Principali novità del Decreto Semplificazioni

Con il recente D.L. n. 73/2022 (c.d. Decreto Semplificazioni), pubblicato in G.U. il 21 giugno 2022, n. 143, il Legislatore ha introdotto delle novità in materia di semplificazioni fiscalitesoreria delle Stato e ulteriori disposizioni finanziarie e sociali. Di seguito, si riportano alcune delle principali disposizioni normative. 

di Katia Pafumi

DEMATERIALIZZAZIONE SCHEDA SCELTA 8, 5 E 2 PER MILLE – ARTICOLO 2

Nel caso di presentazione del Modello 730 tramite sostituto d’imposta, il Decreto in esame, consente la  dematerializzazione delle scelte di destinazione dell‘8, del 5 e del 2 per mille dell’IRPEF

 Tali disposizioni si applicano a partire dalle dichiarazioni relative al periodo d’imposta 2022.

MODIFICHE AL CALENDARIO FISCALE – ARTICOLO 3

È differito il termine per la presentazione all’Agenzia delle Entrate delle liquidazioni periodiche IVA relative al secondo trimestre; tale adempimento deve essere essere effettuato entro il 30 settembre invece che entro il 16 settembre (art. 3, comma 1, D.L. n. 73/2022).  

Inoltre, i contribuenti tenuti a presentare gli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari (c.d. elenchi INTRASTAT), non devono più comunicare i dati entro il 25 del mese successivo a quello di riferimento ma entro il mese successivo al periodo di riferimento (art. 3, comma 2, lett. b), D.L. n. 73/2022).

Tali disposizioni decorrono dalla data di entrata in vigore del presente Decreto (22 giugno 2022).

EROGAZIONI DEI RIMBORSI FISCALI AGLI EREDI – ARTICOLO 5

Si semplifica la procedura per l’erogazione dei rimborsi fiscali spettanti agli eredi: infatti, i rimborsi fiscali di competenza dell’Agenzia delle Entrate, spettanti al defunto, sono erogati, salvo diversa comunicazione degli interessati, ai chiamati all’eredità come indicati nella dichiarazione di successione dalla quale risulta che l’eredità è devoluta per legge, per l’importo corrispondente alla rispettiva quota ereditaria. Invece, il chiamato all’eredità che non intende accettare il rimborso fiscale, riversa l’importo erogato all’Agenzia delle Entrate.

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRECOMPILATA – ARTICOLO 6

In merito ai controlli nel caso di dichiarazioni precompilate presentate:

  • senza  modifiche direttamente dal contribuente, tramite il sostituto d’imposta che  presta  l’assistenza  fiscale o mediante CAF/ professionista non verrà effettuato il controllo formale sui dati relativi agli  oneri  indicati nella dichiarazione precompilata forniti dai soggetti terzi; tuttavia, su tali dati rimane il controllo della sussistenza delle condizioni soggettive che danno diritto a detrazioni, deduzioni e agevolazioni;
  • con modifiche, mediante CAF o professionista, il controllo formale non è effettuato sui dati delle spese sanitarie che non risultano modificati rispetto alla dichiarazione precompilata.
Tali disposizioni si applicano a partire dalle dichiarazioni relative al periodo d’imposta 2022.

ESTENSIONE DEL PRINCIPIO DI DERIVAZIONE RAFFORZATA ALLE MICRO-IMPRESE E DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ERRORI CONTABILI – ARTICOLO 8

Il Decreto in esame prevede intervenendo sull’art. 83, TUIR l’estensione del principio di derivazione rafforzata:

  • alle micro-imprese di cui all’art. 2435-ter, C.c. che hanno optato per la redazione del bilancio in forma ordinaria;
  • anche al processo di correzione degli errori contabili; tuttavia, tale disposizione non si applica ai componenti negativi di reddito per i quali è scaduto il termine per la presentazione della dichiarazione integrativa di cui all’art. 2, comma 8, D.P.R. n. 322/1998.
Le presenti disposizioni si applicano a partire dal periodo d’imposta in corso alla data di entrata in vigore del presente Decreto (2022).

ABROGAZIONE DISCIPLINA DELLE SOCIETÀ IN PERDITA SISTEMATICA – ARTICOLO 9

È abrogata la disciplina delle società in perdita sistematica di cui all’art. 2, commi 36-decies, 36-undecies e 36-duodecies, D.L. n. 138/2011 a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2022

SEMPLIFICAZIONI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE IRAP – ARTICOLO 10

Sono state apportate delle modifiche alla modalità di determinazione della base imponibile IRAP.
In particolare, la norma intervenendo sull’art. 11, D.Lgs. n. 446/1997, determina una semplificazione riguardo alle modalità di deduzione del costo complessivo per il personale dipendente con contratto a tempo indeterminato dal valore della produzione IRAP.

Tali disposizioni si applicano a partire dal periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente Decreto (quindi dal 2021). 

MODIFICA DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI ESTEROMETRO – ARTICOLO 12

In relazione alla disciplina dell’esterometro, è prevista l’esclusione dall’obbligo di trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate delle operazioni di importo singolarmente non superiore a 5.000 euro relative ad acquisti di beni e servizi non rilevanti territorialmente ai fini IVA in Italia ai sensi degli artt. da 7 a 7-octies, D.P.R. n. 633/1972.

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITÀ FISCALE – ARTICOLO 24

I correttivi in materia di Indici Sintetici di Affidabilità fiscale, previsti per il 2020 e il 2021 alla luce degli effetti della pandemia sull’economia sono estesi al 2022. A tal proposito, il Decreto in commento prevede che:

  • per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2021, si tiene conto anche del  livello  di  affidabilità  fiscale   più   elevato   derivante dall’applicazione degli indici per i periodi d’imposta in corso al 31 dicembre 2019 e al 31 dicembre 2020;
  • per il  periodo  di  imposta  in corso al 31 dicembre 2022,  si  tiene  conto  anche  del livello  di affidabilità fiscale più elevato derivante dall’applicazione  degli indici per i periodi d’imposta in corso al 31 dicembre 2020 e  al  31 dicembre 2021.

PROROGA DEI TERMINI IN MATERIA DI REGISTRAZIONE DEGLI AIUTI DI STATO E DICHIARAZIONE IMU – ARTICOLO 35

Si ricorda infine che con Provvedimento 22 giugno 2022, l’Agenzia delle Entrate modificando il Provvedimento 27 aprile 2022, ha disposto la proroga del termine di presentazione, dal 30 giugno 2022 al 30 novembre 2022, dell’autodichiarazione per gli aiuti della Sezione 3.1 e della Sezione 3.12 della Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 C(2020) 1863 final.
La proroga del termine è stata resa possibile per effetto di quanto disposto dall’articolo 35, D.L. n. 73/2022 con il quale sono differiti i termini di registrazione degli aiuti di Stato Covid-19 nel Registro nazionale degli aiuti di stato (RNA).
Inoltre, il termine per la presentazione della dichiarazione IMU relativa all’anno di imposta 2021 è prorogato dal 30 giugno al 31 dicembre 2022.

Fonte Seac spa