Tag Archivi: Definizione agevolata

Finanziaria 2023: definizione atti di accertamento e definizione / conciliazione agevolata liti pendenti

Nel disegno di legge della Finanziaria 2023 sono riproposte alcune misure finalizzate alla chiusura delle controversie tributarie e in particolare:– la definizione agevolata delle liti pendenti in ogni stato e grado del giudizio;– la conciliazione agevolata delle liti pendenti dinanzi alle Corti di Giustizia Tributaria di primo e secondo grado;– la rinuncia alle liti pendenti in Cassazione.È inoltre introdotta la definizione agevolata degli atti di accertamento. Nella bozza della Finanziaria 2023 è prevista l’adesione / definizione agevolata degli atti di accertamento / rettifica / liquidazione, accertamento con adesione, ecc. (art. 41) e sono contenute alcune disposizioni in materia di chiusura delle controversie tributarie e, in particolare: la definizione agevolata delle […]

Definizione agevolata da controlli automatizzati: Provvedimento

Con Provvedimento 3 dicembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha definito ulteriori disposizioni per usufruire della definizione agevolata da controlli automatizzati ex articolo 5, D.L. n. 41/2021per le attività che, a seguito dell’emergenza sanitaria, hanno subito nel periodo d’imposta 2020 una diminuzione del volume d’affari maggiore del 30% rispetto al periodo d’imposta 2019.L’Agenzia precisa che ai fini della definizione agevolata da controlli automatizzati le dichiarazioni dei redditi da prendere a riferimento per confrontare l’ammontare dei ricavi e compensi sono quelle relative ai periodi d’imposta in corso al 31 dicembre 2019 e al 31 dicembre 2020.    In tal modo, possono accedere alla misura agevolativa anche i contribuenti che hanno un periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare. Fonte SEAC spa

Definizione agevolata a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni: Provvedimento

Con Provvedimento 18 ottobre 2021, l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito alla definizione agevolata delle somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni, secondo quanto disposto dalle disposizioni attuative dell’art. 5, commi da 1 a 9, D.L. n. 41/2021. In particolare, l’Agenzia chiarisce che: la definizione, in presenza dei requisiti previsti dal suddetto art. 5, comma 2, si perfeziona con il pagamento delle imposte, dei relativi interessi e dei contributi previdenziali, escluse le sanzioni e le somme aggiuntive, secondo le modalità ed entro i termini previsti dagli artt. 2 e 3-bis, D.Lgs. n. 462/1997;la misura agevolativa è rivolta ai soggetti con partita IVA attiva al 23 marzo 2021 che, a causa della situazione emergenziale dovuta all’epidemia di Covid-19, hanno subito nel 2020 una riduzione del volume d’affari maggiore del 30% rispetto all’anno d’imposta precedente;oggetto […]