Tag Archivi: IVA indetraibile

Immobili ed indetraibilità oggettiva dell’IVA

La disciplina della detrazione IVA relativamente agli immobili è assai complessa e prevede un’indetraibilità di natura oggettiva con riferimento agli immobili a destinazione abitativa. La delicata tematica è stata più volte affrontata sia dall’amministrazione finanziaria che dalla Corte di Cassazione. Ponendo l’attenzione all’orientamento della Suprema Corte, emerge che la giurisprudenza di legittimità sta attribuendo un’interpretazione più ampia di immobile a destinazione abitativa rispetto al dettato normativo. di Mauro Longo – Esperto tributario e revisore contabile in Trento Immobili abitativi e limitazione alla detrazione Ai sensi della lettera i) dell’art. 19-bis1, D.P.R. 633/72: “non è ammessa in detrazione l’imposta relativa all’acquisto di fabbricati, o di porzione di fabbricato, a destinazione abitativa […]

Cessionario: indetraibile l’IVA in rivalsa nelle operazioni non imponibili

Con Ordinanza 16 febbraio 2022, n. 5012 la Corte di Cassazione ha stabilito che, in merito alla prestazione di servizi non imponibile, il cessionario non può detrarre l’IVA applicata dal prestatore alla fattura emessa.In particolare, la stessa Corte precisa che la detraibilità dell’imposta è legata all’effettiva realizzazione di un’operazione imponibile, per cui non si estende all’IVA dovuta soltanto perché indicata in fattura.Di conseguenza, deve ritenersi superato l’orientamento secondo il quale l’IVA addebitata può essere detratta dal cessionario, senza che influiscano:  la non assoggettabilità all’imposta dell’operazione; oppure gli errori commessi dal cedente nell’addebito della stessa. Fonte SEAC spa

IVA indetraibile e costi agevolabili ai fini del credito d’imposta ex. L. n. 208/2015: Interpello

Con Risposta ad Interpello 23 giugno 2021, n. 428, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al calcolo del valore dei beni strumentali nuovi  su cui determinare il credito d’imposta di cui all’art. 1, commi 98-108, L. n. 208/2015 (credito d’imposta a favore delle imprese che effettuano l’acquisizione di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nelle zone assistite delle regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo). L’Agenzia ritiene che, laddove il contribuente abbia un pro-rata di detraibilità pari a zero, l’IVA indetraibile assolta sui costi agevolati può rientrare tra i costi rilevanti ai fini della determinazione della base di commisurazione del credito d’imposta di cui all’art. 1, comma 98, L. […]