Archivi Mensili: Dicembre 2021

Proroga percentuali di compensazione legno e legna da ardere: Decreto MEF

Con Decreto 19 dicembre 2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre 2021 n. 308, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, ha prorogato, anche per il 2021, le percentuali di compensazione relative alle cessioni di prodotti agricoli, già previste dal Decreto MEF 5 febbraio 2021.In particolare, sono confermate al 6,4% le percentuali di compensazione ex art. 34, D.P.R. n. 633/1972, per i prodotti: di cui al numero 43), tabella A, parte prima, ossia legna da ardere in tondelli, ceppi, ramaglie o fascine, cascami di legno compresa la segatura;di cui al numero 45), tabella A, parte prima, ossia legno semplicemente squadrato, escluso il legno tropicale. Così come precisato dal Decreto, la […]

ROL fiscale e periodo transitorio: Interpello

Con Risposta ad Interpello 29 dicembre 2021, n. 876, l’Agenzia delle Entrate ha fornito dei chiarimenti sull’applicazione delle disposizioni transitorie in merito al c.d. “ROL fiscale” di cui all’art. 13, comma 3, D.Lgs. n. 142/2018. In particolare con riferimento all’utilizzo dei fondi che vedono una stratificazione dei relativi accantonamenti in parte in periodi d’imposta precedenti al 2019 e in parte nel 2019 o successivi, l’Agenzia precisa che, in assenza di specifiche indicazioni da parte del legislatore, l’articolo 13, comma 3, D.Lgs. n. 142/2018 si debba interpretare nel senso:“che le eventuali rettifiche vadano ad incidere in via prioritaria sugli accantonamenti effettuati in data più lontana al fine di consentire un celere adeguamento al regime ordinario dell’articolo 96 attraverso una conseguente riduzione al minimo della […]

Note di variazione e procedure concorsuali: i chiarimenti dell’Agenzia

Con Circolare 29 dicembre 2021, n. 20, l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti in merito alla disciplina relativa alle note di variazione in diminuzione collegate a procedure concorsuali, a seguito delle novità introdotte dal D.L. n. 73/2021, c.d. “Decreto Sostegni-bis“.In particolare, l’Agenzia ha precisato, tra l’altro, che: con l’introduzione del comma 3-bis all’art. 26, D.P.R. n. 633/72, in caso di mancato pagamento di fatture emesse e non pagate dal debitore a causa di un suo assoggettamento a procedure concorsuali, la conseguente nota di variazione può essere effettuata a partire dalla data di apertura della procedura (anziché al termine della procedura stessa);l’emissione della nota di variazione in diminuzione (a decorrere dalla data di avvio della procedura concorsuale) e la conseguente […]

Pubblicata la Circolare sui Piani di risparmio a lungo termine

Con Circolare 29 dicembre 2021, n. 19, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcune indicazioni, sulla disciplina dei Piani di risparmio a lungo termine (PIR) alla luce delle modifiche, apportate alla disciplina dal Decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020 (D.L. n. 124/2019), dal Decreto Rilancio (D.L. 34/2020) e dalla Legge di Bilancio 2021 (Legge n. 178/2020), Tra i chiarimenti forniti si segnalano i seguenti: il regime dei PIR e il regime fiscale degli investimenti in start-up e in Pmiinnovative non sono alternativi e possono quindi essere applicati insieme;le quote di S.r.l. possono rientrare tra gli investimenti oggetto di agevolazione nei Piani ordinari solo se offerte al pubblico;non vi sono limitazioni per le quote detenute nei Piani alternativi (cioè quelli costituiti a partire dal 19 maggio 2020). Fonte […]

Deducibilità delle perdite su crediti: Principio di Diritto

Con Principio di Diritto 29 dicembre 2021, n. 16, l’Agenzia delle Entrate fornito chiarimenti in merito alla deducibilità delle perdite su crediti ex art. 101, TUIR.L’Agenzia ha precisato che la prescrizione del diritto di credito rappresenta il momento limite oltre il quale la deduzione della relativa perdita non è più possibile; in particolare la deduzione delle perdite su crediti, vantati nei confronti di soggetti sottoposti a procedure concorsuali, non è ammessa quando l’imputazione al conto economico avviene in un periodo successivo a quello in cui, secondo i principi contabili, si sarebbe dovuto procedere alla cancellazione del credito dal bilancio. Fonte SEAC spa

Iper ammortamento e forza maggiore: Interpello

Con Risposta ad Interpello 29 dicembre 2021, n. 875, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito agli effetti della pandemia Covid-19 sulla alla possibilità di beneficiare del cd. “iper ammortamento” di cui all’articolo 1, commi 60-65, Legge 30 dicembre 2018, n. 145 (Legge di bilancio 2019). In particolare, l’istante chiede se la chiusura degli impianti industriali e il blocco degli spostamenti, causati dall’intervento dell’Autorità governativa decretante lo stato di emergenza a partire dal 31 gennaio 2020, possa configurarsi come una causa di forza maggiore idonea a consentire la dilazione dell’orizzonte temporale per la fruizione dell’iper ammortamento, attraverso una prolungamento del termine del 31 dicembre 2020 (completamento dell’investimento), di cui all’articolo 1, comma 60, della legge n. 145 del 2018, nel rispetto della “condizione […]

Modifiche ai modelli Intrastat: Determinazione A.D.M.

Con Determinazione 23 dicembre 2021, n. 493869/RU, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha apportato modifiche alla compilazione dei modelli Intrastat dal 1° gennaio 2022.In particolare, l’A.D.M. ha: eliminato i modelli INTRA-2bis e INTRA-2quater trimestrali;creato il nuovo modello INTRA-1sexies (sezione 5) con riferimento agli elenchi riepilogativi delle cessioni intracomunitarie in regime cosiddetto di “call-off stock”. Inoltre nel modello INTRA-1bis i soggetti che hanno realizzato nell’anno precedente o che, in caso di inizio dell’attività di scambi intracomunitari, presumono di realizzare nell’anno in corso, un valore delle spedizioni o degli arrivi superiore a € 20 milioni, dovranno inserire obbligatoriamente i dati relativi alla natura della transazione a due cifre (colonne A e B). Fonte SEAC spa

Esonero parziale dei contributi previdenziali 2021: Messaggio INPS

La Legge di Bilancio 2021, al fine di mitigare gli effetti negativi dell’emergenza COVID-19, ha previsto l’esonero parziale dal pagamento dei contributi previdenziali 2021 dovuti dai:  soggetti iscritti alle Gestioni previdenziali INPS;professionisti iscritti agli Enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza; con un reddito 2019 non superiore a € 50.000 che hanno subìto una riduzione del fatturato/corrispettivi 2020 non inferiore al 33% rispetto a quello del 2019.    Con Messaggio 23 dicembre 2021, n. 4620, l’INPS ha chiarito che il termine del 31 dicembre 2021, entro cui va presentata la richiesta di rimborso e compensazione degli importi oggetto di esonero ma già versati dal contribuente, ha un mero carattere ordinatorio.Pertanto, le richieste di compensazione e rimborso potranno essere […]

Bonus pubblicità: posticipato il periodo per l’invio delle dichiarazioni sostitutive

Con Comunicato 22 dicembre 2021, il Dipartimento per l’informazione e l’editoria ha reso nota la modifica dei termini di presentazione della dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti pubblicitari, realizzati nel corso del 2021, per accedere al “Bonus pubblicità“.Si prevede, in particolare, che: la dichiarazione deve essere inoltrata dal 10 gennaio al 10 febbraio 2022, e non più dal 1° al 31 gennaio 2022;resta invariata la modalità per la presentazione del modello di dichiarazione sostitutiva telematica, che deve essere quindi inviato tramite il canale telematico disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, nella sezione dell’area riservata “Servizi per” alla voce “Comunicare”, accessibile con Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o Carta d’Identità Elettronica (CIE). Fonte SEAC spa

Schema di provvedimento memorizzazione e-fatture: parere Garante privacy

Il Garante privacy ha espresso parere favorevole sullo schema di Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate disciplinante le modalità con cui l’Amministrazione finanziaria intende memorizzare e rendere disponibili, al proprio personale e alla Guardia di Finanza, i file in formato xml delle fatture elettroniche e i dati in essi contenuti.Il Garante ha, tuttavia, chiesto all’Agenzia delle Entrate di adottare ulteriori misure a tutela della privacy dei consumatori ai fini del rispetto dei requisiti imposti dal GDPR e dalla normativa nazionale sulla protezione dei dati. Fonte SEAC spa