Archivi Giornalieri: Maggio 26, 2022

ISA: chiarimenti per il periodo d’imposta 2021

Con Circolare 25 maggio 2022, n. 18, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione degli ISA per il periodo d’imposta 2021.In particolare, il documento di prassi analizza: gli interventi di revisione straordinaria degli ISA; attraverso l’applicazione di correttivi sarà possibile adeguare il giudizio di affidabilità tenendo conto delle circostanze economiche che hanno caratterizzato il 2021;gli elementi più salienti dei modelli ISA 2022, delle c.d. variabili precalcolate e del software di calcolo;le nuove cause di esclusione connesse agli effetti economici negativi causati dalla pandemia. Per i contribuenti esclusi dall’applicazione degli ISA è preclusa la possibilità di accedere ai benefici premiali previsti dal comma 11, articolo 9-bis, D.L. n. 50/2017; inoltre, tali soggetti sono comunque tenuti alla comunicazione dei dati economici, contabili e strutturali previsti all’interno dei relativi modelli. Infine, riguardo al regime premiale ISA, […]

“Transfer pricing” e intervallo di libera concorrenza: i chiarimenti dell’Agenzia

Con Circolare 24 maggio 2022, n. 16, l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti in merito ai prezzi di trasferimento, c.d. “transfer pricing“, di cui all’art. 110, comma 7, TUIR.In particolare, la Circolare in esame, dopo aver analizzato: le modifiche alla disciplina sui prezzi di trasferimento in Italia;il Decreto MEF 14 maggio 2018 (contenente le disposizioni attuative del citato art. 110, comma 7);  le Linee Guida OCSE; ha fornito indicazioni in merito alla definizione di intervallo di libera concorrenza, nonché sulla sua corretta individuazione. Fonte SEAC spa

Mancata comunicazione dei dati al Sistema TS: Risoluzione

Con Risoluzione 23 maggio 2022, n. 22, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle violazioni degli obblighi di comunicazione al Sistema tessera sanitaria, ex art. 3, comma 5-bis, D.Lgs. 175/2014.In particolare, l’Agenzia ha chiarito che, tenendo conto delle modalità di trasmissione dei dati delle spese sanitarie contenute nei documenti fiscali, il termine “comunicazione” contenuto nella norma sanzionatoria si riferisce ad ogni singolo documento di spesa errato, omesso, o tardivamente inviato al Sistema TS.La sanzione di 100 euro si applica per ogni documento di spesa, senza possibilità di applicare il cumulo giuridico di cui all’art. 12, D.Lgs. n. 472/1997; tale sanzione è definibile mediante l’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13, D.Lgs. n. 472/1997, utilizzando il codice tributo 8912. Fonte SEAC […]