Tutti i messaggi per Staff Studio Tisi

Commercialista inadempiente, sanzionato il contribuente: Cassazione

Con Ordinanza 6 maggio 2021, n. 11958, la Corte di Cassazione ha chiarito che grava sul contribuente il pagamento delle sanzioni fiscali per omesso versamento delle imposte, quando è stato omesso, per negligenza, il controllo sull’operato del professionista a cui è stato affidato l’incarico di effettuare gli adempimenti contabili e dichiarativi.La Suprema Corte precisa, infatti, che il contribuente non assolve agli obblighi tributari con il mero affidamento ad un commercialista del mandato a trasmettere in via telematica la dichiarazione all’Agenzia delle Entrate, essendo tenuto a vigilare affinché tale mandato venga puntualmente adempiuto; la responsabilità del contribuente è esclusa solo in caso di comportamento fraudolento del professionista, finalizzato a mascherare il proprio inadempimento. Fonte SEAC spa

Accertamento e attribuzione d’ufficio partita IVA: Cassazione

Con Ordinanza 6 maggio 2021, n. 11915, la Corte di Cassazione ha chiarito che l’Agenzia delle Entrate, sulla base di indagini bancarie, può attribuire d’ufficio una partita IVA al socio di maggioranza e legale rappresentante di una s.r.l., non ostandovi l’accertamento con adesione concluso con la società, dotata di autonomia patrimoniale e soggettività distinta dal contribuente.Nel caso di specie, attraverso accertamenti bancari sui conti della società erano emersi “elementi tali da far presumere l’esercizio di una attività in parallelo” da parte del rappresentante legale. Fonte SEAC spa

Indebiti versamenti alla gestione IVS: chiarimenti INPS

Con Circolare 6 maggio 2021 n. 75, l’INPS ha fornito chiarimenti in relazione ai rimborsi da effettuare a seguito di versamenti indebiti alla gestione IVS. Secondo l’Istituto tali versamenti sono qualificabili come indebito oggettivo ai sensi dell’articolo 2033 C.c.;  tenuto conto di quanto disposto dall’articolo 12, L. n. 613/1966 e dalla Corte di Cassazione, con sentenza n. 25488/2007, ha affermato che: in nessun caso la contribuzione indebitamente versata in qualsiasi tempo può essere computata dall’INPS ai fini del diritto e della misura delle prestazioni pensionistiche spettanti;il diritto al rimborso si prescrive con il decorso dell’ordinario termine decennale previsto dall’articolo 2946 C.c. e non si dà luogo ad alcun effetto di convalida della contribuzione accertata come indebita. Fonte SEAC spa

Operazioni soggettivamente inesistenti e onere della prova: Cassazione

La Corte di Cassazione, con Sentenza 5 maggio 2021, n. 11685, ha accolto il ricorso di una società, chiarendo che per l’accertamento della maggior IVA non è sufficiente il fatto che il fornitore sia palesemente una cartiera, risultando necessario che il fisco dimostri la piena consapevolezza del cliente in merito all’illiceità dell’operazione.In altre parole, sull’amministrazione grava l’onere di provare che il contribuente, al momento dell’acquisto del bene o del servizio, sapeva (o avrebbe dovuto sapere, con l’uso dell’ordinaria diligenza) che con l’emissione della fattura il soggetto formalmente cedente aveva evaso l’imposta, o partecipato ad una frode. Fonte SEAC spa

IVA agevolata per la cessione di pannelli fotovoltaici: Cassazione

Con Ordinanza 5 maggio 2021, n. 11690, la Corte di Cassazione ha stabilito che in caso di cessione di pannelli fotovoltaici possa essere applicata l’IVA agevolata pari al 10%, così come previsto dall’art. 127-sexies, tabella A, parte terza, allegata al D.P.R. n. 633/1972.In particolare, la Suprema Corte evidenzia che al fine dell’applicazione dell’IVA agevolata al 10% è richiesto che “i componenti finiti siano concretamente adoperati per la realizzazione dell’impianto, dell’opera o dell’edificio, senza che rilevi la qualità del soggetto beneficiario e il suo ruolo nella fase di commercializzazione del bene e l’immediatezza dell’utilizzo nella realizzazione dell’impianto, in sintonia con il profilo di salvaguardia dell’ambiente tutelato e della minore onerosità delle fonti di produzione di energia rinnovabile”.Pertanto, conclude […]

IVA 4% e sussidi portatori handicap: Decreto MEF

Sulla Gazzetta Ufficiale 4 maggio 2021, n. 105, è stato pubblicato il Decreto MEF 7 aprile 2021, il quale, intervenendo sul Decreto 14 marzo 1998, semplifica la documentazione richiesta per l’applicazione dell’aliquota IVA ridotta del 4% per l’acquisto di sussidi tecnici ed informatici per l’autosufficienza e l’integrazione dei soggetti portatori di handicap. In particolare, a seguito delle modifiche intervenute, ai fini dell’aliquota agevolata, per la persona con disabilità è sufficiente: produrre copia, al momento dell’acquisto di sussidi tecnici, del certificato attestante l’invalidità rilasciato dall’azienda sanitaria competente o dalla commissione medica integrata;provare il collegamento funzionale tra il sussidio tecnico-informatico e la menomazione permanente attraverso i certificati attestanti l’invalidità ovvero integrarli con la certificazione rilasciata dal medico curante contenente la relativa attestazione. Inoltre, è previsto che in caso di importazione, […]

Cessione della Srl opponibile al fisco anche senza firma: Cassazione

Con Ordinanza 4 maggio 2021, n. 11623, la sezione tributaria della Cassazione ha affermato che la cessione della locazione effettuata dalla Srl è opponibile al fisco anche senza firma per ricevuta del proprietario. Tale comunicazione, infatti, non costituisce requisito di validità del trasferimento e non rileva nei confronti dei soggetti estranei al rapporto come l’amministrazione.In particolare, la Corte di Cassazione ha evidenziato che la cessione del contratto di locazione, operata dal conduttore in occasione della cessione dell’azienda esercitata all’interno dell’immobile concesso in locazione, non ha bisogno del consenso del locatore, ma deve essergli comunicata con lettera raccomandata con avviso di ricevimento, ovvero con modalità diverse, purché idonee a consentire la conoscenza della modificazione soggettiva del rapporto. […]

Residenza fiscale accertabile con l’analisi dell’agenda: Cassazione

Con Ordinanza 4 maggio 2021, n. 11620, la Corte di Cassazione ha espresso il principio di diritto secondo il quale ai fini dell’accertamento della residenza fiscale di un contribuente persona fisica iscritto all’A.I.R.E., è necessario accertare se il soggetto abbia fissato o mantenuto in Italia il proprio domicilio, come disciplinato dal codice civile, riconoscibile ai terzi e inteso come stabile fissazione nel territorio dello Stato, per la maggior parte del periodo di imposta, del luogo della gestione dei propri interessi e affari.Ai fini dell’imposizione reddituale, infatti, ciò che rileva è l’esistenza di un collegamento fisico tra il contribuente e il territorio dello Stato. Un contribuente rimane fiscalmente residente in Italia qualora risulti che abbia ivi stabilito la […]

Accertamento e contraddittorio preventivo: Ordinanza

Con Ordinanza 30 aprile 2021, n. 11405, la Corte di Cassazione ha chiarito che, in tema di IVA, la violazione dell’obbligo di contraddittorio endoprocedimentale (compilazione del questionario) comporta l’invalidità dell’atto di accertamento.Diversamente, per  quanto riguarda i tributi non armonizzati il mancato rispetto di tale obbligo non va ad inficiare la nullità dell’atto impositivo, ma comporta l‘impossibilità di invocare la sanzione di inutilizzabilità della documentazione esibita dal contribuente nella fase amministrativa o contenziosa. Fonte SEAC spa

Proroga esenzione dazi doganali e IVA all’importazione

La Commissione Europea, con Decisione n. 660/2021, ha prorogato al 31 dicembre 2021 l’esenzione dai dazi doganali e dall’IVA per l’importazione delle merci necessarie a contrastare la diffusione degli effetti della pandemia da Covid-19.La Circolare 28 aprile 2021, n. 15 dell’Agenzia delle Dogane, in commento alla decisione della Commissione, precisa che restano immutati i presupposti per usufruire della proroga, sia per quanto concerne i soggetti ammessi al beneficio, sia con riguardo alle finalità delle merci importate.Inoltre, la data per la fornitura delle rendicontazioni obbligatorie da parte degli Stati membri è stata posticipata al 30 aprile 2022. Fonte SEAC spa