Agevolazione prima casa e mancata ultimazione dei lavori: Cassazione

Con Ordinanza 17 novembre 2021, n. 34865, la Corte di Cassazione ha precisato, in tema di agevolazione prima casa, che il mancato completamento nei termini dei lavori di ristrutturazione, che impedisce il trasferimento della residenza entro diciotto mesi nel comune in cui è ubicato l’immobile acquistato, non è considerato inevitabile, imprevedibile e assolutamente non imputabile alla parte, con conseguente decadenza dal beneficio fiscale.
In altre parole, tale evento non costituisce una causa di forza maggiore.

Fonte SEAC spa