Tag Archivi: servizi digitali

Imposta sui servizi digitali: Circolare

Con Circolare 23 marzo 2021, n. 3, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti interpretativi in merito all’imposta sui servizi digitali, ex articolo 1, commi da 35 a 50, Legge n. 145/2018 ovvero l’imposta pari al 3% dei ricavi derivanti da determinati servizi digitali realizzati da imprese di rilevanti dimensioni. In particolare la Circolare analizza: l’ambito soggettivo;l’ambito oggettivo;i criteri di collegamento con il territorio dello Stato;la base imponibile;gli obblighi strumentali e contabili;i rimborsi;le Convenzioni contro le doppie imposizioni e deducibilità dell’imposta. fonte SEAC spa

L’imposta sui servizi digitali: codici tributo

Con Risoluzione 1° marzo 2021, n. 14, l’Agenzia delle Entrate, ha istituito tre codici tributo, per consentire il versamento, tramite Mod. F24, dell’imposta sui servizi digitali, ex articolo 1, commi da 35 a 50, L. n. 145/2018, come modificato ex articolo 1, comma 678, L. n. 160/2019. In particolare i codici tributo sono i seguenti: “2700” denominato “IMPOSTA SUI SERVIZI DIGITALI – articolo 1, commi da 35 a 50, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e s.m.”;“2701” denominato “IMPOSTA SUI SERVIZI DIGITALI – articolo 1, commi da 35 a 50, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e s.m. – INTERESSI“;“2702” denominato “IMPOSTA SUI SERVIZI DIGITALI – articolo 1, commi da 35 a 50, della legge 30 dicembre […]

Imposta sui servizi digitali: approvato il Mod. DST

Con Provvedimento 25 gennaio 2021, n. 22879, l’Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello DST (Digital Services Tax) da utilizzare per comunicare i dati relativi all’imposta sui servizi digitali, le relative istruzioni e le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati. Tramite tale dichiarazione è possibile anche chiedere il rimborso dell’imposta pagata in eccesso ovvero riportare l’eventuale credito all’anno successivo. Sono tenuti alla presentazione del dichiarazione in esame i soggetti esercenti attività d’impresa che, nel corso dell’anno solare precedente a quello in cui sorge il presupposto impositivo, realizzano: ovunque nel mondo, singolarmente o congiuntamente a livello di gruppo, un ammontare complessivo di ricavi non inferiore a euro 750.000.000;nel territorio dello Stato, sempre singolarmente o congiuntamente a livello di gruppo, […]

Credito d’imposta per i servizi digitali: D.P.C.M. 4 agosto 2020 in G.U.

È stato pubblicato sulla G.U. 28 settembre 2020, n. 240, il D.P.C.M. 4 agosto 2020 recante le disposizioni applicative per la concessione del credito d’imposta per i servizi digitali, introdotto dall’articolo 190, D.L. n. 34/2020 (Decreto Rilancio). Il credito per l’anno 2020 è pari al 30% della spesa effettivamente sostenuta nell’anno 2019 per i seguenti servizi digitali: acquisizione dei servizi di server, hosting e manutenzione evolutiva per le testate edite in formato digitale;information technology di gestione della connettività; ed è riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e di periodici, iscritte al registro degli operatori di comunicazione, che occupano almeno un dipendente a tempo indeterminato. fonte SEAC spa