Modifiche alla trasmissione telematica dei dati delle operazioni transfrontaliere

Con Provvedimento 23 dicembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha apportato alcune modifiche al Provvedimento 30 aprile 2018, limitatamente alla parte dedicata alla “Trasmissione telematica dei dati delle operazioni transfrontaliere“, a seguito della proroga dell’abolizione dell’esterometro, da parte del D.L. n. 146/2021, dal 1° gennaio 2022 al 1° luglio 2022.
In particolare, si prevede che:

  1. con riferimento alle operazioni di cessione di beni e di prestazione di servizi effettuate e ricevutedal 1° luglio 2022verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato, gli operatori IVA residenti trasmettono i dati all’Agenzia delle Entrate secondo il formato previsto per la fatturazione elettronica e inviano i file allo SdI. Tale comunicazione è facoltativa per tutte le operazioni per le quali è stata emessa una bolletta doganale e quelle per le quali siano state emesse o ricevute fatture elettroniche;
  2. per le operazioni attive, effettuate nei confronti di soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato, la trasmissione dei file è effettuata entro i termini di emissione delle fatture o dei documenti che ne certificano i corrispettivi;
  3. per le operazioni passive, ricevute da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato, la trasmissione dei file è effettuata entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello di ricevimento del documento comprovante l’operazione o di effettuazione dell’operazione.

Fonte SEAC spa