Imposta sui servizi digitali (ISD): Interpello

Con Risposta ad Interpello 22 marzo 2022, n. 149, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione dell’Imposta sui Servizi Digitali (ISD), di cui all’articolo 1, commi 35-50, L. n. 145/2018, come modificato dalla Legge di Bilancio 2020.
In particolare, la società, nell’esercizio dell’attività di cessione di spazi pubblicitari online, richiede l’esclusione dalla base imponibile dell’ISD dei ricavi derivanti da:

  • “pubblicità programmatic”, realizzata tramite i canali Preferred Deals e Open Auction;
  • pubblicità riferita alla geolocalizzazione dell’utente, quando la stessa si basa esclusivamente su dati forniti dall’ISP (internet service provider).

L’Agenzia, richiamando quanto espresso con Circolare n. 3/2021, ritiene che il servizio reso dalla società sia di veicolazione su un’interfaccia digitale di pubblicità mirata agli utenti della medesima interfaccia e sia, di conseguenza, da assoggettare all’imposta.

Fonte SEAC spa