Tag Archivi: provvedimento

Utilizzo dati spese sanitarie nella dichiarazione dei redditi precompilata: Provvedimento

Con Provvedimento 30 settembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha delineato le modalità tecniche di utilizzo, ai fini dell’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata, dei dati delle spese sanitarie comunicate, a decorrere dall’anno d’imposta 2021, anche ai sensi dell’art. 1 del Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 16 luglio 2021.In particolare, la disposizione riguardante la richiesta verbale al medico o alla struttura sanitaria dell’annotazione sul documento fiscale dell’opposizione all’utilizzo dei dati delle spese sanitarie  (Provvedimento 6 maggio 2019), si applica con riferimento alle spese sanitarie, relative alle prestazioni erogate da parte dei soggetti di cui al Decreto MEF 16 luglio 2021, sostenute a partire dal sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del Provvedimento. Fonte SEAC spa

Accollo del debito d’imposta: Provvedimento

Con Provvedimento 24 settembre 2021, l’Agenzia delle Entrate, in attuazione dell’articolo 1, D.L. n. 124/2019,  ha definito le modalità di esecuzione dell’accollo del debito d’imposta altrui nonché del recupero degli importi dovuti e dell’irrogazione delle sanzioni in capo all’accollante e all’accollato.In particolare, il Provvedimento in oggetto precisa che: il pagamento del debito d’imposta dell’accollato dev’essere effettuato unicamente tramite il modello F24, da presentare esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate;la delega di pagamento sarà rifiutata se presentata con modalità diverse e se vengono utilizzati in compensazione i crediti dell’accollante;i versamenti effettuati in violazione delle modalità individuate dall’Agenzia delle Entrate si considerano come non avvenuti.  Ai fini della compilazione del modello F24 per la delega, sarà necessario indicare nella sezione “Contribuente”: nel campo “Codice fiscale”, il codice fiscale dell’accollato, soggetto passivo del rapporto tributario e debitore originario;nel campo “Codice […]

Precompilata IVA per le operazioni dal 1° luglio 2021: Provvedimento

Con Provvedimento 8 luglio 2021, l’Agenzia delle Entrate comunica l’avvio della fase sperimentale della precompilata IVA grazie ai dati delle e-fatture e dei corrispettivi. Per le operazioni effettuate dal 1° luglio 2021 in poi, l’Agenzia mette a disposizione dei soggetti passivi IVA residenti e stabiliti in Italia le bozze dei seguenti documenti:  registri IVA;comunicazioni delle liquidazioni periodiche IVA; a partire dalle operazioni IVA 2022, la bozza della dichiarazione annuale IVA. Con il provvedimento in oggetto inoltre:  sono individuate le modalità di predisposizione dei documenti IVA precompilati;  sono fissate le modalità di accesso; si definisce la platea degli operatori interessati;si disciplinano l’attività di memorizzazione dei dati e le regole di trattamento e sicurezza. Dal 13 settembre 2021 saranno disponibili le prime bozze dei registri IVA del terzo trimestre 2021. Fonte SEAC spa

Modalità di utilizzo del credito d’imposta per l’acquisto di veicoli elettrici o ibridi: Provvedimento

Con Provvedimento 28 giugno 2021, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito che il credito d’imposta corrispondente all’incentivo eco-bonus, di cui all’art. 1, comma 1061, L. n. 145/2018, è utilizzabile esclusivamente in compensazione ai fini del versamento dei tributi e contributi pagabili mediante modello F24, senza l’applicazione dei limiti di cui all’art. 34, L. n. 388/2000 e art. 1, comma 53, L. n. 244/2007. Il modello F24 deve essere presentato esclusivamente tramite i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia, pena il rifiuto dell’operazione di versamento. Infine, viene precisato che: restano ferme le disposizioni di cui al Decreto del Ministro dello sviluppo economico del 20 marzo 2019, di concerto con il Ministro delle infrastrutture ed il Ministro dell’economia e delle finanze;sono confermate le istruzioni impartite con la precedente Risoluzione […]

Uffici competenti allo svolgimento delle attività e dei controlli dei regimi speciali IVA OSS e IOSS: Provvedimento

Con Provvedimento 25 giugno 2021 l’Agenzia delle Entrate definisce l’ultimo tassello del nuovo sistema europeo centralizzato e digitale di assolvimento dell’IVA, per le operazioni di commercio elettronico e di vendita a distanza, individuando gli uffici competenti e le attività collegate ai due nuovi regimi speciali IVA, IOSS (Import One Stop Shop) e OSS (One Stop Shop), in vigore dal 1° luglio 2021, essenziali per l’assolvimento degli obblighi di dichiarazione e versamento dell’imposta dovuta. Data la rilevanza della novità e l’utilità di acquisire il punto di vista degli operatori interessati, sarà possibile inviare dei contributi scritti, entro il prossimo 12 luglio, alla seguente email: dc.gci.internazionale@agenziaentrate.it.  Fonte SEAC spa

Bonus acqua potabile: Provvedimento e modello di comunicazione

Con Provvedimento 16 giugno 2021, l’Agenzia delle Entrate definisce i criteri le modalità di applicazione e di fruizione del credito d’imposta per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento ed addizione di anidride carbonica alimentare E290, di cui all’art. 1, commi 1087 e 1089, L. n. 178/2020. Il credito di imposta è pari al 50% della spesa sostenuta, con tetto di spesa stanziato pari a 5 milioni di euro per le spese effettuate tra il 1° gennaio 2021 ed il 31 dicembre 2022, fino ad un massimo di: euro 1.000, per ciascun immobile per persone fisiche;euro 5.000, per ogni immobile adibito ad attività commerciale o istituzionale per gli esercenti attività d’impresa. È stato inoltre approvato il modello di comunicazione che i soggetti interessati all’agevolazione devono trasmettere all’Agenzia dal 1° al 28 febbraio dell’anno successivo a […]

Criteri per l’individuazione di elementi di incoerenza nel Mod. 730: Provvedimento

Con Provvedimento 24 maggio 2021, n. 125708, l’Agenzia delle Entrate ha reso noti i criteri per l’individuazione degli elementi di incoerenza delle dichiarazioni dei redditi modello 730/2021 con esito a rimborso, finalizzati ai controlli preventivi ex art. 5, comma 3-bis, D.Lgs. n. 175/2014. In particolare, gli elementi di incoerenza sono individuati: nello scostamento per importi significativi dei dati risultanti nei modelli di versamento, nelle certificazioni uniche e nelle dichiarazioni dell’anno precedente, o nella presenza di altri elementi di significativa incoerenza rispetto ai dati inviati da enti esterni o a quelli esposti nelle certificazioni uniche, nonchénella presenza di situazioni di rischio individuate in base alle irregolarità verificatesi negli anni precedenti. Fonte SEAC spa

Accesso alla dichiarazione 730/2021 precompilata e termini di invio: Provvedimento

Con Provvedimento 7 maggio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha disposto le modalità di accesso, di consultazione e di invio della dichiarazione 730/2021 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati. Si ricorda che la dichiarazione precompilata è completa delle informazioni che i soggetti terzi hanno trasmesso all’Agenzia delle Entrate relativamente a redditi e compensi erogati al soggetto, oneri detraibili e deducibili . Il termine ultimo per l’invio del Modello 730/2021 è il 30 settembre 2021. Fonte SEAC spa

Regime premiale ISA: Provvedimento

 Con Provvedimento 26 aprile 2021 , l’Agenzia delle Entrate ha individuato i livelli di affidabilità fiscale ISA ai quali sono collegati i benefici premiali ex art. 9-bis, comma 11, D.L. n. 50/2017, relativamente al periodo d’imposta 2020. Il Provvedimento relativo a quest’anno ha confermato i livelli di affidabilità dello scorso anno, ed anche quest’anno il punteggio di affidabilità può essere conseguito anche attraverso la media dei livelli di affidabilità ottenuti a seguito dell’applicazione degli ISA per i periodi d’imposta 2019 e 2020.A titolo di esempio, sarà possibile non apporre il visto di conformità sui Modd. IVA/IVA TR 2022 per rimborso/compensazione crediti fino a euro 50.000 e sui Modd. REDDITI/IRAP 2021 per compensazione crediti 2020 fino a euro 20.000 in […]

Definite le modalità di ripresa delle notifiche: Provvedimento

Con Provvedimento 6 aprile 2021, l’Agenzia delle Entrate ha indicato le modalità di ripresa dell’attività di notifica da parte degli uffici, in base all’articolo 157, D.L. n. 34/2020, c.d. “Decreto Rilancio”. La norma riguarda gli avvisi di accertamento, di contestazione, di irrogazione delle sanzioni, di recupero dei crediti di imposta, di liquidazione e di rettifica e liquidazione, i cui termini erano originariamente in scadenza al 31 dicembre 2020 e che, per effetto della norma, sono stati differiti al 1° marzo scorso (e fino al 28 febbraio 2022). Il Provvedimento, in realtà, appare intempestivo, considerato che le notifiche sono, appunto, ripartite già dal 1° marzo scorso. In particolare, come precisato nel Provvedimento, gli uffici notificheranno gli atti distribuendoli possibilmente in modalità pressoché uniforme, seguendo prioritariamente l’ordine […]