IVA indetraibile e costi agevolabili ai fini del credito d’imposta ex. L. n. 208/2015: Interpello

Con Risposta ad Interpello 23 giugno 2021, n. 428, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al calcolo del valore dei beni strumentali nuovi  su cui determinare il credito d’imposta di cui all’art. 1, commi 98-108, L. n. 208/2015 (credito d’imposta a favore delle imprese che effettuano l’acquisizione di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nelle zone assistite delle regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo).

L’Agenzia ritiene che, laddove il contribuente abbia un pro-rata di detraibilità pari a zero, l’IVA indetraibile assolta sui costi agevolati può rientrare tra i costi rilevanti ai fini della determinazione della base di commisurazione del credito d’imposta di cui all’art. 1, comma 98, L. n. 208/2015.

Fonte SEAC spa