Tag Archivi: risoluzione

Nuovi codici tributo per il cinema: Risoluzione

Con Risoluzione 8 giugno 2021 n. 42, l’Agenzia delle Entrate ha istituito due nuovi codici tributo per consentire l’utilizzo in compensazione, tramite Mod. F24, del credito d’imposta destinato alle industrie tecniche e di post-produzione ex art. 17, comma 2, L. n. 220/2016, nonché del credito d’imposta destinato alle imprese di produzione cinematografica e audiovisiva ex art. 15 L. n. 220/2016.In particolare i codici tributo risultano i seguenti: 6944 denominato TAX CREDIT INDUSTRIE TECNICHE art. 17, c. 2, legge n. 220/2016;6945 denominato TAX CREDIT OPERE DI FORMAZIONE E RICERCA art. 15, legge n. 220/2016. Si rammenta che tali crediti d’imposta sono fruibili esclusivamente tramite i servizi telematici offerti dall’Agenzia delle entrate, pena il rifiuto dell’operazione di versamento.Inoltre, l’ammontare del credito d’imposta non deve eccedere l’importo concesso dalla […]

Indicazione in dichiarazione redditi dei giorni in caso di erogazione di indennità nel 2020 da INPS o altri enti: Risoluzione

Con Risoluzione 4 giugno 2021, n. 41, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla corretta indicazione del numero dei giorni da inserire nella dichiarazione dei redditi 2021, nel caso in cui siano state erogate nel 2020 dall’INPS o altri enti delle indennità, ad esempio per disoccupazione agricola, CIG e NASPI. I chiarimenti sono sorti a seguito delle modifiche attuate al bonus Irpef dal D.L. n. 3/2020, il quale ha sostituito quest’ultimo, a decorrere dal 1° luglio 2020,  con un trattamento integrativo o con un’ulteriore detrazione fiscale a seconda dell’ammontare dei redditi percepiti dal contribuente. Di conseguenza, nei modelli dichiarativi 2021, sono previsti due semestri distinti per l’indicazione dei numeri dei giorni al fine determinare i benefici spettanti (punto 13 […]

Regime di non imponibilità IVA per attività di bunkeraggio effettuate nell’anno 2020: Risoluzione

Con Risoluzione 28 maggio 2021, n. 39, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’individuazione delle corrette modalità da seguire per effettuare la verifica a consuntivo della condizione, richiesta ai fini dell’applicabilità del regime di non imponibilità di cui all’art. 8-bis, D.P.R. n. 633/1972, dell’effettivo utilizzo del mezzo di trasporto marittimo di nuova costruzione per la navigazione in alto mare.Nel caso di specie, il chiarimento è stato richiesto da una società che commercializza gasolio utilizzato nelle operazioni di bunkeraggio, la quale ha eseguito due operazioni, nel corso dell’anno 2020, su navi che non sono state poi messe in servizio a causa dell’emergenza Covid-19. L’Agenzia ha risposto che:  la  verifica dell’utilizzo in alto mare per oltre il 70% dei viaggi delle due navi crociere di […]

Benefici per acquisto immobili da provvedimento giudiziale: Risoluzione

Con Risoluzione 28 maggio 2021, n. 38, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle procedure necessarie per poter beneficiare dell’agevolazione “prima casa” e del sistema “prezzo-valore”, qualora il trasferimento dell’immobile avvenga in forza di provvedimento giudiziale.A tal proposito, l’Agenzia ha precisato che: in relazione al beneficio “prima casa”, le dichiarazioni circa il possesso dei requisiti possono essere effettuate anche successivamente al giudizio, ma sempre prima della registrazione dell’atto, anche mediante dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà;in relazione al sistema “prezzo-valore” è consentito individuare la base imponibile relativa all’imposta di registro, ipotecaria e catastale nel valore catastale anziché nel valore venale in comune commercio, ed è sempre possibile rendere la dichiarazione purché prima della registrazione del provvedimento giudiziale, anche mediante dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà; L’Agenzia ricorda […]

Contributi Cassa Forense: con Risoluzione istituita nuova causale per riscatto

Con Risoluzione 21 maggio 2021, n. 34, l’Agenzia delle Entrate ha istituito, per il versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti dagli iscritti alla Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza Forense, la seguente causale contributo: E104 denominata CASSA FORENSE Riscatto art. 37 Reg. Unico Prev. Forense. La causale, in sede di compilazione del modello F24, viene esposta nella sezione Altri enti previdenziali e assicurativi, nel campo causale contributo, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna importi a debito versati, riportando: nel campo codice ente, il codice 0013;nel campo codice sede, nessun valore;nel campo codice posizione, nessun valore;nel campo periodo di riferimento: da mm/aaaa a mm/aaaa, il mese e l’anno di competenza del contributo da versare, nel formato MM/AAAA. La causale in oggetto è utilizzabile a decorrere dal 31 […]

Credito d’imposta per il rafforzamento delle medie imprese, istituito il codice tributo: Risoluzione

Con Risoluzione 13 maggio 2021 n. 33, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta, in favore degli investitori, per il rafforzamento patrimoniale delle imprese di medie dimensioni di cui all’articolo 26, comma 4, D.L. n. 34/2020. In particolare, il codice tributo risulta il seguente: “6942” denominato “Credito d’imposta per il rafforzamento patrimoniale delle imprese di medie dimensioni – investitori – art. 26, c. 4, DL n. 34 del 2020”. Fonte SEAC spa

Assistenza fiscale a distanza e fatture elettroniche: Risoluzione

Con Risoluzione 11 maggio 2021, n. 31, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle modalità applicative dell’assistenza fiscale a distanza (ex art. 78, comma 4-septies, D.L. n. 18/2020).La citata norma, infatti, per il periodo emergenziale connesso all’epidemia da COVID-19, permette ai contribuenti che intendono avvalersi di intermediari abilitati per la presentazione di dichiarazioni, denunce e atti all’Agenzia delle Entrate di inviare, per via telematica ai predetti intermediari, la copia per immagine della delega, o del mandato, sottoscritta e della documentazione necessaria, unitamente alla copia del documento di identità. L’Agenzia delle Entrate ha precisato che tale norma possa applicarsi anche in caso di delega per la consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche dei contribuenti e per gli altri servizi indicati nel Provvedimento […]

Ingresso di nuovi soggetti nel Gruppo IVA: Risoluzione

Con Risoluzione 7 maggio 2021 n. 30, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’ingresso in itinere di una società già esistente alla data di costituzione del gruppo IVA, rispetto alla quale si sono instaurati successivamente i vincoli finanziario, economico e organizzativo previsti dal legislatore.I chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate riguardano, in particolare: la decorrenza dell’ingresso di un nuovo soggetto;la natura della norma (sistematica o antielusiva) che fissa il requisito del possesso della partecipazione dal 1° luglio dell’anno precedente;la vigenza dei chiarimenti resi con Circolare n. 19/2018 e con Principio di Diritto n. 16/2020;la decorrenza del termine ultimo previsto dall’art. 70-quater, comma 5, D.P.R. n. 633/1972 per la presentazione della dichiarazione di inclusione. Fonte SEAC spa

Nuovi codici tributo e rivalutazioni dei beni d’impresa: Risoluzione

Con Risoluzione 30 aprile 2021 n. 29, l’Agenzia delle Entrate ha istituito tre nuovi codici tributo per il versamento, tramite modello F24, delle imposte sostitutive dovute per la rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni e per l’affrancamento del saldo attivo della rivalutazione, ai sensi dell’articolo 110, D.L. n. 104/2020, ed altresì per l’affrancamento del saldo attivo della rivalutazione dei beni del settore alberghiero e termale, ai sensi dell’articolo 6-bis, D.L. n. 23/2020. In particolare i codici tributo risultano i seguenti: “1857 – IMPOSTA SOSTITUTIVA SUL SALDO ATTIVO DI RIVALUTAZIONE – art. 110, comma 3, del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104”;“1858 – IMPOSTA SOSTITUTIVA SUL MAGGIOR VALORE ATTRIBUITO AI BENI RIVALUTATI – art. 110, comma […]

Correzione del prospetto “Aiuti di Stato”: Risoluzione

Con Risoluzione 15 aprile 2021, n. 26, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla modalità di correzione nel caso in cui sia stato compilato erroneamente il prospetto “Aiuti di Stato” delle dichiarazioni fiscali, e di conseguenza sia stato iscritto come aiuto individuale nel Registro nazionale aiuti di Stato l’importo non corretto. In particolare, nel caso in cui nel prospetto “Aiuti di Stato” sia stato inserito l’ammontare della deduzione o della variazione in diminuzione, su cui viene calcolata l’agevolazione, anziché l’importo del contributo spettante, è possibile presentare una dichiarazione integrativa, a seguito della quale l’Agenzia delle entrate provvederà a effettuare la correzione in diminuzione del maggior importo precedentemente indicato nel Registro nazionale aiuti di Stato […]