Tag Archivi: tassazione

La tassazione dei proventi illeciti – L’esercizio abusivo della professione

Secondo la recente sentenza della Corte di Cassazione n. 21960/2022, in caso di esercizio abusivo della professione – nel caso di specie di odontoiatra – l’attività svolta va qualificata come illecita e ricade nella generale nozione di “illecito civile, penale o amministrativo” di cui all’art. 14, L. n. 537/1993. Ne consegue che i proventi derivanti da detta attività, se non sono stati sottoposti a sequestro o confisca penale, devono intendersi ricompresi nelle categorie di reddito di cui all’articolo 6, comma 1, TUIR. È anche possibile applicare ai fini della determinazione della base imponibile la presunzione di cui all’articolo 32, comma 1, n. 2), D.P.R. n. 600/73 sia quanto ai versamenti, […]

Tassazione del trattamento di fine mandato in caso di società estinta: Interpello

Con Risposta ad Interpello 21 aprile 2022, n. 204, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle modalità di tassazione del trattamento di fine mandato in caso di società estinta.Nel caso di specie, una società, cancellata dal registro delle imprese, aveva stipulato una polizza assicurativa per il trattamento di fine mandato in favore di un socio; il liquidatore della società intende sapere se, in tali casi, sia necessario effettuare il versamento delle ritenute fiscali da parte della società estinta.L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, qualora al momento di erogazione delle somme la società risulti già cancellata dal Registro delle imprese e, quindi, estinta, tali somme non potranno essere assoggettate a ritenuta. Inoltre, l’Amministrazione finanziaria ha precisato che, qualora le somme rispettino le condizioni di cui all’art. 17, comma 1, […]

Tassazione della rinuncia al TFM da parte dell’amministratore

Con Ordinanza 14 aprile 2022, n. 12222, la Corte di Cassazione ha fornito chiarimenti in merito alla tassazione della rinuncia al trattamento di fine mandato da parte del contribuente socio-amministratore di una società. In particolare la Suprema Corte, richiamando precedenti pronunce, ha stabilito che la rinuncia al trattamento di fine mandato costituisce, dal punto di vista giuridico, un incasso e, come tale, è soggetto a tassazione.Tale incasso presuppone la possibilità di disporre di una somma di denaro e costituisce espressione della volontà di patrimonializzare la società; si tratta, infatti, del conseguimento di un credito il cui importo, anche se non materialmente incassato dal socio-amministratore, incrementa il patrimonio della società, comportando un aumento del valore delle quote sociali dell’amministratore. Fonte SEAC spa

Tassa sui libri sociali 2022: in scadenza il termine per il versamento

Entro il prossimo 16 marzo scade il termine per il versamento della tassa annuale per la vidimazione dei libri sociali a carico delle società di capitali.Sono pertanto obbligate al versamento s.p.a. , s.r.l. e sapa ma anche, come chiarito con Circolare 3 maggio 1996, n. 108/E, del Ministero delle Finanze le società:  in liquidazione ordinaria;sottoposte a procedure concorsuali, sempreché permanga l’obbligo della tenuta dei libri da vidimare nei modi previsti dal Codice civile. L’importo dovuto è collegato all’ammontare del capitale sociale/fondo di dotazione della società alla data dell’1.1.2022 ed è pari a: euro 309,87 se il capitale sociale o il fondo di dotazione è inferiore o pari ad euro 516.456,90;euro  516,46 se il capitale sociale o il fondo di dotazione è superiore ad euro 516.456,90. […]

Tassazione dei redditi da sublocazione: Ordinanza

Con Ordinanza 21 ottobre 2021, n. 29335, la Corte di Cassazione ha chiarito che i canoni percepiti dal soggetto che concede un immobile in sublocazione costituiscono redditi diversi, ex art. 67, comma 1, lett. h), TUIR, e non redditi fondiari. In particolare, la Suprema corte precisa che “il reddito derivante dalla locazione di un immobile può considerarsi reddito fondiario, ai sensi dell’art. 26 citato (TUIR), esclusivamente se la parte locatrice dispone del possesso del bene locato in quanto proprietaria, usufruttuaria o titolare di altro diritto reale sul bene in questione”.Pertanto, non va compreso fra i redditi da fabbricato quello derivante dalla sublocazione di un immobile stipulata da soggetto non proprietario né titolare di altro diritto reale sul bene. […]

Tassazione di somme derivanti da cessione di immobile: Interpello

Con Risposta ad Interpello 8 ottobre 2021, n. 689, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla tassazione di somme derivanti dalla cessione di un immobile posseduto da più di cinque anni e distribuite ai soci di società semplice, in esito allo scioglimento della società. Nel caso di specie, poiché l’immobile è di proprietà della società semplice da più di cinque anni, non sussiste il presupposto impositivo e non si verifica l’imputazione per trasparenza di reddito di partecipazione in capo ai soci; la conseguente distribuzione delle somme derivanti dalla cessione dell’immobile non è tassabile in capo al socio poiché le somme attribuite derivano da una plusvalenza non imponibile in capo alla società. Fonte SEAC spa