Tassazione della rinuncia al TFM da parte dell’amministratore

Con Ordinanza 14 aprile 2022, n. 12222, la Corte di Cassazione ha fornito chiarimenti in merito alla tassazione della rinuncia al trattamento di fine mandato da parte del contribuente socio-amministratore di una società. 
In particolare la Suprema Corte, richiamando precedenti pronunce, ha stabilito che la rinuncia al trattamento di fine mandato costituisce, dal punto di vista giuridico, un incasso e, come tale, è soggetto a tassazione.
Tale incasso presuppone la possibilità di disporre di una somma di denaro e costituisce espressione della volontà di patrimonializzare la società; si tratta, infatti, del conseguimento di un credito il cui importo, anche se non materialmente incassato dal socio-amministratore, incrementa il patrimonio della società, comportando un aumento del valore delle quote sociali dell’amministratore.

Fonte SEAC spa