Tutti i messaggi per Staff Studio Tisi

Credito d’imposta investimenti nel Mezzogiorno e affitto d’azienda: Interpello

Con Risposta ad Interpello 15 dicembre 2021, n. 812, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla rideterminazione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, art. 1, commi 98-108, Legge n. 208/2015, nel caso in cui una società beneficiaria dell’agevolazione intenda affittare l’intera azienda ad una società terza. L’Agenzia ha precisato che non sarà necessario rideterminare il credito nel caso in cui: venga affittata l’intera attività;l’attività in oggetto sia condotta dall’affittuario nell’ambito dell’esercizio di un’attività imprenditoriale;i beni circolino insieme all’azienda (ovvero i beni oggetto di agevolazione non siano singolarmente dismessi o ceduti a terzi). L’affittuario dovrà, in ogni caso, entro i periodi previsti dalla legge, far entrare in funzione e non dismettere i beni nell’ambito del compendio aziendale. Fonte SEAC spa

Il tasso di interesse legale 2022 sale dallo 0,01% all’1,25%

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 15 dicembre 2021, n. 297, il Decreto MEF 13 dicembre 2021 che modifica il tasso di interesse legale annuo. L’art. 1 del Decreto dispone che la misura del saggio degli interessi legali (art. 1284 C.c.) è fissata all’1,25% con decorrenza dal 1° gennaio 2022 (il tasso di interesse per il 2021 era pari allo 0,01%). Fonte SEAC spa

Agevolazione “prima casa” under 36: Legge di Bilancio 2022 (bozza)

La bozza della Legge di Bilancio 2022 proroga al 31 dicembre 2022 le agevolazioni di cui all’articolo 64, commi da 6 a 11, D.L. 25 maggio 2021, n. 73 (c.d. “Decreto Sostegni-bis”), introdotte per favorire l’autonomia abitativa dei “giovani” per l’acquisto della “prima casa“.In particolare, per gli atti stipulati entro il 31 dicembre 2022, a favore di soggetti che non hanno ancora compiuto 36 anni di età e con un valore ISEE non superiore a €40.000 annui, è previsto l’esonero dal pagamento: dell’imposta di registro;dell’imposta ipotecaria;dell’imposta catastale. Si evidenzia, inoltre, che così come disposto dall’art. 64, commi 7 e 8, D.L. n. 73/2021: in caso di acquisto della “prima casa” soggetto ad IVA, viene riconosciuta un’agevolazione, sotto forma di credito d’imposta, di […]

Percentuale di compensazione cessioni bovini e suini: Legge di Bilancio 2022 (bozza)

La bozza della Legge di Bilancio 2022 prevede l’estensione dell’applicazione della percentuale di compensazione del 9,5%, applicabile alle cessioni di animali vivi della specie bovina e suina, anche per l’anno 2022.Tale percentuale di compensazione era stata prevista dall’art. 68, D.L. n. 73/2021, c.d. Decreto Sostegni-bis, per l’anno 2021.  Fonte SEAC spa

Lo sgravio parziale non invalida “in toto” la cartella di pagamento: Cassazione

Con Ordinanza 13 dicembre 2021, n. 39660 la Corte di Cassazione ha stabilito che una cartella di pagamento mantiene la propria validità anche nel caso in cui l’accertamento fiscale sia ridotto da uno sgravio parziale.In particolare la Suprema Corte, in ragione della natura di “impugnazione-merito” del processo tributario, ha stabilito che trova applicazione il principio di diritto secondo cui il giudice, adito in una causa di impugnazione di una cartella di pagamento, ove sia accertata l’esistenza di un titolo giudiziale definitivo che abbia ridotto la pretesa impositiva originariamente contenuta nell’avviso di accertamento, non può invalidare “in toto” la cartella, ma è tenuto a ricondurre la stessa nella misura corretta, annullandola solo nella parte non avente più titolo nell’accertamento originario. Fonte SEAC spa

Indirizzi PEC dei professionisti per le violazioni del Codice della Strada

Con Nota 27 ottobre 2021 n. DRP/PS/147434, trasmessa dal Ministero dell’Interno con Circolare 17 novembre 2021 n. 300/STRAD/1/10060.U/2021, il Garante per la Protezione dei Dati Personali è intervenuto in merito all‘utilizzo dell’indirizzo PEC lavorativo, da parte dei Corpi di Polizia locale, per notificare i verbali di contravvenzione al Codice della Strada.In particolare, l’Autorità ha  escluso la possibilità di notificare le violazioni commesse con un veicolo intestato ad un professionista agli indirizzi PEC dei contravventori mediante ricerche massive sull’elenco Ini.Pec (Indice nazionale degli indirizzi di Posta Elettronica Certificata di imprese e professionisti). La motivazione va ravvisata nella necessità di tutelare la privacy del destinatario, posto che altri soggetti, all’interno dello studio professionale, potrebbero avere accesso alla casella. Fonte SEAC spa

Confermato il c.d. “Bonus cultura”: Legge di Bilancio 2022 (bozza)

Nella bozza della Legge di Bilancio 2022 è prevista la conferma, per il 2022, del c.d. “Bonus cultura”.In particolare, l’agevolazione è rivolta ai residenti in Italia che compiono 18 anni nel 2022 per sostenere i costi relativi a corsi di musica / teatro / lingua straniera, nonché per acquistare: biglietti per rappresentazioni teatrali / cinematografiche / spettacoli dal vivo;libri, abbonamenti a quotidiani e periodici anche in formato digitale;musica registrata, prodotti dell’editoria audiovisiva;titoli di accesso a musei / mostre / eventi culturali / monumenti / gallerie / aree archeologiche / parchi naturali. Va evidenziato che il bonus non costituisce reddito imponibile per il beneficiario e non rileva ai fini dell’ISEE. Fonte SEAC spa

Ridenominazione del codice tributo “2900”: trasformazione delle attività per imposte anticipate

Con Risoluzione 10 dicembre 2021, n. 71, l’Agenzia delle entrate ha ridenominato il codice tributo “2900” per il versamento, tramite modello F24, della commissione per la trasformazione delle attività per imposte anticipate in credito d’imposta, di cui all’articolo 1, comma 241, Legge 30 dicembre 2020, n. 178, in “Canone art. 11 d.l. 59/2016 – commissione art. 1, c. 241, l. 178/2020“. Fonte SEAC spa

Credito d’imposta ACE: codice tributo

Con Risoluzione 10 dicembre 2021, n. 70 l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite Modello F24, del credito d’imposta ACE ex art. 19, D.L. n. 73/2021, c.d. “Decreto Sostegni bis”. Il codice tributo è il seguente: “6955” denominato “Credito d’imposta ACE – articolo 19, comma 3, del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73”. Fonte SEAC spa

Credito d’imposta sponsorizzazioni sportive: codice tributo

Con Risoluzione 10 dicembre 2021, n. 69, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite mod. F24, del credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari in favore di leghe e società sportive professionistiche e dilettantistiche, ex art. 81, D.L. n. 104/2020.Il codice tributo è il seguente: “6954” denominato “CREDITO D’IMPOSTA SPONSORIZZAZIONI SPORTIVE – articolo 81 del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104”.    Fonte SEAC spa