Tag Archivi: dichiarazione integrativa

La rettifica di una dichiarazione integrativa

La possibilità di presentare la dichiarazione rettificativa è ammessa solo con riferimento alle dichiarazioni originarie, non anche a quelle trasmesse a loro volta per correggere, anche in aumento, quella iniziale. Questa la non condivisibile risposta data dall’Agenzia delle Entrate in occasione della manifestazione Telefisco 2022. di Luigi Lovecchio – Dottore commercialista in Bari Per capire bene la portata dell’affermazione dell’Agenzia, che al momento non è chiaro se sarà davvero confermata in un documento di prassi, occorre prendere le mosse dalla questione posta alla base del quesito rivolto all’Amministrazione finanziaria. Questa riguarda, in sintesi, la possibilità di ripensare e quindi di rettificare le dichiarazioni presentate in sede di ravvedimento. Ci si […]

Dichiarazione integrativa per apposizione del visto di conformità: Interpello

Con Risposta ad Interpello 23 aprile 2021, n. 289, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla possibilità di presentare dichiarazione integrativa IVA al fine di apporre il visto di conformità e la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà omessi con la presentazione della dichiarazione originale. L’Agenzia delle Entrate ha precisato che se il contribuente ha presentato la dichiarazione annuale IVA optando per il rimborso, può presentare dichiarazione integrativa entro il termine previsto dall’ art. 57, D.P.R. n. 633/1972, al fine di apporre il visto di conformità e la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, lasciando inalterata la destinazione a rimborso del credito IVA, anche quando la prima richiesta di rimborso è già stata archiviata. Fonte SEAC spa

Termine presentazione dichiarazione integrativa: Interpello

Con Risposta ad Interpello 24 dicembre 2020, n. 620, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sul termine di presentazione delle dichiarazioni integrative, alla luce delle misure disposte per far fronte all’emergenza epidemiologica da Covid-19, di cui all’art. 67, D.L. n. 18/2020 e all’art. 157, D.L. n. 34/2020, in tema di accertamento. L’Agenzia ha chiarito che le disposizioni di cui sopra non posticipano gli ordinari termini di presentazione delle dichiarazioni, che si confermano quindi quelli di cui all’art. 2, comma 8, D.P.R. n. 322/1998, anche per le dichiarazioni integrative (nel caso di specie, il periodo fiscale di riferimento era l’anno 2015, il termine per l’integrativa rimane il 31 dicembre 2020). fonte SEAC spa