Tutti i messaggi per Staff Studio Tisi

Cumulabilità contributi a fondo perduto: Interpello

Con Risposta ad Interpello 11 febbraio 2021, n. 104, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla possibilità per un libero professionista titolare di partita IVA di beneficiare del contributo a fondo perduto previsto dall’art. 1, D.L. n. 137/2020 (Decreto Rilancio) nel caso in cui abbia percepito anche il contributo previsto dall’art. 27, D.L. n. 18/2020 (Decreto Cura Italia). L’Agenzia ritiene che il contribuente, al ricorrere degli specifici requisiti individuati dalla norma, possa ricevere il contributo anche se ha precedentemente beneficiato dell’indennità di cui al citato articolo 27, in quanto il testo del Decreto Ristori non prevede alcun divieto di cumulo tra le due misure. fonte SEAC spa

Nuovo modello per la cessione del credito d’imposta per canoni di locazione: Provvedimento

Con Provvedimento 12 febbraio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello per la comunicazione della cessione del credito d’imposta (art. 122, D.L. n. 34/2020) per i canoni di locazione di botteghe e negozi (art. 65, D.L. n. 18/2020) e di immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda (art. 28, D.L. n. 34/2020). Il nuovo modello, a decorrere dal 15 febbraio 2021, sostituisce quello precedentemente approvato con Provvedimento 14 dicembre 2020. fonte SEAC spa

Fattura elettronica e consumatori finali stranieri: aggiornate le Faq dell’Agenzia

L’Agenzia delle Entrate sul proprio sito internet all’interno dell‘area tematica “Fatturazione elettronica” ha aggiornato la Faq n. 63 in merito all’emissione di una fattura elettronica nei confronti di operatori finali stranieri, privi di codice fiscale italiano. In particolare l’Agenzia delle Entrate ha precisato che in caso di fattura elettronica nei confronti di un consumatore finale estero, non stabilito in Italia, la compilazione del campo “codice fiscale” non è obbligatoria; infatti, se il cliente è un soggetto consumatore finale estero va compilato solo solo il campo 1.4.1.1.2 “IdCodice” lasciando vuoto il campo 1.4.1.2 “CodiceFiscale”. fonte SEAC spa

Modalità attuative rimborso canone locazione studenti universitari: Decreto

È stato pubblicato sulla G.U. 12 febbraio 2021, n. 36, il Comunicato contenente l’avviso di avvenuta pubblicazione del Decreto 14 gennaio 2021, n. 57. In particolare, tale Decreto, consultabile sul sito istituzionale del MUR, reca le modalità attuative del rimborso del canone dei contratti di locazione corrisposti dagli studenti universitari per la durata dello stato di emergenza da Covid-19 nell’anno 2020. Ai fini della individuazione, nell’ambito di ogni singola regione, dei soggetti aventi diritto e dell’ammontare complessivo delle somme oggetto del rimborso, gli Enti regionali DSU emettono entro il 1° marzo 2021 un avviso che rimane aperto per un periodo non inferiore a 45 giorni, finalizzato alla presentazione da parte degli interessati delle istanze di rimborso. Le istanze devono […]

Barelle biocontenitive e riduzione aliquota IVA: Interpello

Con Risposta ad Interpello 11 febbraio 2021, n. 99, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione dell’agevolazione IVA prevista dall’articolo 124, D.L. n. 34/2020 alle cessioni di barelle biocontenitive. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che tali beni possono beneficiare dell’agevolazione IVA, benché non espressamente indicati nella Tabella A, parte II-bis, D.P.R. n. 633/1972, poiché da considerare come i carrelli per emergenza. Si ricorda che secondo il citato art. 124, per le cessioni dei beni elencati, necessari per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, se effettuate entro il 31 dicembre 2020, sono esenti da IVA, con mantenimento del diritto alla detrazione sugli acquisti, e con l’aliquota IVA del 5% a decorrere dal […]

Bonus affitti e commercio al dettaglio: Interpello

Con Risposta ad Interpello 11 febbraio 2021, n. 102, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sul credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda ex art. 28, D.L. n. 34/2020. In particolare, l’amministrazione finanziaria precisa che la società istante (svolgendo come attività secondaria commercio al dettaglio e avendo realizzato nel periodo d’imposta precedente un fatturato maggiore a 5 milioni di euro) può beneficiare del credito d’imposta di cui al comma 3-bis, art. 28, D.L. n. 34/2020, nella misura del 20% dell’importo mensile del canone (per i mesi di marzo, aprile, maggio e giugno del 2020) per la locazione dei locali in cui vengono svolte in via esclusiva attività […]

Differimento rata gennaio per lavoratori autonomi in agricoltura

Con Messaggio 10 febbraio 2021, n. 587, l’INPS ha comunicato ai lavoratori autonomi in agricoltura che accedono all’esonero contributivo per i mesi di novembre e dicembre 2020 disposto dagli artt. 16 e 16-bis, D.L. n. 137/2020 il differimento del pagamento della rata con scadenza originaria 16 gennaio 2021 fino alla comunicazione degli importi contributivi da versare. Nel Messaggio 13 gennaio 2021, n. 103 era stato, infatti, precisato che l’importo non doveva essere comunque versato oltre il 16 febbraio 2021. A seguito del mancato completamento dell’implementazione procedurale per rendere disponibile l’istanza di esonero e comunicare l’importo da versare, si è reso necessario, quindi, differire il pagamento della rata di gennaio. La comunicazione della somma da versare sarà effettuata […]

Residente all’estero: trattamento fiscale assegno di mantenimento all’ex coniuge

Con Risposta ad Interpello 8 febbraio 2021, n. 93, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al trattamento fiscale applicabile all’assegno di mantenimento erogato all’ex coniuge da una persona fiscalmente residente in Francia. L’Agenzia precisa in primo luogo che il soggetto considerato fiscalmente non residente in territorio italiano, in relazione al reddito da pensione prodotto in Italia, viene assoggettato a tassazione concorrente, ovvero sia in Italia sia in Francia, ma la doppia imposizione può essere eliminata secondo quanto previsto dall’art. 24, par. 2, lett. a), della Convenzione tra Italia e Francia per evitare le doppie imposizioni sul reddito, ratificata con Legge 7 gennaio 1992, n. 20. In secondo luogo chiarisce che, ai fini […]

Modifiche indici sintetici di affidabilità fiscale: Decreto

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale 9 febbraio 2021, n. 33 il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 2 febbraio 2021, riguardante l’approvazione delle modifiche agli Indici sintetici di affidabilità fiscale, applicabili al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2020. In applicazione di quanto disposto dall’art. 148, D.L. n. 34/2020 in conseguenza all’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del Covid-19, infatti, sono state previste nuove ulteriori cause di esclusione dall’applicazione degli ISA che riguardano i soggetti che: nel periodo di imposta 2020, rispetto al periodo d’imposta dell’anno precedente, hanno subito una diminuzione di almeno il 33% dei ricavi o dei compensi;hanno aperto la partita IVA dal 1° gennaio 2019;esercitano, in maniera prevalente, le attività economiche individuate […]

Spese scolastiche: invio dati ai fini della dichiarazione precompilata

Con Provvedimento 9 febbraio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha individuato le modalità, i termini e le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati relativi alle spese, e relativi rimborsi, per: tasse scolastiche;contributi obbligatori, contributi volontari e erogazioni liberali deliberati dagli istituti scolastici o dai loro organi e sostenuti per la frequenza scolastica;erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici non deliberate dagli organi scolastici e finalizzate all’innovazione tecnologica, all’edilizia scolastica nonché all’ampliamento dell’offerta formativa sostenute dai contribuenti, al fine dell’imputazione nella dichiarazione precompilata. In particolare, come previsto dal Decreto MEF 10 agosto 2020, i soggetti costituenti il sistema nazionale di istruzione trasmettono i dati secondo il tracciato indicato, in via facoltativa per gli anni d’imposta 2020 e 2021, mentre a partire dall’anno d’imposta 2022 l’invio diventa obbligatorio. fonte SEAC spa