Tutti i messaggi per Staff Studio Tisi

Cessionario: indetraibile l’IVA in rivalsa nelle operazioni non imponibili

Con Ordinanza 16 febbraio 2022, n. 5012 la Corte di Cassazione ha stabilito che, in merito alla prestazione di servizi non imponibile, il cessionario non può detrarre l’IVA applicata dal prestatore alla fattura emessa.In particolare, la stessa Corte precisa che la detraibilità dell’imposta è legata all’effettiva realizzazione di un’operazione imponibile, per cui non si estende all’IVA dovuta soltanto perché indicata in fattura.Di conseguenza, deve ritenersi superato l’orientamento secondo il quale l’IVA addebitata può essere detratta dal cessionario, senza che influiscano:  la non assoggettabilità all’imposta dell’operazione; oppure gli errori commessi dal cedente nell’addebito della stessa. Fonte SEAC spa

Contributo a fondo perduto per la ristorazione collettiva: Decreto MISE

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 22 febbraio 2022, n. 44, il Decreto MISE 23 dicembre 2021 che, in attuazione a quanto previsto dall’art. 43-bis, D.L. n. 73/2021, c.d. “Decreto Sostegni-bis”, definisce i criteri e le modalità per l’erogazione dei contributi a fondo perduto a favore delle imprese operanti nel settori della ristorazione collettiva. In particolare possono beneficiare di tali contributi gli operatori della ristorazione collettiva che: nel 2020 abbiano subìto una riduzione del fatturato non inferiore al 15% rispetto all’anno precedente la cui attività sia compresa nei codici Ateco “56.29.10, Mense” o “56.29.20, Catering continuativo su base contrattuale”;risultano regolarmente costituiti, iscritti e attivi nel Registro delle imprese e che hanno sede legale o operativa in Italia;presentano un ammontare dei ricavi del 2019 costituito per almeno il 50% dai corrispettivi deicontratti […]

Territorialità IVA delle prestazioni c.d. generiche: Consulenza giuridica

Con Consulenza giuridica 23 febbraio 2022, n. 4, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla territorialità IVA delle prestazioni di servizi c.d. generiche di cui all‘art. 7-ter, D.P.R. n. 633/1972.Nel caso di specie, una società chiedeva di conoscere la corretta qualificazione della fornitura di servizi di manutenzione su elicotteri, il cui corrispettivo veniva addebitato attraverso il meccanismo della fatturazione delle ore di volo alla tariffa oraria convenuta con il contratto “PHB”.L’Agenzia ha, anzitutto, precisato che, per stabilire se le prestazioni fornite siano indipendenti o costituiscano una prestazione unica, è necessario individuare gli elementi che caratterizzano l’operazione di cui si tratta; a tal fine, occorre effettuare una valutazione “case by case“ che prenda in considerazione la totalità delle circostanze in cui si svolge l’operazione, compresa l’intenzione delle parti di assoggettare la […]

Soggetti abilitati all’invio telematico delle dichiarazioni: Interpello

Con Risposta ad Interpello 21 febbraio 2022, n. 87, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito ai presupposti per ottenere l’abilitazione alla presentazione delle dichiarazioni in via telematica mediante il servizio telematico Entratel.In particolare l’Agenzia, a parziale rettifica di quanto chiarito con Risposta ad Interpello 7 febbraio 2022, n. 79,  con riferimento ai soggetti incaricati alla presentazione delle dichiarazioni in via telematica (art. 3, comma 3, D.P.R. n. 322/1998), precisa che tra gli altri incaricati individuati con Decreto (D.M 19 aprile 2011) rientrano “i soggetti che esercitano abitualmente l’attività di consulenza fiscale”, ovvero coloro che sono in possesso di una partita IVA abilitata al servizio telematico Entratel nonché di un codice ATECO che consenta di qualificare l’attività esercitata come “consulenza […]

Definite dal MIT le modalità operative dei contributi per le imprese turistiche

Il D.L. n. 152/2021, c.d. “Decreto PNRR”, prevede specifiche agevolazioni per i soggetti operanti nel settore turistico.  In particolare, al fine di migliorare la qualità dell’offerta ricettiva, il Legislatore ha previsto a favore delle imprese turistiche: un contributo, sotto forma di credito d’imposta;un contributo a fondo perduto;un finanziamento agevolato.  Sul punto, con appositi avvisi (Avviso 23 dicembre 2021e 11 febbraio 2022) pubblicati sul proprio sito Internet, il Ministero del Turismo ha: individuato le modalità attuative per la fruizione delle predette agevolazioni;elencato le spese ammissibili;pubblicato una serie di chiarimenti, sotto forma di FAQ, in merito alle agevolazioni in esame; comunicato che i soggetti interessati devono presentare un’apposita domanda. Fonte SEAC spa

Decreto Energia: possibile riapertura della rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni

Il Decreto Energia ripropone la possibilità di rideterminare il costo d’acquisto di: terreni edificabili e agricoli posseduti a titolo di proprietà, usufrutto, superficie ed enfiteusi;partecipazioni non quotate in mercati regolamentati, possedute a titolo di proprietà e usufrutto; alla data del 1° gennaio 2022, non in regime d’impresa, da parte di persone fisiche, società semplici e associazioni professionali, nonché enti non commerciali. È fissato al 15 giugno 2022 il termine entro il quale provvedere alla redazione ed all’asseverazione della perizia di stima nonché al versamento dell’imposta sostitutiva che rispetto alla precedete rivalutazione passa dall’11% al 14%. L’imposta sostitutiva potrà essere versata in un’unica soluzione entro il 15 giugno 2022 oppure, in alternativa, in 3 rate annuali di pari importo, a decorrere dal giugno 2022 applicando alle rate successive […]

Contributo a fondo perduto per le imprese del wedding: Decreto MISE

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 2022, n. 42, il Decreto MISE 30 dicembre 2021 che, in attuazione a quanto previsto dall’art. 1-ter, D.L. n. 73/2021, c.d. “Decreto Sostegni-bis”, stabilisce i criteri e le modalità per l’erogazione dei contributi a fondo perduto, a favore delle imprese operanti nel settori del wedding, dell’intrattenimento, organizzazione di feste e cerimonie, e del settore hotellerie-restaurant-catering (c.d. Horeca). In particolare possono beneficiare di tali contributi le imprese, con sede legale od operativa in Italia, che nel 2020 hanno:      subìto una riduzione del fatturato non inferiore al 30% rispetto all’anno precedente.registrato un peggioramento del risultato economico d’esercizio in misura pari o superiore ad una percentuale definita con decreto del MEF. Le istanze per l’accesso al contributo dovranno […]

Nuova Irpef ed esclusioni Irap: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Con Circolare 18 febbraio 2022, n. 4, l’Agenzia delle Entrate, a seguito delle novità apportate dall’art. 1, commi da 2 a 8, L. n. 234/2021, c.d. “Legge di Bilancio 2022”, ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione della c.d. “nuova Irpef” e sull’esclusione dall’Irap per le persone fisiche che esercitano un’attività commerciale, arti o professioni. In particolare, la Circolare in esame: ha fornito indicazioni relativamente agli adempimenti Irpef a carico dei sostituti d’imposta e dei contribuenti (ad esempio, la possibilità di applicare le novità normative a partire da aprile 2022, con conguaglio per i primi tre mesi, in caso di impossibilità nell’adeguamento tempestivo dei software per l’elaborazione delle buste paga);ha precisato che non sono invece soggette ad Irap l’impresa familiare […]

Aumentato a € 2.000 il limite per i trasferimenti di denaro contante nel 2022

Secondo quanto previsto dall’articolo 49, D.Lgs. n. 231/2007, a partire dal 1° gennaio 2022 la soglia per i trasferimenti di denaro contante tra persone fisiche o giuridiche è stata ridotta da € 2.000 a € 1.000.Tra le novità contenute nella Legge di conversione del D.L. n. 228/2021,c.d.”Decreto Milleproroghe“, si segnala il differimento al 1° gennaio 2023 della riduzione del predetto limite di € 1.000, ripristinando per il 2022 la soglia pari ad € 2.000.La limitazione riguarda “complessivamente” il valore oggetto di trasferimento e si applica anche alle c.d. “operazioni frazionate”, ossia ai pagamenti inferiori al limite che appaiono artificiosamente frazionati, quale e sia la causa / titolo. Fonte SEAC spa

Fatture soggettivamente false: l’assenza della sede operativa non prova la conoscenza del fine evasivo

Con Ordinanza 16 febbraio 2022, n. 5059, la Corte di Cassazione ha affermato che l’assenza di sede operativa del fornitore, adeguata allo svolgimento dell’attività svolta, nonché la mancata tenuta della contabilità, sono circostanze di per sé inidonee a costituire prova presuntiva della consapevolezza, da parte del cliente, che le operazioni si inseriscano in un evasione dell’imposta.In particolare i giudici della Suprema Corte hanno ribadito il principio, più volte enunciato in passato, secondo il quale, nel caso in cui la contestazione attenga a fatture emesse per operazioni soggettivamente inesistenti, sia onere dell’Amministrazione finanziaria dimostrare, anche in via presuntiva, in base ad elementi oggettivi e specifici, che il destinatario sia consapevole che l’operazione si inserisca in un contesto evasivo, usando l’ordinaria diligenza in ragione della qualità professionale ricoperta.A […]