Archivi Giornalieri: Settembre 30, 2021

Soggetti beneficiari del credito d’imposta per il settore tessile, moda e accessori

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale 29 settembre 2021, n. 233, il Decreto 27 luglio 2021 con il quale il MISE ha stabilito i criteri per l’individuazione dei settori economici in cui operano i soggetti beneficiari del credito d’imposta sulle rimanenze finali di magazzino previsto dall’art. 48-bis, comma 4, D.L. n. 34/2020.In particolare la norma stabilisce che possono accedere al presente credito d’imposta i soggetti, esercenti attività d’impresa, che operano nell’industria tessile e della moda, della produzione calzaturiera e della pelletteria. Le attività economiche beneficiarie dell’agevolazione sono individuate tramite i codici ATECO 2007. Il Decreto in oggetto dispone inoltre che con Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, saranno stabiliti le modalità, i termini di presentazione e il contenuto della comunicazione, le modalità per il monitoraggio degli utilizzi del credito d’imposta e del rispetto dei limiti […]

Agevolazione “prima casa” in caso di separazione: Interpello

Con Risposta ad Interpello 30 settembre 2021, n. 634, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla fruibilità dell’agevolazione “prima casa”, nel caso di separazione e di assegnazione della casa familiare all’ex coniuge, in capo al coniuge non assegnatario della casa familiare al fine di acquistare una nuova abitazione. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito, a tal proposito, che per fruire dell’agevolazione in esame per l’acquisto di una nuova abitazione, l’immobile pre-posseduto deve essere alienato entro il termine di un anno dal nuovo acquisto agevolato. Tale requisito si applica anche nel caso in cui il soggetto che intende usufruire dell’agevolazione sia proprietario per quota di un altro immobile “prima casa”, assegnato all’ex coniuge, pur avendo il coniuge non assegnatario solamente la mera […]

Importazione e detrazione IVA assolta in dogana

Con Principio di Diritto 29 settembre 2021, n. 13, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito, in merito all’importazione ed alla detrazione IVA assolta in dogana, che solo l’effettivo destinatario della merce importata, impiegata nell’esercizio della propria attività, può detrarre l’IVA assolta in dogana, previa registrazione della bolletta doganale nei registri degli acquisti ex art. 25, D.P.R. n. 633/1972 e nel rispetto delle disposizioni di cui all’art. 19, D.P.R. n. 633/1972.Ai fini degli obblighi di registrazione e dell’esercizio del diritto alla detrazione dell’IVA, le bollette doganali sono soggette alle stesse regole previste per le fatture di acquisto. Fonte SEAC spa

Ravvedimento per mancata compilazione esonero IRAP: Risoluzione

Con Risoluzione 29 settembre 2021, n. 58 l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’indicazione del saldo IRAP 2019, il quale poteva fruire dell’esonero dal versamento ex art. 24, D.L. n. 34/2020, nella dichiarazione IRAP 2020.L’Agenzia conferma, come chiarito con precedente Circolare n. 25/2020, che i contribuenti che fruivano dell’esonero dal versamento del saldo IRAP 2019 erano tenuti a compilare, nel modello IRAP 2020, la sezione XVIII del quadro IS relativa all’esposizione dei dati relativi agli aiuti di Stato e/o agli aiuti de minimis fruiti. Con la presente Risoluzione, l’Amministrazione finanziaria afferma che la mancata compilazione del quadro IS nella dichiarazione IRAP relativa al periodo d’imposta 2019 può essere regolarizzata mediante presentazione di una dichiarazione integrativa, versando per l’errore commesso la sanzione amministrativa da € 250 a […]