Archivi Mensili: Giugno 2022

Emendamenti ai Principi Contabili Nazionali per le specificità delle cooperative

Con Comunicato Stampa 9 giugno 2022 l’Organismo Italiano di Contabilità (OIC) ha reso noto che sono stati pubblicati sul proprio sito internet gli emendamenti ai Principi Contabili Nazionali necessari a disciplinare alcuni istituti tipici delle società cooperative.Gli emendamenti, che interessano i Principi Contabili Nazionali n. 9, 12 e 28, riguardano i seguenti aspetti: il trattamento contabile dei ristorni; la classificazione nel capitale sociale delle società cooperative delle azioni dei soci sovventori e delle azioni di partecipazione cooperativa previste dalla Legge n. 59/1992; le modalità di impairment test per le cooperative che tengono conto delle limitazioni normative in tema di distribuzione dei dividendi e delle riserve; le specifiche indicazioni da inserire in nota integrativa ex artt. 2513 e 2545-sexies, Codice Civile. Fonte SEAC spa

Istruzioni per la compilazione del Quadro RR, modello REDDITI 2022 PF: Circolare INPS

Con Circolare 8 giugno 2022, n. 66, l’INPS ha fornito le annuali istruzioni in merito alle modalità di compilazione del Quadro RR del modello “REDDITI 2022-PF” e per la riscossione dei contributi a saldo 2021 e in acconto 2022 per: gli artigiani e i commercianti iscritti all’IVS;i lavoratori autonomi iscritti alla  Gestione separata. In particolare, con la Circolare in esame, l’INPS ha fornito chiarimenti in merito: alla compilazione del Quadro RR;ai termini e alle modalità di versamento;alla rateizzazione;alla compensazione. Va, altresì, evidenziato che nella Circolare si analizza anche la compilazione relativa agli specifici campi riservati ai soggetti beneficiari dell’esonero contributivo di cui all’art. 1, commi da 20 a 22-bis, L. n. 178/2020. Fonte SEAC spa

Rettifica richiesta di rimborso credito IVA: Interpello

Con Risposta ad Interpello 9 giugno 2022, n. 328, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla possibilità di rettificare l’originaria richiesta di rimborso del credito IVA mediante la presentazione della dichiarazione integrativa. In particolare l’Agenzia, richiamando la Risposta ad Interpello 30 luglio 2020, n. 231, ha chiarito che: è possibile rettificare l’originaria richiesta di rimborso del credito IVA, optando per la compensazione, purché il rimborso non sia già stato eseguito;la dichiarazione integrativa deve essere presentata entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione IVA ex art. 57, comma 1, D.P.R. n. 633/1972. In tali casi, il contribuente deve indicare il credito risultante dalla dichiarazione integrativa nella dichiarazione relativa al periodo d’imposta in […]

Credito d’imposta produzione di videogiochi: Codice tributo

Con Risoluzione 8 giugno 2022, n. 26, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, mediante Mod. F24, del credito d’imposta a favore delle imprese di produzione di videogiochi ex art. 15, L. 14 novembre 2016, n. 220. Il credito d’imposta in oggetto, in via generale, dev’essere non inferiore al 15% e non superiore al 40% del costo complessivo di produzione delle opere agevolabili (cinematografiche ed audiovisive).In particolare, il codice tributo da utilizzare è il seguente:  “6977” denominato “credito d’imposta a favore delle imprese di produzione dei videogiochi – art. 15 della legge 14 novembre 2016, n. 220”. Fonte SEAC spa

Al via la presentazione delle istanze per l’accesso al bonus wedding e ristoranti

Con Provvedimento 8 giugno 2022, l’Agenzia delle Entrate ha definito contenuto, modalità e termini di presentazione dell’istanza per accedere al contributo a fondo perduto introdotto dall’art. 1-ter, comma 1, D.L. n. 73/2021 (c.d. “Decreto Sostegni-bis“) in favore dei settori: wedding;organizzazione di feste e cerimonie;hotel, ristoranti e catering (HO.RE.CA). In particolare, la stessa Agenzia, oltre ad aver fornito il modello necessario per la presentazione dell’istanza di accesso al beneficio in esame e le relative istruzioni di compilazione, ha chiarito che l’istanza: va predisposta in modalità elettronica;deve essere presentata soltanto telematicamente, mediante i canali telematici dell’Agenzia;può essere trasmessa tra il 9 giugno e il 23 giugno 2022 (in caso di errore, può essere trasmessa una nuova istanza in sostituzione della precedente entro il medesimo […]

Credito d’imposta per gli investimenti nelle “ZLS”: aggiornato il modello di comunicazione

Con Provvedimento 6 giugno 2022, l’Agenzia delle Entrate ha definito le modalità di presentazione della comunicazione necessaria per fruire del credito d’imposta per gli investimenti nelle Zone logistiche semplificate (c.d. “ZLS“), di cui all’art. 1, commi da 61 a 65-bis, L. n. 205/2017.In particolare l’Agenzia delle Entrate ha modificato il modello (e le relative istruzioni) già utilizzato per la comunicazione finalizzata all’accesso al credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia  e nelle zone economiche speciali (ZES), approvato con Provvedimento 14 aprile 2017 e modificato con Provvedimento 6 aprile 2022.  A tal proposito, infatti, il nuovo modello è denominato: “Comunicazione per il credito d’imposta per investimenti nel mezzogiorno, nei comuni del […]

Dichiarazione sostitutiva Aiuti di Stato: possibile proroga

Con Provvedimento 27 aprile 2022, emanato in attuazione del Decreto 11 dicembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha definito le modalità, i termini di presentazione e il contenuto dell’autodichiarazione per gli aiuti di Stato  ricevuti dalle imprese durante l’emergenza Covid-19.La dichiarazione deve essere inviata dal 28 aprile 2022 al 30 giugno 2022, con modalità telematiche, utilizzando il servizio web disponibile nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate, direttamente dal contribuente oppure avvalendosi di un soggetto incaricato della trasmissione delle dichiarazioni.Dalla stampa specializzata si apprende che tale termine potrebbe essere differito al 30 agosto 2022 o al 15 settembre 2022 dal Decreto Semplificazioni in corso di approvazione. Fonte SEAC spa

Incertezza normativa oggettiva tributaria: Ordinanza

Con Ordinanza 6 giugno 2022, n. 18106, la Corte di Cassazione, confermando l’orientamento già espresso, si è pronunciata in tema di esenzione dalle sanzioni tributarie nei casi di incertezza normativa oggettiva. La Suprema Corte ha, primariamente, ribadito che per incertezza normativa oggettiva si intende una situazione caratterizzata dall’impossibilità di individuare con sicurezza la norma giuridica da applicare al caso concreto. In tema di sanzioni amministrative per violazione di norme tributarie, grava sul contribuente l’onere di allegare gli elementi che giustificano l’esenzione dalla sanzione per incertezza normativa oggettiva; tale situazione ricorre nell’ipotesi di incertezza inevitabile sul contenuto, sull’oggetto e sui destinatari della disposizione tributaria. Fonte SEAC spa

Interventi di efficientamento energetico: accesso e decadenza dalle agevolazioni fiscali

Con Risposta 6 giugno 2022, n. 324, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione dell’agevolazione prevista dall’art. 7, D.L. n. 34/2019, c.d. “Decreto Crescita“, in materia di incentivi per la valorizzazione edilizia.Nel caso di specie la società istante, dopo aver acquistato un immobile usufruendo dell’agevolazione in esame, lo ha rivenduto senza aver effettuato gli interventi necessari per l’accesso al beneficio.In tal caso l’Agenzia ha precisato che la società: decade dalla predetta agevolazione;è tenuta a versare, oltre alle imposte di registro, ipotecaria e catastale in misura ordinaria, una sanzione pari al 30% oltre agli interessi di mora con decorrenza dalla data di acquisto del fabbricato.    Si rammenta che il citato art. 7 prevede l’applicazione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale nella misura fissa di euro […]

Attività agricola e produzione di energia da impianti fotovoltaici: Interpello

Con Risposta 1 giugno 2022, n. 319, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito  alla determinazione del reddito derivante dalla produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica prodotta da una società agricola tramite due impianti situati su terreni agricoli.In particolare l’Agenzia, sulla base di quanto stabilito con la Circolare 6 luglio 2009, n. 32 ha precisato che, nel rispetto del principio di prevalenza dell’attività agricola su quella di produzione di energia, è possibile considerare il reddito derivante dai due impianti fotovoltaici connesso all’attività agricola, al sussistere di almeno uno dei seguenti requisiti: produzione di energia fotovoltaica derivi da impianti con integrazione architettonica o parzialmente integrati;volume d’affari derivante dall’attività agricola superiore al volume d’affari della produzione di energia fotovoltaica eccedente i 200 kW;entro il limite di 1 MW per azienda, per ogni 10 kW di […]