Emissione nota di credito a soggetti falliti

DOMANDA
Una srl vanta un credito verso un cliente fallito con sentenza 4.11.2021. Alla data odierna la società non ha ancora emesso la nota di variazione per il recupero dell’IVA. È possibile emettere ora la nota di variazione elettronica con data precedente al 30.4.2022, versando la sanzione per l’invio tardivo a SdI?

RISPOSTA
Per le procedure concorsuali aperte dal 26.5.2021 la nota di credito va emessa entro il termine di presentazione del mod. IVA relativo all’anno in cui si è verificato il presupposto per effettuare la variazione in diminuzione. Nella Circolare 20.6.2022, n. 21/E, l’Agenzia delle Entrate ha precisato il superamento del limite temporale previsto dal Legislatore per l’esercizio del diritto alla detrazione non implica, in via generale, che il recupero dell’imposta non detratta possa avvenire, alternativamente, presentando, in una fase successiva, una dichiarazione integrativa a favore o un’istanza di rimborso ex art. 30-ter, DPR n. 633/72. Il decorso del termine previsto per poter operare la variazione in diminuzione non può legittimare il creditore, ad adottare tali soluzioni, dalle quali, in assenza dei requisiti previsti dalle relative previsioni normative, deriverebbe una violazione dei termini decadenziali stabiliti dalla norma.

Fonte Seac spa