Trattamento IVA del c.d. “Revamping/Rinnovamento”: Interpello

Con Risposta ad Interpello 8 ottobre 2021, n. 692, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al trattamento ai fini IVA delle operazioni inerenti il rifacimento strutturale ed integrale di una centrale già esistente che produce energia elettrica e calore, c.d. “ revamping/rinnovamento“.
L’intervento, oggetto di interpello, consiste nella sostituzione di alcuni componenti dello stesso impianto (motori e pompe di calore) al fine di ottimizzare i consumi e di migliorare il risparmio energetico. Tali lavori, dunque, ancorché effettuati nell’ambito di un precedente impianto non possono definirsi come interventi di costruzione ex novo di un nuovo impianto, ma rientrano nella categoria degli interventi di manutenzione straordinaria
Per questi motivi, non può trovare applicazione l’IVA nella misura del 10% ai sensi dei numeri 127-quinquies, 127-sexies e 127-septies della tabella A, parte III, allegata al Decreto IVA.
A tali interventi dovrà dunque applicarsi l’IVA nella misura ordinaria.

Fonte SEAC spa