Tutti i messaggi per Staff Studio Tisi

Pubblicazione elenco degli enti iscritti all’Anagrafe delle Onlus: Comunicato stampa

Con Comunicato Stampa 28 marzo 2022, l’Agenzia delle Entrate ha comunicato sul proprio sito l’avvenuta pubblicazione online dell’elenco degli enti iscritti all’Anagrafe delle Onlus. In particolare, ai sensi dell’articolo 34, D.M. n. 106/2020, viene riconosciuta a tali enti la possibilità di perfezionare la loro iscrizione nel Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) entro il 31 marzo del periodo di imposta successivo al rilascio di apposita autorizzazione ad opera della Commissione Europea (art. 101, comma 10, D.Lgs. n. 117/2017).Gli enti che conseguiranno l’iscrizione nel RUNTS saranno cancellati dall’Anagrafe delle Onlus, mentre la mancata presentazione della domanda entro il termine del 31 marzo comporterà l’obbligo in capo all’ente di devolvere il proprio patrimonio per la parte d’incremento realizzata nel periodo di iscrizione all’Anagrafe delle Onlus.   L’Anagrafe delle Onlus è […]

Tenuta dei registri contabili in modalità elettronica: Risoluzione

Con Risoluzione 28 marzo 2022, n. 16, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle disposizioni relative alla tenuta e conservazione della contabilità in forma meccanizzata, come previsto ai sensi dell’articolo 12-octies, D.L. n. 34/2019.In particolare, l’amministrazione finanziaria ribadisce la distinzione tra i concetti di tenuta e conservazione dei documenti fiscali che, pur essendo collegati, restano adempimenti distinti e in presenza di registri tenuti in formato elettronico: ai fini della loro regolarità, non hanno obbligo di essere stampati fino al terzo mese successivo al termine di presentazione della relativa dichiarazione dei redditi (sesto mese solo per il 2019), salvo richiesta  da parte degli organi di controllo in sede di accesso, ispezione o verifica; entro lo stesso termine devono essere conservati nel rispetto del D.M. 17 giugno 2014 e del codice  dell’amministrazione digitale […]

Convertito in Legge il Decreto Sostegni-ter

È stata pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 13 alla Gazzetta Ufficiale 28 marzo 2022, n. 73 la Legge 28 marzo 2022, n. 25 di conversione del  D.L. 27 gennaio 2022 n. 4 (cd. Decreto Sostegni-ter).  Tra le principali misure si segnalano le seguenti: l’estensione all’esercizio in corso al 31 dicembre 2022 della facoltà, prevista dall’ articolo 60, commi da 7-bis a 7-quinquies, D.L. n. 104/2020, di sospendere fino al 100%, della quota d’ammortamento annuo del costo delle immobilizzazioni materiali e immateriali;la possibilità di revocare civilisticamente il riallineamento delle attività immateriali effettuato ai sensi dell’articolo 110, D.L. n. 104/2020;la conferma della possibilità di operare cessioni “multiple” dei crediti edilizi (una prima cessione libera a qualsiasi soggetto e eventuali altre due cessioni solo a soggetti operanti in ambiente “controllato”, […]

Volume d’affari omesso o dichiarato parzialmente: in arrivo le comunicazioni per l’adempimento spontaneo

Con Provvedimento 25 marzo 2022, l’Agenzia delle Entrate ha previsto la predisposizione di una comunicazione volta a promuovere l’adempimento spontaneo da parte dei titolari di partita IVA per i quali sono emerse differenze tra il volume d’affari dichiarato e l’importo delle operazioni comunicate dai contribuenti e dai loro clienti all’Agenzia delle Entrate e delle fatture elettroniche inviate.In particolare, l’Agenzia delle Entrate trasmette una comunicazione al domicilio digitale del contribuente (ovvero per posta ordinaria in assenza di domicilio digitale) qualora, a seguito dei citati controlli, risulti che il contribuente  abbia omesso, in tutto o in parte, di dichiarare il volume d’affari conseguito per il periodo di imposta 2018.Il contribuente, a seguito di tale comunicazione, può: richiedere informazioni o segnalare eventuali elementi, fatti e circostanze non conosciuti  dall’Agenzia stessa;regolarizzare eventuali errori od […]

Qualificazione della cessione di beni d’azienda: Interpello

Con Risposta ad Interpello 23 marzo 2022, n. 151, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla corretta qualificazione e al conseguente trattamento fiscale della cessione di beni  d’azienda.Nel caso di specie, la cessione ha ad oggetto i c.d. Asset Italia, ossia: i marchi del prodotto;l’AIC del prodotto farmaceutico Gamma;il dossier del prodotto;il magazzino (le scorte del prodotto Gamma). L’Agenzia delle Entrate ha precisato che tale operazione è configurabile come cessione di ramo d’azienda in quanto gli Asset Italia trasferiti integrano una struttura organizzativa aziendale; gli asset ceduti sono, infatti, legati da un vincolo funzionale rispetto alla vendita del prodotto farmaceutico, sufficiente a configurare un ramo d’azienda. Per quanto concerne, infine, il trattamento fiscale dell’operazione, ai fini delle imposte sui redditi ed IRAP l’eventuale plusvalenza realizzata: concorre alla formazione del reddito imponibile ai sensi […]

Aliquota IVA per la fornitura di materiale didattico ricreativo: Interpello

Con Risposta ad Interpello 22 marzo 2022, n. 148, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’aliquota IVA applicabile alla fornitura di materiale didattico-ricreativo.Nello specifico, il servizio consiste nella vendita on line di una scatola contenente differenti tipologie di oggetti e strumenti utili a svolgere attività didattiche, per il tramite di video tutorial.L’Agenzia ha precisato che le schede illustrative e i video tutorial non configurano un servizio educativo poiché l’elemento prevalente dell’operazione è la cessione di beni.Di conseguenza, l’operazione in esame, configurando una cessione di beni, deve essere assoggettata all’aliquota IVA ordinaria. Fonte SEAC spa

Credito d’imposta investimenti pubblicitari: Interpello

Con Risposta 21 marzo 2022, n. 143, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al credito d’imposta relativo agli investi pubblicitari incrementali di cui all’art. 57-bis, D.L. n. 50/2017. In particolare, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che il credito in esame risulta autonomo: dalla modalità di determinazione del reddito;dal trattamento della spesa in capo al beneficiario. Di conseguenza, l’agevolazione in esame può essere fruita anche dai soggetti che non svolgono attività commerciale e che, pertanto, non deducono i costi nella determinazione del loro reddito imponibile (a condizione che dichiarino un reddito imponibile in Italia).Nel caso di specie, in un contesto di gruppo di imprese, il ribaltamento delle spese ad altri soggetti del gruppo, anche non residenti, non determina il venir meno del loro riconoscimento ai […]

Indennizzo e provvista di pagamento: trattamento fiscale ai fini IRES ed IRAP

Con Risposta 21 marzo 2022, n. 132, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al trattamento fiscale, ai fini IRES e IRAP, di un importo ricevuto ed erogato a titolo di indennizzo e provvista di pagamento.In particolare, l’Agenzia ha precisato che il versamento effettuato da un Fondo a titolo di indennizzo, in relazione alla provvista erogata per la definizione di un PVC, determina un componente negativo risultante nel conto economico della società ricevente che non può essere ricondotto “ad attività o beni da cui derivano ricavi o altri proventi che concorrono a formare il reddito e che non vi concorrono in quanto esclusi“. Pertanto, tale somma non può essere dedotta dalla base imponibile IRES della società.Per quanto concerne, invece, il trattamento ai fini IRAP, l’Agenzia evidenzia che tale indennizzo non […]

Credito d’imposta installazioni pubblicitarie: istituito il codice tributo

Con Risoluzione 22 marzo 2022, n. 15, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, mediante modello F24, del credito d’imposta a favore dei titolari di impianti pubblicitari privati o concessi a soggetti privati, destinati all‘affissione di manifesti e ad analoghe installazioni pubblicitarie di natura commerciale,  di cui all’art. 67-bis, D.L. n. 73/2021, c.d. “Decreto Sostegni bis”.In particolare, il codice tributo da utilizzare da parte dei beneficiari è il seguente: “6973” denominato “Credito d’imposta impianti pubblicitari – articolo 67-bis del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73”. Fonte SEAC spa

Costi inerenti e consorzi: Interpello

Con Risposta a Interpello 21 marzo 2022, n. 130, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’inerenza dei costi di acquisto di alcuni prodotti da parte di un consorzio per il successivo utilizzo da parte dei propri produttori.Nel caso oggetto di interpello l’istante chiedeva se un consorzio agricolo, che aveva acquistato un prodotto da utilizzare per combattere i parassiti, successivamente assegnato ai singoli produttori per l’effettiva distribuzione sul terreno, possa:  considerarsi inerente allo svolgimento dell’attività oppure; configurarsi come bene ceduto gratuitamente o assegnato al produttore. Nel caso di specie, l’Agenzia ritiene che l’acquisto del prodotto sia inerente allo svolgimento dell’attività del consorzio in quanto lo stesso assume in proprio la responsabilità per il corretto adempimento di tutte le operazioni;  la fattura di acquisto consentirà quindi la detrazione dell’IVA e la deducibilità […]