Tutti i messaggi per Staff Studio Tisi

Aliquota IVA 10% su dispositivi medici: Interpello

Con Risposta ad Interpello 1° ottobre 2021, n. 646, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicabilità ai dispositivi medici dell’aliquota IVA ridotta al 10%, sulla base di quanto previsto dal n. 114) della Tabella A, parte III, D.P.R. n. 633/1972.In particolare il suddetto elenco ricomprende “medicinali per l’uso umano e veterinario (…), sostanze farmaceutiche ed articoli di medicazione (…)”. Sulla base dell’interpretazione autentica fornita dalla Legge di bilancio 2019, così come precisato dalla Circolare n. 8/2019, ai fini dell’applicazione dell’aliquota IVA ridotta, vanno ricompresi anche quei prodotti che pur classificati, ai fini doganali, tra i prodotti farmaceutici e medicamenti, non sono commercializzati come tali, bensì come dispostivi medici. Tuttavia, precisa l’Agenzia, tale disposizione riguarda non tutti i dispositivi […]

IVA ridotta per la cessione di apparecchi radiologici in edifici da ristrutturare: Interpello

Con Risposta ad Interpello 30 settembre 2021, n. 636, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicabilità dell’aliquota IVA ridotta del 10% per la vendita di apparecchiature sanitarie da installare in locali da ristrutturare. In particolare, l’Amministrazione finanziaria ha precisato che alle operazioni di fornitura di apparecchi radiologici come mammografi digitali, tavoli radiologici per esami scheletrici e tavoli telecomandati polifunzionali con pannello digitale dinamico per radiografia e radioscopia, si applica l’aliquota IVA del 10%, ai sensi del n. 127-terdecies, Tabella A, Parte III, D.P.R. n. 633/1972, se: le apparecchiature sono incorporate strutturalmente e funzionalmente agli edifici ristrutturati in cui sono installati, ossia sono qualificabili come “beni finiti” come chiarito dalla prassi dell’Agenzia stessa;  l’installazione richiede l’esecuzione sugli immobili di lavori edili qualificabili come interventi di […]

Al via lo “Sportello on-line” sul sito dell’AdER

Con Comunicato stampa 23 settembre 2021, l’AdER ha annunciato, a partire dal 27 settembre, la possibilità di fruire del servizio “Sportello on-line” per ricevere assistenza e eseguire operazioni da remoto. Sarà possibile relazionarsi con l’Agenzia in tempo reale, potendo svolgere le medesime operazioni disponibili allo sportello fisico tramite una piattaforma che semplifica le procedure di riconoscimento del contribuente e che permette l’invio di documentazione anche firmata digitalmente.Già dal 23 settembre è possibile prenotare un appuntamento, attraverso il sito internet dell’AdER nella sezione “Trova lo sportello e prenota”.In questa fase sperimentale, il servizio è limitato alle sole provincie di Roma, Lecce, Brescia e Bari, per poi essere progressivamente esteso a tutto il territorio italiano. Fonte SEAC spa

Distributori automatici: definizione e certificazione dei corrispettivi

Con Principio di diritto 1 ottobre 2021, n. 14, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla definizione di “Distributore automatico” (c.d. Vending machine), nonché alla certificazione dei corrispettivi delle macchine non qualificabili come tali.In primo luogo, relativamente alla definizione di “Distributore automatico” l’Agenzia specifica che si intende come tale qualsiasi apparecchio che eroga beni e servizi ed è costituito almeno dalle seguenti componenti hardware, tra loro collegate: uno o più sistemi di pagamento;un sistema elettronico (c.d. “sistema master“) costituito da una o più schede dotate di processore, capace di memorizzare ed elaborare dati al fine di erogare il bene o servizio selezionato;un erogatore di beni e servizi, ossia l’insieme dei meccanismi che consentono l’erogazione del bene o servizio selezionato;una “porta […]

Soggetti beneficiari del credito d’imposta per il settore tessile, moda e accessori

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale 29 settembre 2021, n. 233, il Decreto 27 luglio 2021 con il quale il MISE ha stabilito i criteri per l’individuazione dei settori economici in cui operano i soggetti beneficiari del credito d’imposta sulle rimanenze finali di magazzino previsto dall’art. 48-bis, comma 4, D.L. n. 34/2020.In particolare la norma stabilisce che possono accedere al presente credito d’imposta i soggetti, esercenti attività d’impresa, che operano nell’industria tessile e della moda, della produzione calzaturiera e della pelletteria. Le attività economiche beneficiarie dell’agevolazione sono individuate tramite i codici ATECO 2007. Il Decreto in oggetto dispone inoltre che con Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, saranno stabiliti le modalità, i termini di presentazione e il contenuto della comunicazione, le modalità per il monitoraggio degli utilizzi del credito d’imposta e del rispetto dei limiti […]

Agevolazione “prima casa” in caso di separazione: Interpello

Con Risposta ad Interpello 30 settembre 2021, n. 634, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla fruibilità dell’agevolazione “prima casa”, nel caso di separazione e di assegnazione della casa familiare all’ex coniuge, in capo al coniuge non assegnatario della casa familiare al fine di acquistare una nuova abitazione. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito, a tal proposito, che per fruire dell’agevolazione in esame per l’acquisto di una nuova abitazione, l’immobile pre-posseduto deve essere alienato entro il termine di un anno dal nuovo acquisto agevolato. Tale requisito si applica anche nel caso in cui il soggetto che intende usufruire dell’agevolazione sia proprietario per quota di un altro immobile “prima casa”, assegnato all’ex coniuge, pur avendo il coniuge non assegnatario solamente la mera […]

Importazione e detrazione IVA assolta in dogana

Con Principio di Diritto 29 settembre 2021, n. 13, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito, in merito all’importazione ed alla detrazione IVA assolta in dogana, che solo l’effettivo destinatario della merce importata, impiegata nell’esercizio della propria attività, può detrarre l’IVA assolta in dogana, previa registrazione della bolletta doganale nei registri degli acquisti ex art. 25, D.P.R. n. 633/1972 e nel rispetto delle disposizioni di cui all’art. 19, D.P.R. n. 633/1972.Ai fini degli obblighi di registrazione e dell’esercizio del diritto alla detrazione dell’IVA, le bollette doganali sono soggette alle stesse regole previste per le fatture di acquisto. Fonte SEAC spa

Ravvedimento per mancata compilazione esonero IRAP: Risoluzione

Con Risoluzione 29 settembre 2021, n. 58 l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’indicazione del saldo IRAP 2019, il quale poteva fruire dell’esonero dal versamento ex art. 24, D.L. n. 34/2020, nella dichiarazione IRAP 2020.L’Agenzia conferma, come chiarito con precedente Circolare n. 25/2020, che i contribuenti che fruivano dell’esonero dal versamento del saldo IRAP 2019 erano tenuti a compilare, nel modello IRAP 2020, la sezione XVIII del quadro IS relativa all’esposizione dei dati relativi agli aiuti di Stato e/o agli aiuti de minimis fruiti. Con la presente Risoluzione, l’Amministrazione finanziaria afferma che la mancata compilazione del quadro IS nella dichiarazione IRAP relativa al periodo d’imposta 2019 può essere regolarizzata mediante presentazione di una dichiarazione integrativa, versando per l’errore commesso la sanzione amministrativa da € 250 a […]

Programmi di Sviluppo Rurale regionali e trattamento IVA: Consulenza giuridica

Con Risposta a istanza di Consulenza giuridica 28 settembre 2021, n. 13, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla corretta applicazione dell’IVA alla “Misura 2” dei Programmi di Sviluppo Rurale (PSR) regionali, collegata al servizio erogato agli agricoltori da parte degli Organismi di Consulenza.In particolare l’Agenzia ha precisato che l’erogazione da parte delle Regioni (o delle Province autonome) dei sostegni economici disciplinati dall’art. 15 del Regolamento (UE) n. 1305/2013, concessa a mezzo di avviso pubblico senza la stipula di un contratto tra Regione (o Provincia autonoma) e beneficiario del sostegno, è esclusa dal campo di applicazione dell’IVA, per carenza del presupposto oggettivo dell’imposta sul valore aggiunto.Si tratta, infatti,  di mere movimentazioni di denaro e, con riferimento al caso di specie, non vi è alcuna correlazione tra l’attività […]

Sovvenzioni erogate una tantum per contrastare effetti Covid 19: Interpello

Con Risposta ad Interpello 28 settembre 2021, n. 629, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicabilità della ritenuta del 4% ex art. 28, comma 2, D.P.R. n. 600/1973 sulle sovvenzioni erogate una tantum da parte dell’ente locale per contrastare gli effetti negativi conseguenti all’emergenza da Covid 19. L’Agenzia precisa che, riprendendo quanto previsto dall’art. 10-bis, comma 1, D.L. n. 137/2020, i contributi di qualsiasi natura, erogati in via eccezionale a seguito dell’emergenza da Covid 19 da chiunque ed indipendentemente dalle modalità di fruizione, a soggetti esercenti attività di impresa, arte o professione, nonché ai lavoratori autonomi, non sono soggetti a tassazione in considerazione della loro finalità di aiuto economico emergenziale. Pertanto, tali sovvenzioni una tantum, fermo restando quanto previsto dall’art. 54, D.L. n. 34/2020, non sono da assoggettare a ritenuta a titolo di acconto ex art. […]