Proroga dei termini per l’invio e l’opposizione all’utilizzo dei dati delle spese sanitarie

Con Provvedimento 28 gennaio 2022, n. 28825, l’Agenzia delle Entrate ha disposto la proroga dei termini individuati dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 6 maggio 2019, n. 115304, per consentire agli assistiti di esercitare la propria opposizione all’utilizzo delle spese sanitarie per l’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata 2022. In particolare, l’opposizione può essere esercitata:

  • fino all’8 febbraio 2022 (e non fino al 31 gennaio), con riferimento ai dati aggregati relativi ad una o più tipologie di spesa, mediante apposita comunicazione all’Agenzia delle Entrate; 
  • dal 16 febbraio 2022 al 15 marzo 2022 (e non dal 9 febbraio all’8 marzo), in relazione ad ogni singola voce di spesa, accedendo direttamente all’area autenticata del sito web del Sistema Tessera Sanitaria tramite tessera sanitaria TS-CNS oppure tramite credenziali SPID.

Viene inoltre spostato, dal 9 marzo 2022 al 16 marzo 2022, il termine a partire dal quale il Sistema Tessera Sanitaria mette a disposizione dell’Agenzia delle Entrate i dati delle spese sanitarie 2021 e dei relativi rimborsi.
Lo stesso Provvedimento 28 gennaio  2022, precisa, nelle motivazioni, che con Decreto MEF di prossima pubblicazione sarà disposta la proroga all’8 febbraio 2022del termine per la trasmissione dei dati delle spese sanitarie 2021; tale proroga si intende riferita alla trasmissione dei dati delle spese sanitarie da parte di tutti i soggetti tenuti a tale adempimento in base alla normativa vigente.

Fonte SEAC spa