evidenziare che: l’istanza deve essere presentata a partire dal 13 aprile 2022 fino al 13 maggio 2022;il credito d’imposta può essere fruito non oltre il periodo d’imposta 2022. Fonte SEAC spa

Proroga dei termini per l’invio e l’opposizione all’utilizzo dei dati delle spese sanitarie

Con Provvedimento 28 gennaio 2022, n. 28825, l’Agenzia delle Entrate ha disposto la proroga dei termini individuati dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 6 maggio 2019, n. 115304, per consentire agli assistiti di esercitare la propria opposizione all’utilizzo delle spese sanitarie per l’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata 2022. In particolare, l’opposizione può essere esercitata: fino all’8 febbraio 2022 (e non fino al 31 gennaio), con riferimento ai dati aggregati relativi ad una o più tipologie di spesa, mediante apposita comunicazione all’Agenzia delle Entrate; dal 16 febbraio 2022 al 15 marzo 2022 (e non dal 9 febbraio all’8 marzo), in relazione ad ogni singola voce di spesa, accedendo direttamente all’area autenticata del sito web del Sistema Tessera Sanitaria tramite […]

Approvazione del nuovo Modello MUD

Il D.P.C.M. 17 dicembre 2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 21 gennaio 2022, n. 16, sostituisce integralmente il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD), ossia la comunicazione che enti e imprese presentano, ogni anno, indicando quanti e quali rifiuti hanno prodotto e/o gestito durante il corso dell’anno precedente.Il modello MUD 2022, relativo al 2021, va presentato entro il 21 maggio 2022 (120 giorni dalla data di pubblicazione del Decreto).Il nuovo modello contiene le seguenti novità: sono stati aggiornati tutti i riferimenti normativi relativi al D.Lgs. n. 116/2021;nella Sez. Anagrafica figura la nuova scheda “Riciclaggio“;è stata modificata la Comunicazione dei rifiuti urbani;tra i soggetti tenuti alla presentazione e compilazione della Comunicazione Rifiuti Urbani, sono stati inseriti i soggetti che si occupano della raccolta di […]