Tutti i messaggi per Staff Studio Tisi

“Decreto Aiuti-bis”: estesi al terzo trimestre 2022 i crediti d’imposta “energetici”

Nell’ambito del c.d. “Decreto Aiuti-bis”, recentemente pubblicato sulla G.U., sono state, tra l’altro, estese al terzo trimestre 2022 le agevolazioni, già riconosciute per il primo e secondo trimestre a favore delle: – imprese “energivore” e “non energivore”; – imprese “gasivore” e “non gasivore”;per le spese sostenute per l’acquisto di energia elettrica / gas naturale a fronte dell’incremento del relativo costo. Al fine di ridurre gli effetti degli aumenti dei prezzi del settore energetico, nell’ambito del DL n. 4/2022, c.d. “Decreto Sostegni-ter”, DL n. 17/2022, c.d. “Decreto Energia” e DL n. 21/2022, c.d. “Decreto Ucraina”, il Legislatore ha introdotto alcune specifiche agevolazioni, sotto forma di credito d’imposta, per la spesa sostenuta dalle imprese per […]

Indice ISTAT

INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE FAMIGLIE DI OPERAI ED IMPIEGATI, AL NETTO DEI CONSUMI DI TABACCHI, PER LE RIVALUTAZIONI MONETARIE Indice del mese di LUGLIO 2022=112,3Variazione percentuale rispetto al mese precedente=+ 0,4Variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente=+ 7,8Variazione percentuale rispetto allo stesso mese di due anni precedenti=+ 9,8 In particolare il suddetto indice dei prezzi al consumo è utilizzato per calcolare l’aggiornamento dei canoni di locazione immobiliare e per la rivalutazione degli assegni di mantenimento dovuti all’ex coniuge in caso di separazione/divorzio. ESEMPIO:Il sig. Bianchi Giuseppe deve aggiornare il canone del proprio immobile concesso in locazione.L’aggiornamento del canone mensile, pari a € 500, riferito al periodo luglio 2021 – luglio 2022, è così […]

Trattamento IVA su “fondi” per rincaro materie prime negli appalti pubblici

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente chiarito il trattamento IVA applicabile alle somme corrisposte dal Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili (MIMS) alle stazioni appaltanti e successivamente da queste ultime agli appaltatori nell’ambito dei contratti pubblici, a seguito dell’eccezionale aumento dei prezzi di alcuni materiali da costruzione verificatisi nel primo semestre del 2021. In particolare l’Agenzia è giunta alla conclusione che: – le somme erogate dal Ministero alle stazioni appaltanti sono da considerarsi “mere movimentazioni di denaro” e come tali da non assoggettare ad IVA; – le somme erogate dalle stazioni appaltanti all’appaltatore rappresentano un’integrazione del corrispettivo originariamente previsto per le opere / prestazioni previste dal contratto di appalto e […]

Le novità della circolare n. 28/2022 sul visto di conformità – bonus edilizi (1a parte)

Con Circolare 25 luglio 2022, n. 28, l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile la seconda parte della guida (elaborata congiuntamente alla Consulta dei CAF) relativa ai controlli che CAF e professionisti abilitati devono effettuare per il rilascio del visto di conformità sulle dichiarazioni relative al periodo d’imposta 2021. In particolare, il documento in esame, recependo alcuni chiarimenti forniti con la precedente Circolare 23 giugno 2022, n. 23, propone una trattazione sistematica delle disposizioni normative e delle indicazioni di prassi riguardanti le detrazioni pluriennali relative a spese per interventi di: recupero del patrimonio edilizio;sisma bonus;bonus verde;bonus facciate;bonus arredo;installazione di colonnine di ricarica per veicoli elettrici;ecobonus;superbonus. Nella presente Informativa si propone una breve analisi degli aspetti rilevanti circa la documentazione utile ai fini dell’apposizione del visto di […]

Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali: aspetti contabili

Si analizza la contabilizzazione del credito d’imposta per investimenti in beni strumentali nuovi previsto dalla Legge di Bilancio 2021 e successive modificazioni ed integrazioni. Aspetti generali L’art. 1, commi da 1051 a 1063, Legge di Bilancio 2021 (Legge n. 178/2020) ha introdotto in favore delle imprese (e professionisti) un credito d’imposta per le spese sostenute a titolo di investimento in beni strumentali nuovi, destinati a strutture ubicate in Italia.L’articolo 1, comma 44, Legge di Bilancio 2022 proroga con modificazioni il beneficio fiscale in oggetto.L’agevolazione da ultimo è stata oggetto di modifiche da parte del D.L. n. 228/2021, del D.L. n. 4/2022 e del D.L. n. 50/2022. BENI AGEVOLABILI ED ESCLUSI Ai sensi del comma […]

Seac Risponde

Acquisto auto usate da Stati UE ed invio esterometro Una concessionaria d’auto acquista auto d’occasione (usate) da commercianti UE. La cessione è soggetta al regime dei beni usati (nella fattura non è indicata l’IVA).Per tali acquisti la concessionaria, a decorrere dall’1.7.2022, deve inviare i dati all’Agenzia delle Entrate con le nuove modalità dell’esterometro? Innanzitutto va evidenziato che, come previsto dall’art. 37, comma 2, DL n. 41/95 gli acquisti di beni usati, assoggettati al regime del margine nello Stato UE di provenienza, non sono considerati acquisti intraUE. Quindi per gli stessi non è richiesta l’integrazione della fattura emessa (senza IVA) dal cedente UE, al fine dell’applicazione dell’IVA in Italia.In base al comma […]

Servizio intraUE e modalità invio esterometro

DOMANDA In data 4.7.2022 una sas ha ricevuto la fattura (datata 30.6.2022) di un fornitore francese relativa ad un servizio reso a fine giugno (provvigione per vendita di un macchinario).Per tale acquisto è corretto effettuare l’integrazione utilizzando il Tipo documento TD17 e inviarlo all’Agenzia delle Entrate entro il 15.8.2022? RISPOSTA Come disposto dal comma 3-bis dell’art. 1, D.Lgs. n. 127/2015, le nuove modalità di invio dell’esterometro sono applicabili “alle operazioni effettuate a partire dal 1° luglio 2022”.In base all’art. 6, comma 6, DPR n. 633/72 le prestazioni di servizi di cui all’art. 7-ter rese da un soggetto estero ad un soggetto passivo italiano si considerano effettuate nel momento in cui sono ultimate ovvero, […]

Acquisto auto usate da Stati UE ed invio esterometro

DOMANDA Una concessionaria d’auto acquista auto d’occasione (usate) da commercianti UE. La cessione è soggetta al regime dei beni usati (nella fattura non è indicata l’IVA).Per tali acquisti la concessionaria, a decorrere dall’1.7.2022, deve inviare i dati all’Agenzia delle Entrate con le nuove modalità dell’esterometro? RISPOSTA Innanzitutto va evidenziato che, come previsto dall’art. 37, comma 2, DL n. 41/95 gli acquisti di beni usati, assoggettati al regime del margine nello Stato UE di provenienza, non sono considerati acquisti intraUE. Quindi per gli stessi non è richiesta l’integrazione della fattura emessa (senza IVA) dal cedente UE, al fine dell’applicazione dell’IVA in Italia.In base al comma 3-bis dell’art. 1, D.Lgs n. 127/2015, come […]

Bonus carburante settore agricolo

DOMANDA Il credito d’imposta previsto per gli acquisti di carburante nel primo trimestre 2022 per l’esercizio delle attività agricole spetta a prescindere dal regime IVA (speciale / ordinario) applicato? RISPOSTA L’art. 18, DL n. 21/2022, c.d. “Decreto Ucraina” riconosce alle imprese esercenti attività agricola e della pesca, a parziale compensazione dei maggiori oneri sostenuti per l’acquisto di gasolio e benzina per la trazione dei mezzi utilizzati per l’esercizio dell’attività, un contributo straordinario, sotto forma di credito d’imposta, pari al 20% della spesa sostenuta per l’acquisto del carburante effettuato nel primo trimestre 2022, comprovato mediante le relative fatture d’acquisto, al netto dell’IVA (per l’utilizzo in compensazione nel mod. F24 del bonus in […]

Credito imposta sostitutiva ex contribuente forfetario

DOMANDA Un ingegnere nel 2021 è passato al regime ordinario (nel mod. REDDITI 2022 PF compila il quadro RE). Ha un credito relativo all’imposta sostitutiva del 2020, interamente utilizzato in compensazione nel mod. F24. Tali dati (credito e utilizzo) vanno evidenziati nel quadro LM? RISPOSTA La risposta è negativa. I crediti d’imposta relativi al 2020 che non possono essere evidenziati nel quadro corrispondente a quello di provenienza, in quanto il contribuente non è più tenuto alla relativa compilazione nel mod. REDDITI 2022, devono essere esposti nel quadro RX, Sezione II. Nel caso di specie va utilizzato il rigo RX54 “Altre imposte” riportando il codice tributo riferito al credito (“1792”), l’ammontare […]