Definito l’ammontare del contributo delle attività economiche chiuse (sale da ballo / discoteche)

Recentemente l’Agenzia delle Entrate ha definito l’ammontare effettivamente spettante del contributo a fondo perduto (introdotto dal c.d. “Decreto Sostegni-bis”) riproposto dal c.d. “Decreto Sostegni-ter” a favore delle attività economiche chiuse (sale da ballo / discoteche).
In particolare la stessa Agenzia ha reso noto che, tenuto conto delle risorse disponibili (€ 20 milioni) e del fabbisogno derivante dalle domande presentate entro il 20.6.2022 il contributo è pari a € 22.002 per ciascun beneficiario.

Nell’ambito del DL n. 4/2022, c.d. “Decreto Sostegni-ter” il Legislatore con l’art. 1, comma 1 ha rifinanziato per il 2022 (€ 20 milioni) lo specifico fondo per il sostegno delle attività economiche istituito dall’art. 2, DL n. 73/2021, c.d. “Decreto Sostegni-bis”, destinato al riconoscimento di un contributo a fondo perduto a favore delle attività che al 27.1.2022 risultavano chiuse in conseguenza delle misure di prevenzione per evitare la diffusione del COVID-19, ossia:

  • sale da ballo;
  • discoteche;
  • locali assimilati.

Per poter beneficiare dell’agevolazione in esame il soggetto interessato doveva presentare all’Agenzia delle Entrate un’apposita domanda esclusivamente in via telematica entro il 20.6.2022 (Informativa SEAC 27.5.2022, n. 175).

n.b. Il bonus in esame è riconosciuto nel rispetto delle condizioni di cui alla Sezione 3.1 della Comunicazione C(2020) 1863 final della Commissione UE e nei limiti della capienza residua del massimale di aiuto applicabile al beneficiario rispetto agli aiuti già ricevuti.

SOGGETTI BENEFICIARI E REQUISITI RICHIESTI

L’agevolazione in esame è riconosciuta a favore dei soggetti in possesso dei seguenti requisiti:

  • partita IVA attivata in data antecedente al 27.1.2022. Tale requisito non è applicabile agli eredi e ai soggetti che hanno posto in essere operazioni di trasformazione aziendale con confluenza, che hanno attivato la partita IVA dal 27.1.2022 per continuare l’attività del de cuius / soggetto cessato, titolare di partita IVA a tale data;
  • attività prevalente svolta al 27.1.2022 e comunicata all’Agenzia delle Entrate con mod. AA7/AA9:
    • individuata dal codice “93.29.10 – Discoteche, sale da ballo, night-club e simili“;
    • chiusa alla predetta data in conseguenza delle misure di prevenzione di cui all’art. 6, comma 2, DL n. 221/2021.

Il contributo non spetta:

  • ai soggetti già “in difficoltà” al 31.12.2019 ai sensi dell’art. 2, punto 18, Regolamento UE n. 651/2014, fatte salve le eccezioni previste per le micro / piccole imprese ai sensi della disciplina UE in materia di aiuti di Stato;
  • ai soggetti non residenti / stabili in Italia;
  • agli Enti pubblici di cui all’art. 74, TUIR;
  • agli intermediari finanziari e società di partecipazione di cui all’art. 162-bis, TUIR.

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO EFFETTIVAMENTE SPETTANTE

L’ammontare del contributo in esame:

  • è riconosciuto mediante ripartizione delle risorse finanziariein egual misura tra i soggetti in possesso dei predetti requisiti che hanno presentato l’apposita domanda (l’importo massimo spettante a ciascun beneficiario non può essere superiore a € 25.000);
  • è erogato mediante accredito su c/c bancario / postale intestato / cointestato al richiedente:
  • è pari al minore tra:
    • l’importo determinato a seguito della predetta ripartizione;
    • l’importo residuo di aiuti ancora fruibili indicato in corrispondenza della lett. B) della dichiarazione sostituiva di atto notorio presente nella domanda.

Recentemente l’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento 27.6.2022 ha reso noto che, tenuto delle risorse disponibili e del fabbisogno derivante dalle domande presentate entro la predetta data, il contributo a fondo perduto è pari a € 22.002 per ciascun beneficiario.

Documenti correlati

Normativa: Decreto Legge 27/01/2022 n.4 art.1

Fonte Seac spa