Tag Archivi: imposta di bollo

Imposta di bollo e spese anticipate

DOMANDA Ho emesso fattura elettronica al mio cliente, riportando sia l’addebito di corrispettivi imponibili ai fini IVA, sia spese che ho anticipato a favore del cliente di importo superiore a 77,47 euro. A tal riguardo, sono tenuto al pagamento dell’imposta di bollo per le somme fatturate a titolo di rimborso spese anticipate? Se sì, in quale momento va assolta l’imposta da bollo? RISPOSTA Con riferimento alla fatturazione delle spese anticipate in nome e per conto del cliente, di cui all’art. 15, D.P.R. n. 633/1972, si ritiene che vada applicata l’imposta di bollo del valore di euro 2, poichè non si tratta di somme assoggettate all’imposizione dell’imposta sul valore aggiunto (IVA), […]

Regime forfetario: l’addebito in fattura dell’imposta di bollo

Si analizzano brevemente gli aspetti generali relativi al regime forfetario e, alla luce dei recenti chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate, il trattamento reddituale applicabile all’imposta di bollo addebitata in fattura al cliente da parte di un soggetto forfetario. di Centro studi fiscale Seac Come noto, dal 1° luglio 2022 l’obbligo di fatturazione elettronica è esteso anche ai soggetti in regime forfetario che nell’anno precedente (2021) hanno conseguito ricavi/compensi superiori a euro 25.000. A partire dal 1° gennaio 2024 la fatturazione elettronica interesserà anche i soggetti forfetari con ricavi/compensi pari o inferiori a euro 25.000. Fino al 31 dicembre 2023 tali soggetti potranno, quindi, continuare ad emettere fattura cartacea. Con Risposta ad Interpello 12 agosto 2022, n. 428, l’Agenzia delle Entrate ha […]

Imposta di bollo addebitata in fattura e regime forfetario

DOMANDA Un contribuente in regime forfetario addebita l’imposta di bollo in fattura ai propri clienti. Qual è il corretto trattamento dell’imposta di bollo ai fini della determinazione forfetaria del reddito?  RISPOSTA Con Risposta ad Interpello 12 agosto 2022, n. 428, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’imposta di bollo addebitata in fattura nel caso di un soggetto in regime forfetario, di cui all’art. 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190/2014. In particolare, l’Amministrazione finanziaria precisa che: le fatture sono soggette all’imposta di bollo sin dall’origine, ossia al momento della loro formazione (in presenza di somme, compensi o corrispettivi, di importo superiore a € 77,47). Fermo restando che l’obbligo di corrispondere la predetta imposta di […]

Imposta di bollo addebitata in fattura e regime forfetario

di Katia Pafumi Con Risposta ad Interpello 12 agosto 2022, n. 428, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’imposta di bollo addebitata in fattura nel caso di un soggetto in regime forfetario, di cui all’art. 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190/2014. Di seguito, si riporta brevemente una descrizione del regime in oggetto e, infine, il trattamento dell’imposta di bollo per la determinazione forfetaria del reddito.  Regime forfetario: aspetti generali Il regime forfetario è un regime contabile riservato alle persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni di cui all’art. 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190/2014 che realizzano ricavi o compensi, ragguagliati ad anno, inferiori ad euro 65.000 e prevede la determinazione del reddito con l’applicazione ai ricavi o compensi di un coefficiente […]

Imposta di bollo documenti rilasciati in via telematica: Interpello

Con Risposta ad Interpello 6 aprile 2022, n. 170, l’Agenzia delle Entrate ha fornito dei chiarimenti in merito all’applicabilità dell’imposta di bollo, di cui all’art.4, Tariffa allegata al D.P.R n. 642/1972, sulle copie rilasciate in via telematica.Nel caso di specie, l’interpellante considera le copie conformi dei fascicoli digitali, sostitutivi di quelli cartacei, trasmesse dall’Ente al richiedente a mezzo PEC o tramite e-mail in formato pdf, qualificabili quali documenti digitali o digitalizzati.Pertanto, l’interpellante richiede la possibilità di assoggettare il rilascio degli stessi documenti al pagamento dell’imposta di bollo nella misura forfettaria di euro 16,00, a prescindere dalla dimensione del documento. A tal riguardo, l’Agenzia delle Entrate precisa che il semplice invio di un documento in formato pdf tramite posta elettronica non è considerato quale […]

Imposta di bollo per conti di moneta elettronica/conti di pagamento: Interpello

Con Risposta ad Interpello 16 giugno 2021, n. 412, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito  applicabilità ai conti di moneta elettronica (quali carte virtuali su smartphone, App, WebApp) e ai conti di pagamento, delle disposizioni normative in materia di imposta di bollo riguardanti i contratti relativi alle carte di pagamento.In particolare, l’Amministrazione finanziaria considera equivalenti funzionalità e servizi resi con le carte di pagamento e quelli resi tramite conti di pagamento/conti di moneta elettronica.Pertanto è estesa anche a questi ultimi la disposizione agevolativa, ex art. 2, comma 150, Legge n. 662/1996, che prevede l’applicazione dell’imposta fissa di bollo solo in caso d’uso ai contratti relativi alle carte di pagamento.L’Agenzia ricorda inoltre che rimane applicabile l’esenzione totale dall’imposta di bollo ex art. 28, Tabella all. B, D.P.R. n. […]

Imposta di bollo virtuale per i riders: Interpello

Con Risposta ad Interpello 10 maggio 2021, n. 324, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla possibilità, per le società che forniscono servizi nell’ambito del food delivery avvalendosi di riders, di presentare istanza volta ad ottenere l’autorizzazione al pagamento in modo virtuale dell‘imposta di bollo.L’Agenzia delle Entrate ha precisato che nel caso in cui la società adotti un sistema di emissione delle fatture per conto dei riders forfetari o delle ricevute per conto dei riders occasionali, si può ritenere integrata la qualifica di soggetto interessato a presentare istanza per ottenere l’autorizzazione al pagamento in modo virtuale dell’imposta di bollo, ai sensi dell’art. 15, D.P.R. n. 642/1972. Fonte SEAC spa

Imposta di bollo sulle FE e l’integrazione da parte dell’Agenzia: Provvedimento

Con Provvedimento 4 febbraio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha definito le specifiche tecniche per effettuare le integrazioni, delle fatture inviate tramite SdI, per le quali è dovuto l’assolvimento dell’imposta di bollo. Tale Provvedimento prevede che l’Agenzia delle Entrate, nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi“, entro il giorno 15 del primo mese successivo alla chiusura di ogni trimestre, predisponga e metta a disposizione al cedente/prestatore o al suo intermediario delegato, due distinti elenchi: Elenco A, non modificabile: contiene le informazioni delle fatture elettroniche emesse e inviate tramite SdI che riportano l’assolvimento dell’imposta di bollo;Elenco B, modificabile: contiene le informazioni delle fatture elettroniche emesse e inviate tramite SdI che non riportano l’assolvimento dell’imposta di bollo, ma per le quali l’imposta è dovuta. Il cedente/prestatore […]

Nuovi termini di versamento dell’imposta di bollo sulle FE

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 19 dicembre 2020, n. 314, il Decreto MEF 4 dicembre 2020 che modifica le modalità di assolvimento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche e individua le procedure di recupero dell’imposta non versata. In particolare, per quanto riguarda i termini di versamento, viene stabilito che: per le fatture emesse nel primo, nel terzo e nel quarto trimestre dell’anno, il versamento deve essere effettuato entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo alla chiusura del trimestre;per le fatture emesse nel secondo trimestre, il versamento deve essere effettuato entro l’ultimo giorno del terzo mese successivo alla chiusura del trimestre;se l’importo dovuto per il primo trimestre dell’anno è inferiore a € 250, il versamento può essere effettuato entro il termine previsto per il versamento dell’imposta relativa al secondo […]

Imposta di bollo sulle fatture: sanzioni nel caso di omesso versamento

Con Risposta ad istanza di consulenza giuridica 10 dicembre 2020, n. 14, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al regime sanzionatorio previsto in caso di omesso, insufficiente o ritardato pagamento dell’imposta di bollo, sia per le fatture cartacee che per quelle elettroniche. In particolare l’Agenzia ha precisato che, in caso di mancato o insufficiente versamento dell’imposta di bollo: mediante contrassegno, la sanzione amministrativa va dal 100% al 500% dell’imposta o della maggiore imposta dovuta, oltre, ovviamente, al pagamento del tributo (art. 25, D.P.R. n. 642/1972);con modalità diverse dal contrassegno, la sanzione applicabile è pari al 30% dell’importo non versato (art. 13, D.Lgs. n. 471/1997). In quest’ultimo caso la sanzione, che è comunicata dall’Agenzia delle entrate al contribuente, può essere ridotta ad […]