Tag Archivi: fatture elettroniche

Comunicazioni “di anomalia” fatture elettroniche / corrispettivi telematici e mod. IVA 2020

L’Agenzia delle Entrate prosegue con l’attività di compliance predisponendo una comunicazione dedicata alle anomalie collegabili al confronto tra i dati delle fatture elettroniche / corrispettivi telematici e quanto dichiarato nel mod. IVA 2020, relativo al 2019.I soggetti interessati possono: – comunicare all’Agenzia il motivo della “incongruenza” rilevata; – regolarizzare gli errori / omissioni commesse mediante il ravvedimento, beneficiando della riduzione delle relative sanzioni. Come noto, nell’ambito del rapporto collaborativo e trasparente tra Fisco-contribuente, l’Agenzia delle Entrate, in attuazione di quanto previsto dalla Finanziaria 2015 invia specifiche comunicazioni delle anomalie riscontrate con il fine di consentire al contribuente di correggere (eventualmente) la propria posizione tramite il ravvedimento operoso usufruendo della riduzione […]

L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche

L’imposta di bollo (disciplinata dal D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642) si applica alle fatture (ma anche alle ricevute e alle quietanze) il cui importo eccede il valore di euro 77,47 ai sensi dell’art. 13, allegato A), D.P.R. n. 642/1972. Stante il principio di alternatività tra imposta di bollo e imposta sul valore aggiunto, ai sensi dell’art. 6, allegato B), D.P.R. n. 642/1972, la fattura avente ad oggetto operazioni soggette ad IVA, non è soggetta all’applicazione dell’imposta di bollo. La debenza di questo tributo non è mutata nemmeno con l’avvento della fatturazione elettronica (D.Lgs. 5 agosto 2015, n. 127) la quale, tuttavia, ha comportato il mutamento delle modalità di assolvimento del tributo. Il contribuente, infatti, sulla base dei dati che l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione […]

Emissione di fatture elettroniche non imponibili: Provvedimento

Con Provvedimento 29 ottobre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha disposto che per emettere fattura elettronica per operazioni non imponibili ai sensi dell’art. 8, comma 1, lett. c), D.P.R. n. 633/1972, da trasmettere al sistema SDI, nei confronti di un esportatore abituale, si deve utilizzare esclusivamente il tracciato xml della fattura ordinaria.La fattura elettronica deve riportare: nel campo <Natura> il codice N3.5 “Non imponibili – a seguito di dichiarazioni d’intento”;gli estremi del protocollo di ricezione della dichiarazione d’intento trasmessa all’Agenzia delle Entrate dall’esportatore abituale.  Fonte SEAC spa

Assistenza fiscale a distanza e fatture elettroniche: Risoluzione

Con Risoluzione 11 maggio 2021, n. 31, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle modalità applicative dell’assistenza fiscale a distanza (ex art. 78, comma 4-septies, D.L. n. 18/2020).La citata norma, infatti, per il periodo emergenziale connesso all’epidemia da COVID-19, permette ai contribuenti che intendono avvalersi di intermediari abilitati per la presentazione di dichiarazioni, denunce e atti all’Agenzia delle Entrate di inviare, per via telematica ai predetti intermediari, la copia per immagine della delega, o del mandato, sottoscritta e della documentazione necessaria, unitamente alla copia del documento di identità. L’Agenzia delle Entrate ha precisato che tale norma possa applicarsi anche in caso di delega per la consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche dei contribuenti e per gli altri servizi indicati nel Provvedimento […]