Archivi Giornalieri: Novembre 17, 2021

Pubblicato in G.U. il Regolamento banca dati strutture ricettive

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 16 novembre 2021, n. 273, il Decreto 29 settembre 2021, n. 161, relativo al “Regolamento recante le modalità di realizzazione e di gestione della banca dati delle strutture ricettive e degli immobili destinati alle locazioni brevi“.In particolare, il decreto regolamenta le modalità di costituzione, gestione e accesso alla banca dati, nonché di acquisizione dei codici identificativi regionali (se presenti).Le informazioni contenute nella banca dati saranno pubblicate sul sito istituzionale del Ministero del turismo, e saranno accessibili agli utenti previa registrazione degli stessi. Fonte SEAC spa

Esonero contributivo artigiani e commercianti: Messaggio INPS

Con Messaggio 15 novembre 2021, n. 3974, l’INPS ha comunicato la disponibilità degli esiti delle domande di esonero dal pagamento dei contributi previdenziali per artigiani e commercianti. L’esito delle verifiche è visibile nel cassetto previdenziale della gestione di riferimento, in calce alla domanda stessa e dal 29 novembre 2021 sarà visibile anche l’importo concesso a titolo di esonero.Nel caso di esito positivo della domanda, i beneficiari dovranno effettuare i versamenti relativi al 2021, compresi quelli in scadenza nel mese di novembre, entro il 29 dicembre 2021. Fonte SEAC spa

L’avvocato collaboratore esterno di uno studio legale non è soggetto ad IRAP

Con Ordinanza 16 novembre 2021, n. 34484, la Corte di Cassazione ha ribadito che il presupposto del versamento dell’IRAP è costituito dall’esercizio di un’attività autonomamente organizzata diretta alla produzione o allo scambio di beni ovvero alla prestazione di servizi.In particolare, con riferimento alle attività professionali, il professionista deve essere il responsabile dell’organizzazione e l’attività professionale deve essere svolta con l’utilizzo di fattori idonei ad accrescerne la produttività.Nel caso si specie, la Suprema Corte ha stabilito che un avvocato, che esercita la professione come collaboratore esterno di uno studio legale (senza assumere all’interno di esso né una funzione direttiva o di responsabilità, né la qualifica di associato) limitandosi ad utilizzare i beni messi a sua disposizione (ufficio, pc, telefono ecc.) non è soggetto al versamento dell’IRAP. Fonte SEAC spa