Tag Archivi: agevolazioni prima casa

Agevolazioni “prima casa” e ritardo nella consegna dell’immobile: Cassazione

Con Ordinanza 1 aprile 2022, n. 10562, la Corte di Cassazione è intervenuta in merito all’applicazione delle agevolazioni c.d. “prima casa”.In particolare, la Suprema Corte ha stabilito che qualora il contribuente non trasferisca la residenza entro un anno dall’acquisto dell’immobile, decade dalle agevolazioni c.d. “prima casa”. La perdita delle stesse si verifica anche nel caso in cui il mancato cambio di residenza dell’acquirente sia dovuto ad un ritardo della consegna dell’immobile imputabile al costruttore.Infatti, nel caso di specie, l’inadempimento al contratto preliminare, stipulato tra le parti, non configura un’ipotesi di causa di forza maggiore per la conservazione dell’agevolazione fiscale, in quanto, tale tipologia contrattuale non produce effetti reali, bensì meramente obbligatori tra le parti. Fonte SEAC spa

Immobile inagibile e agevolazioni “prima casa”: Principio di diritto

Con Principio di diritto 17 marzo 2022, n. 1, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione della c.d. agevolazione “prima casa” per l’acquisto di un altro immobile, nel caso in cui l’immobile “pre-posseduto” versi in condizioni di inagibilità, sulla base di apposita dichiarazione dell’Autorità competente.In particolare, la stessa Agenzia precisa che è possibile beneficiare dell’agevolazione in esame per l’acquisto di un nuovo immobile fino al permanere della dichiarazione di inagibilità dell’immobile “pre-posseduto”, indisponibile per il proprietario.Va evidenziato che la predetta inidoneità dell’immobile “pre-posseduto” deve essere:  oggettiva ed assoluta;attestata da idonea documentazione;indipendente dalla volontà del contribuente. Fonte SEAC spa

Proroga sospensione termini agevolazioni “prima casa”: Decreto Milleproroghe

La Legge 25 febbraio 2022, n. 15 , di conversione del D.L. 30 dicembre 2021, n. 228, c.d. “Decreto Milleproroghe” (pubblicata sulla G.U. 28 febbraio 2022, n. 49 – Suppl. Ordinario n. 8) modifica l’art. 24, comma 1, D.L. n. 24/2020, cd. “Decreto Liquidità”, prorogando dal 31 dicembre 2021 al 31 marzo 2022 il termine finale di sospensione della decorrenza dei termini, di cui alla Nota II-bis, art. 1, Tariffa parte prima, D.P.R. n. 131/86, ai fini del riconoscimento dell’imposta agevolata sulla c.d. “prima casa”.In particolare sono sospesi, per il periodo 23 febbraio 2020 – 31 marzo 2022, i termini di: 18 mesi (a decorrere dall’acquisto dell’immobile) entro i quali l’acquirente della “prima casa” deve trasferire la propria residenza nel Comune di ubicazione dell’immobile […]

Agevolazione “prima casa” cittadino italiano iscritto all’AIRE: Interpello

Con Risposta ad Interpello 28 ottobre 2021, n. 751, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’agevolazione “prima casa“, in particolare sulla: fruizione da parte di un cittadino italiano iscritto all’AIRE, nel caso di acquisto di un immobile di nuova costruzione da concedere in comodato, dell’IVA agevolata al 4% prevista dal n. 21), della Tabella A allegata al D.P.R. n. 633/1972;tassazione della plusvalenza nel caso di cessione del suddetto immobile, entro il quinquennio dalla data di acquisto. L’agevolazione in esame spetta anche nel caso in cui l’acquirente sia cittadino italiano emigrato all’estero, a condizione che l’immobile acquistato costituisca la “prima casa” nel territorio italiano e senza alcun obbligo di fissare la residenza. Per questi motivi, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il contribuente può acquistare l’immobile usufruendo dell’aliquota IVA agevolata anche nell’ipotesi in cui conceda in […]

Agevolazione “prima casa” per immobili con cambio di destinazione d’uso: Interpello

Con Risposta ad Interpello 27 ottobre 2021, n. 753, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in relazione alla fruizione dell’agevolazione “prima casa” in caso di acquisto di un immobile di categoria C/2 in corso di ristrutturazione finalizzata al cambio di destinazione d’uso in unità abitativa residenziale. In particolare l’Agenzia ha chiarito, tra l’altro, che: è possibile fruire dell’agevolazione in esame in caso di immobili non abitativi ma per i quali sia possibile il cambio di destinazione d’uso. Tuttavia, al fine di non decadere dall’agevolazione, dovrà essere dimostrata la destinazione ad abitazione principale entro un anno dall’atto originario di acquisto.qualora non sia stato dichiarato nell’atto di acquisto originario, è possibile dichiarare di voler fruire dell’agevolazione con un atto integrativo del precedente atto d’acquisto, da redigersi nella medesima forma. Per […]

Agevolazione “prima casa” in caso di separazione: Interpello

Con Risposta ad Interpello 30 settembre 2021, n. 634, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla fruibilità dell’agevolazione “prima casa”, nel caso di separazione e di assegnazione della casa familiare all’ex coniuge, in capo al coniuge non assegnatario della casa familiare al fine di acquistare una nuova abitazione. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito, a tal proposito, che per fruire dell’agevolazione in esame per l’acquisto di una nuova abitazione, l’immobile pre-posseduto deve essere alienato entro il termine di un anno dal nuovo acquisto agevolato. Tale requisito si applica anche nel caso in cui il soggetto che intende usufruire dell’agevolazione sia proprietario per quota di un altro immobile “prima casa”, assegnato all’ex coniuge, pur avendo il coniuge non assegnatario solamente la mera […]

Agevolazioni “prima casa” per cittadino italiano residente all’estero: Interpello

Con Risposta ad Interpello 27 settembre 2021, n. 627, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle agevolazioni previste per l’acquisto della “prima casa”, in caso di riacquisto di un immobile da parte di un soggetto residente all’estero.In particolare l’Agenzia, coerentemente con quanto previsto in sede di acquisto della prima casa, ha precisato che il cittadino italiano residente all’estero, per poter fruire dell’agevolazione “prima casa” anche in sede di riacquisto di altra abitazione sul territorio nazionale (successivo alla vendita dell’immobile sul quale ha già beneficiato dell’agevolazione) non deve ottemperare all’obbligo di adibire il nuovo immobile ad abitazione principale.  L’Agenzia ritiene, infatti, che tale obbligo non possa essere imposto ai cittadini che vivono stabilmente all’estero e che si trovano, pertanto, […]

Agevolazioni prima casa e acquisto mortis causa: Interpello

Con Risposta ad Interpello 21 aprile 2021, n. 277, l’Agenzia delle Entrate ha confermato l’applicabilità dell’agevolazione c.d. “prima casa”, nel caso in cui l’immobile preposseduto sia stato acquistato per successione mortis causa.Nel caso di specie, l’Agenzia ritiene infatti che  sia possibile avvalersi dell’agevolazione “prima casa” in relazione alla stipula di un nuovo atto di acquisto agevolato, anche se entrambi gli immobili sono situati nello stesso Comune, a condizione che entro un anno dal nuovo acquisto venga alienato l’immobile precedentemente acquistato a titolo gratuito. Fonte SEAC spa

Documentazione per riacquisto all’estero con agevolazioni prima casa: Interpello

Con Risposta ad Interpello 24 febbraio 2021, n. 126, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle agevolazioni prima casa e riacquisto all’estero. Nel caso di specie un cittadino straniero, residente in Italia dal 2013 al 2020 e successivamente residente all’estero, vuole: vendere la propria abitazione sita in Italia fruendo delle agevolazioni prima casa, entro il mese di gennaio 2020, prima del decorso del quinquennio;riacquistare all’estero, ove risiede, un’altra casa da adibire ad abitazione principale, entro il termine di un anno dalla predetta vendita, senza incorrere nella decadenza dalle agevolazioni fruite. L’Agenzia delle Entrate ammette la possibilità di non decadere dai benefici fiscali goduti, se, come precisato nella Circolare n. 31/2010 sussistano “strumenti di cooperazione amministrativa che […]