Tutti i messaggi per Staff Studio Tisi

Deducibilità contributi riscatto di laurea: Interpello

Con Risposta ad Interpello 19 ottobre 2020, n. 482, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla deducibilità ex art. 10, comma 1, lett. e), TUIR, dei contributi versati per il riscatto degli anni di laurea ai fini di buonuscita. Nel caso di specie, l’istante nutriva dubbi sulla possibilità di fruire della citata deduzione a seguito dell’Ordinanza della Corte di Cassazione 11 gennaio 2017, n. 436, con la quale i giudici si sono espressi negativamente “…con riferimento ad una particolare fattispecie”. L’Agenzia, evidenziando che tale Ordinanza non riguardava l’interpretazione dell’articolo 10, comma 1, lett. e), TUIR, bensì la determinazione dell’indennità di buonuscita ai sensi dell’articolo 19, comma 2-bis, TUIR, conferma che i contributi previdenziali versati facoltativamente alla gestione della forma […]

Accesso al Superbonus 110% per un frontaliere svizzero: Interpello

Con Risposta ad Interpello 19 ottobre 2020, n. 486, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla fruibilità del Superbonus 110% da parte di un frontaliere svizzero. In particolare, il contribuente: risiede in un Comune italiano ubicato entro i 20 km dal confine elvetico, in una casa di cui è comproprietario al 50% con la moglie (fiscalmente a suo carico);svolge attività lavorativa in Svizzera, ivi tassata in via esclusiva, in base all’art. 1, dell’Accordo tra Italia e Svizzera. L’Agenzia precisa che il frontaliere svizzero, pur non producendo redditi da lavoro in Italia, è titolare di un reddito fondiario in Italia, derivante dalla comproprietà della casa ubicata in territorio italiano, e può, quindi, in presenza dei requisiti […]

Credito di imposta ex art. 28, D.L. n. 34/2020 e sublocazione

Con Risoluzione 20 ottobre 2020, n. 68, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicabilità del credito di imposta di cui all’art. 28, D.L. n. 34/2020, nella misura del 60% dell’ammontare del canone mensile a favore di un’associazione sportiva dilettantistica (ASD), in relazione ai canoni corrisposti sulla base di un contratto di sublocazione, con riferimento ai mesi da marzo a giugno 2020. L’Agenzia sottolinea che il contratto di sublocazione, disciplinato dagli artt. 1594 e 1595, C.c. e dalla L. n. 392/1978, da un punto di vista civilistico è strettamente dipendente da quello di locazione principale. Quindi, l’ASD può beneficiare dell’agevolazione ex art. 28, Decreto Rilancio, con riferimento al contratto di sublocazione, purché sussistano le condizioni previste dalla norma. fonte SEAC spa

Aliquota IVA per lenti a contatto colorate: Risposta ad interpello

Con Risposta ad interpello 20 ottobre 2020, n. 488, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che per le lenti a contatto correttive, in quanto destinate a sopperire a menomazioni visive permanenti, deve ritenersi applicabile l’aliquota IVA del 4%, anche qualora si tratti di lenti colorate. Diversamente, le cessioni di lenti a contatto colorate per uso meramente estetico, nonché le cessioni delle soluzioni per la pulizia delle lenti a contatto vanno assoggettate all’aliquota IVA ordinaria del 22%. fonte SEAC spa

Detrazione degli interessi passivi su mutuo e emergenza da Covid-19: Interpello

Con Risposta ad Interpello 19 ottobre 2020, n. 485, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, ai fini della detrazione degli interessi passivi sul mutuo stipulato per acquisto dell’abitazione principale, l’emergenza da Covid-19 è da considerarsi “causa di forza maggiore“, che giustifica il mancato rispetto del termine previsto per stabilire la residenza nell’immobile (un anno dall’acquisto) e impedisce quindi la decadenza dall’agevolazione. Nel caso di specie, un contribuente ha acquistato nel luglio 2019 un immobile da accorpare all’abitazione principale preposseduta, stipulando all’uopo un mutuo ipotecario; tuttavia, a seguito dell’emergenza epidemiologica i lavori edilizi per l’accorpamento non sono stati terminati in tempo, impedendo il rispetto della condizione temporale prevista dall’art. 15, comma 1, lett. b), TUIR. L’Agenzia delle […]

Versamento saldo IRAP e acconti: Circolare

Con Circolare 19 ottobre 2020, n. 27, l’Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori chiarimenti in tema di IRAP e di versamento degli acconti, anche attraverso esempi esplicativi, con riferimento: alle modalità di applicazione dell’art. 24, D.L. n. 34/2020 (Decreto Rilancio), in particolare in merito all’esclusione della prima rata dell’acconto IRAP 2020 dal calcolo dell’imposta da versare a saldo per lo stesso anno e al caso del saldo IRAP relativo al periodo d’imposta 2020 inferiore alla prima rata di acconto;all’ambito applicativo dell’art. 20, D.L. n. 23/2020 (Decreto Liquidità), che consente di calcolare e versare gli acconti relativi al periodo d’imposta 2020 in misura ridotta utilizzando il metodo previsionale e dispone la non sanzionalità per il 2020 […]

Credito d’imposta per acquisto di un sistema di gestione denaro contante: Interpello

Con Risposta ad Interpello 19 ottobre 2020, n. 480, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla spettanza del credito d’imposta ex art 120, comma 1, D.L. n. 34/2020 per l’acquisto di un macchinario definito “Sistema di gestione del denaro contante” (Cash Management), ossia un dispositivo automatico che sostituisce il cassetto manuale della cassa e che, su input della medesima, consente al cliente di effettuare il pagamento in contanti in autonomia. L’Agenzia, richiamando quanto indicati nel Provvedimento 10 luglio 2020, n. 259854 e nella Circolare 10 luglio 2020, n. 20, ha negato la possibilità di usufruire del credito in esame in quanto la spesa è “un intervento non rientrante tra quelli indispensabili per […]

Requisiti di accesso al contributo a fondo perduto ex art. 25, Decreto Rilancio

Con Risposte ad Interpello 16 ottobre 2020, nn. 477 e 478, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla determinazione dei requisiti di accesso al contributo a fondo perduto Covid-19, ex art. 25, D.L. n. 34/2020 (Decreto Rilancio). In particolare, con Risposta n. 477, l’Agenzia precisa che la soglia di 5 milioni di euro per l’ammontare dei ricavi derivanti dalla gestione caratteristica o dei compensi derivanti dall’esercizio di arti/professioni deve essere determinata assumendo i ricavi percepiti al netto del prezzo corrisposto al fornitore dei predetti beni, con le medesime modalità con cui l’istante determina i limiti di ammissione ai regimi semplificati di contabilità ex art. 18, comma 10, D.P.R. n. 600/1973. Con Risposta n. 478 l’Agenzia fornisce alcune precisazioni in merito […]

Fattura elettronica preceduta da scontrino: va indicato l’identificativo alfanumerico dell’RT

L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato sul proprio sito internet, all’interno dell’area tematica “Fatturazione elettronica”, alcune Faq pubblicate in precedenza. In particolare è stata integrata la Faq n. 45 (del 21 dicembre 2018) precisando che in presenza di fatture elettroniche precedute dall’emissione di scontrino, ricevuta o documento commerciale (nel caso di trasmissione telematica dei corrispettivi) nel campo “RiferimentoTesto” del tracciato della fattura elettronica, oltre a riportare (come già previsto) il numero dello scontrino, deve essere esplicitato l’identificativo alfanumerico del registratore telematico o del server RT relativo ad un documento commerciale. Inoltre sono state aggiornate tutte le Faq riguardanti il servizio di “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici” in quanto, con il Provvedimento 23 settembre 2020 l’Agenzia delle Entrate ha ampliato il periodo […]

Fattura elettronica: aggiornate le Faq sul sito dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito internet all’interno dell‘area tematica “Fatturazione elettronica” una nuova Faq (n. 149) in materia di fatturazione elettronica, in merito all’utilizzo delle nuove specifiche tecniche. In particolare l’Agenzia delle Entrate ha precisato che qualora una fattura elettronica, o una comunicazione dati fattura, c.d. “esterometro”, vengano trasmessi a SdI dopo il 31 dicembre 2020, con il tracciato vecchio, ma nel campodata del documento sia indicata una data antecedente il 1°gennaio 2021, il file non viene scartato poiché i controlli effettuati dal SdI sono relativi alla data del documento. Pertanto una fattura elettronica o un esterometro con data, ad esempio, 31 dicembre 2020 ma trasmessa il 10 gennaio potrà essere accettata da SdI anche con il vecchio tracciato. Al contrario, una […]