Credito d’imposta per acquisto di monopattini elettrici e servizi di mobilità elettrica

Ai sensi dell’art. 44, comma 1-septies, D.L. n. 34/2020, alle persone fisiche:

  • che dal 1° agosto 2020 al 31 dicembre 2020, hanno consegnato per la rottamazione, contestualmente all’acquisto di un veicolo a bassa emissione di anidride carbonica), un secondo veicolo di categoria M1,
  • è attribuito un credito d’imposta, di importo massimo pari ad € 750 per ciascun soggetto beneficiario, per le spese sostenute per l’acquisto, dal 1° agosto 2020 al 31 dicembre 2020, di:
    • monopattini elettrici;
    • biciclette elettriche o muscolari;
    • abbonamenti al trasporto pubblico;
    • servizi di mobilità elettrica in condivisione (sharing) o sostenibile.

Con Decreto 21 settembre 2021, il MEF ha definito le modalità di attuazione e fruizione del credito d’imposta; successivamente, l’Agenzia delle Entrate, con Provvedimento 28 gennaio 2022, n. 28363, ha reso disponibile il modello da utilizzare per la richiesta del beneficio, definendone inoltre le modalità e termini di presentazione (dal 13 aprile 2022 al 13 maggio 2022).

Considerato che l’agevolazione in esame spetta nel limite di spesa di 5 milioni di euro, il credito di imposta effettivo è calcolato secondo la percentuale risultante dal rapporto tra le risorse stanziate (5 milioni di euro) e l’importo complessivo del credito d’imposta richiesto considerando tutte le comunicazioni validamente presentate.

Con Provvedimento 23 maggio 2022, n. 176217, l’Agenzia delle Entrate ha comunicato che la percentuale del credito d’imposta fruibile da ciascun beneficiario è pari al 100% dell’importo indicato nell’istanza validamente presentata.

Nel presente contributo, dopo una breve descrizione del credito d’imposta, sono illustrate le modalità di compilazione del Mod. 730/2022, dove l’agevolazione in esame trova collocazione nel quadro G, rigo G15 “Altri crediti”, mediante l’indicazione del codice “5”.

caratteristiche del credito d’imposta

Come sopra anticipato, il credito d’imposta è riconosciuto ai soggetti che dal 1° agosto 2020 al 31 dicembre 2020, hanno acquistato un veicolo con emissioni di CO2 tra 0 e 110 g/km, contestualmente rottamando almeno due veicoli di categoria M1 rientrante fra quelli previsti dall’art. 1, comma 1032, Legge n. 145/2018.

In particolare, come si legge anche nelle istruzioni del Mod. 730/2022, il veicolo rottamato dev’essere intestato da almeno 12 mesi al soggetto intestatario del veicolo acquistato (o al soggetto utilizzatore, in caso di acquisto in leasing) o ad uno dei familiari conviventi alla data di acquisto del medesimo veicolo.

Il veicolo acquistato poteva essere sia nuovo che usato, fermo restando il possesso dei requisiti sopra indicati.

I soggetti in possesso dei requisiti sopra citati, che dal 1° agosto 2020 al 31 dicembre 2020, hanno acquistato monopattini elettrici, biciclette elettriche o muscolariabbonamenti al trasporto pubblico e servizi di mobilità elettrica in condivisione o sostenibile, hanno diritto ad un credito d’imposta pari al massimo ad € 750.

Considerato che l’ammontare complessivo dei crediti di imposta richiesti nelle istanze validamente presentate è inferiore al limite delle risorse erariali disponibili (5 milioni di euro per l’anno 2020) la percentuale del credito d’imposta fruibile da ciascun beneficiario è pari al 100%: in sostanza, viene confermata la spettanza dell’importo richiesto, fermo restando il limite di € 750.

Il Provvedimento 28 gennaio 2022 specifica che il credito d’imposta in esame:

– può essere utilizzato esclusivamente nella dichiarazione dei redditi, in diminuzione delle imposte dovute;
– dev’essere fruito non oltre il periodo d’imposta 2022.

Il credito d’imposta spettante può essere indicato nella dichiarazione dei redditi da presentare per il periodo d’imposta 2021 oppure per il periodo d’imposta 2022; il credito d’imposta indicato nella dichiarazione dei redditi 2021 (Mod. 730/2022 o REDDITI 2022) non utilizzato, in tutto o in parte, può essere riportato nella successiva dichiarazione dei redditi (Mod. 730/2023 o REDDITI 2023).

compilazione rigo g15, mod. 730/2022

Il bonus per acquisto di monopattini elettrici e servizi di mobilità elettrica si indica nel rigo G15 “Altri crediti” del Mod. 730/2022, nel quale confluiscono una serie di crediti di imposta che non trovano collocazione specifica nei precedenti righi del quadro.

In particolare,ai fini della fruizione del credito d’imposta in esame, è necessario indicare al rigo G15:

  • colonna 1 “Codice”, il codice “5”;
  • colonna 2 “Importo”, l’importo del credito spettante, nel limite di € 750 (in pratica, considerando che è stata stabilita la percentuale del 100%, si indica la spesa sostenuta, fermo restando il massimo di € 750);
  • colonna 3, “Residuo 2020”, riportare il credito d’imposta residuo indicato nel rigo RN47, colonna 41Mod. REDDITI PF 2021.

La Circolare per la liquidazione e il controllo del Mod. 730/2022 specifica che le colonne 2 e 3 sono alternative fra loro ma, considerando che il Provvedimento 28 gennaio 2022 prevede espressamente che il credito di imposta vada indicato nella dichiarazione relativa al periodo di imposta 2021 e 2022, si ritiene che la colonna 3 del rigo G15, Mod. 730/2022, non risulterà mai compilata.

Considerato che, come indicato dal Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate 23 maggio 2022, n. 176217, la percentuale del credito d’imposta fruibile da ciascun beneficiario è pari al 100%, è possibile riportare l’intero ammontare del credito spettante che risulta dall’ultima istanza validamente presentata, fermo restando il limite di € 750..

L’importo indicato al rigo G15 colonna sarà riportato nel rigo 57, Mod. 730-3/2022 (eventualmente sommato agli altri crediti d’imposta di cui al rigo G2 e di cui al rigo G15, codici 2, 3, 4, 9 e 10) in diminuzione dell’imposta netta.

L’eventuale importo del credito di imposta non utilizzato va indicato nel rigo 156“Residuo credito d’imposta per monopattini elettrici e servizi di mobilità elettrica” e potrà essere riportato ed utilizzato nella dichiarazione dei redditi del prossimo anno (Mod. 730/2023 o REDDITI 2023).

esempio di compilazione

Il signor Ugo Bianchi in data 5 settembre 2020 ha rottamato due vecchie automobili che possedeva dal 2007 e, contestualmente, ha acquistato una nuova autovettura ibrida, con emissioni di CO2 pari a 95 g/km.

In data 10 ottobre 2020, il signor Bianchi ha acquistato una bicicletta elettrica del costo di € 1.400. Il 10 maggio 2022 il contribuente ha validamente inviato l’istanza per la richiesta del credito di imposta per la mobilità sostenibile; l’importo richiesto ammonta a € 750.

Per beneficiare dell’agevolazione, andrà compilato il rigo G15, Mod. 730/2022, indicando a colonna 1 il codice “5” ed a colonna 2 l’importo di € 750.

Pur essendo il costo della bicicletta elettrica pari ad € 1.400, in colonna 2, Mod. 730/2022, è stato indicato l’importo di € 750, che corrisponde all’ammontare massimo di credito d’imposta concesso per ciascun soggetto.

L’importo del credito di imposta attribuito, confluirà nel rigo 57 del Mod. 730-3/2022.

Fonte Seac spa