Tag Archivi: credito d'imposta

Credito d’imposta per il rafforzamento delle medie imprese, istituito il codice tributo: Risoluzione

Con Risoluzione 13 maggio 2021 n. 33, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta, in favore degli investitori, per il rafforzamento patrimoniale delle imprese di medie dimensioni di cui all’articolo 26, comma 4, D.L. n. 34/2020. In particolare, il codice tributo risulta il seguente: “6942” denominato “Credito d’imposta per il rafforzamento patrimoniale delle imprese di medie dimensioni – investitori – art. 26, c. 4, DL n. 34 del 2020”. Fonte SEAC spa

Adempimento tardivo per il Credito d’imposta formazione 4.0: Interpello

Con Risposta ad Interpello 13 maggio 2021, n. 343, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il corretto adempimento riguardante il deposito telematico presso il Ministero del Lavoro del contratto collettivo o aziendale costituisce una condizione di ammissibilità al credito d’imposta relativo agli investimenti effettuati dalle imprese ai fini della formazione del personale dipendente in tecnologie del Piano Nazionale Impresa 4.0. Nel caso di specie, una società aveva realizzato le attività di formazione nel 2019, ma aveva provveduto al deposito del citato accordo solo nel 2020, oltre il termine fissato al 31 dicembre 2019.  Fonte SEAC spa

Credito d’imposta per attività di ricerca, sviluppo, innovazione e design: Interpello

Con Risposta ad Interpello 10 maggio 2021, n. 323, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la disciplina del credito di imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e innovazione estetica, così come prorogata con le modifiche apportate dall’articolo 1, comma 1064, lettera f), Legge 30 dicembre 2020, n. 178 (Legge di Bilancio 2021), trova applicazione anche con riferimento ai progetti di ricerca iniziati nei periodi di imposta precedenti i cui costi corrispondenti risultano sostenuti a partire dal 2021. Fonte SEAC spa

Credito d’imposta locazioni: Interpello

Con Risposta ad Interpello 23 aprile 2021, n. 287, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla fruizione del credito d’imposta per i canoni di locazione introdotto dal Decreto Rilancio, nel caso in cui gli immobili locati vengano utilizzati contestualmente per attività di commercio al dettaglio e per altre attività.L’Agenzia delle Entrate precisa che, ricorrendo tutti i presupposti, è possibile beneficiare del citato credito di cui all’art. 28, comma 3-bis, D.L. n. 34/2020 in relazione ai canoni versati per l’immobile: in cui viene svolta in via esclusiva l’attività di commercio al dettaglio;in cui vengono svolte contestualmente l’attività di commercio al dettaglio e altre attività. Diversamente, il credito in esame non è applicabile ai canoni di locazione versati per la locazione di […]

Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali nuovi: interpello

Con Risposta ad Interpello 19 aprile 2021, n. 259, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla fruizione del credito d’imposta per investimenti in beni strumentali nuovi (articolo 1, commi 185 e seguenti, L. n. 160/2019) nel caso in cui i macchinari siano utilizzati temporaneamente in cantieri situati all’estero. L’Amministrazione finanziaria precisa che lo svolgimento di attività di manutenzione eseguibili presso impianti situati all’estero, con un impiego temporaneo di mezzi e personale (quindi non destinati ad una struttura produttiva estera), anche al di fuori del territorio dello Stato, non configura un’ipotesi di delocalizzazione, a condizione che tali beni agevolabili appartengano alla struttura produttiva italiana sotto il profilo organizzativo, economico, gestionale e che siano utilizzati nell’attività ordinariamente svolta dalla stessa.In conclusione, in presenza di tali condizioni, è possibile fruire […]

Credito di imposta ricerca e sviluppo: Risoluzione

Con Risoluzione 1° marzo 2021, n. 13, l’Agenzia delle Entrate ha istituito tre nuovi codici tributo, per consentire l’utilizzo in compensazione, tramite Mod. F24, del credito d’imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo, transizione ecologica, innovazione tecnologica 4.0 e altre attività innovative, di cui all’articolo 1, commi 198 e seguenti, L. n. 160/2019. I nuovi codici tributo istituiti sono i seguenti: “6938”, denominato “Credito d’imposta investimenti in ricerca e sviluppo, transizione ecologica, innovazione tecnologica 4.0 e altre attività innovative – art.1, c. 198 e ss., legge n. 160 del 2019”;“6939”, denominato “Credito d’imposta investimenti in ricerca e sviluppo – Misura incrementale per investimenti nelle regioni del Mezzogiorno – art. 244, c. 1, DL n. 34 del 2020”;“6940”, denominato “Credito d’imposta investimenti in ricerca […]

Credito d’imposta per il rafforzamento patrimoniale: Interpello

Con Risposta ad Interpello 2 febbraio 2021, n. 74, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’articolo 26, D.L. n. 34/2020, che prevede per le società a responsabilità limitata il riconoscimento di un credito di imposta per il rafforzamento patrimoniale. La disposizione riconosce delle agevolazioni a fronte di aumenti di capitale di alcuni tipi di società. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che non è preclusa la fruizione delle agevolazioni previste nel caso in cui una società assuma una delle forme giuridiche richieste a seguito di un’operazione di trasformazione, da porre però in essere prima dell’operazione di aumento di capitale sociale rilevante ai fini delle agevolazioni. fonte SEAC spa

Credito d’imposta in beni strumentali nuovi: Interpello

Con Risposta ad Interpello 2 febbraio 2021, n. 75, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla possibilità di cumulare il credito d’imposta per investimenti in beni strumentali nuovi previsto dalla Legge di Bilancio 2020 (commi da 184 a 197) con altre agevolazioni. In particolare, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che il credito d’imposta in esame è cumulabile con altre agevolazioni a condizione che: la disciplina di queste ultime non escluda la possibilità di cumulo;non sia superato il limite massimo del costo sostenuto. fonte SEAC spa

Credito d’imposta riacquisto “prima casa”: Interpello

Con Risposta ad Interpello 18 gennaio 2021, n. 44, l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito all’ utilizzo del credito d’imposta per il riacquisto della “prima casa” . In particolare, l’istante, acquirente nel 2015 insieme al coniuge di un immobile, ha fruito dell’agevolazione “prima casa” e gli è stato riconosciuto un credito d’imposta, del quale però ha goduto solo parzialmente in sede di rogito notarile perché il credito era superiore all’imposta di registro dovuta. L’istante chiede quindi se può fruire, per il pagamento delle imposte dovute per l’acquisto di un box auto destinato a pertinenza della prima casa, dell’eccedenza del credito d’imposta per il riacquisto “prima casa” non ancora utilizzata in dichiarazione dei redditi. L’Agenzia delle Entrate, confermando quanto […]

Credito d’imposta per l’acquisto di sistemi di filtraggio acqua potabile

L’ art. 1, commi da 1087 a 1089, Legge n. 178/2020 , c.d. Legge di Bilancio 2021, interviene sulla razionalizzazione dell’uso dell’acqua, al fine di ridurre il consumo di plastica per acque destinate ad uso potabile. È previsto il riconoscimento, dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022, di un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica alimentare E 290, a favore di: persone fisiche non esercenti attività di impresa;soggetti esercenti attività d’impresa;professionisti;enti non commerciali, compresi enti del Terzo settore e enti religiosi civilmente riconosciuti. L’ammontare delle spese sostenute non deve superare: € 1.000, per le persone fisiche non esercenti attività economica, per ciascuna unità immobiliare;€ 5.000, per i soggetti diversi dalle persone fisiche non esercenti attività economica, per ciascun immobile adibito […]