Conversione Decreto Sostegni: prorogata l’esenzione dal pagamento del canone unico

In sede di conversione del D.L. n. 41/2021, c.d. “Decreto Sostegni”, al fine di promuovere la ripresa delle attività turistiche danneggiate dall’emergenza COVID-19, l’art. 30, comma 1, lett. a) e b), per il periodo dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021 (termine differito in sede di conversione), conferma l’esonero dal pagamento:

  • del canone unico introdotto dall’art. 1, comma 816, Legge n. 160/2019, a decorrere dal 2021, in sostituzione della TOSAP/COSAP/imposta comunale sulla pubblicità/diritto sulle pubbliche affissioni/canone installazione mezzi pubblicitari/canone di cui all’art. 27, commi 7 e 8, D.Lgs. n. 285/92, per le strade di pertinenza di Comuni e Province;
  • del canone di concessione per l’occupazione delle aree e degli spazi appartenenti al Demanio o al patrimonio indisponibile, destinati a mercati realizzati anche in strutture attrezzate, previsto, a decorrere dal 2021, dall’art. 1, comma 837, Legge n. 160/2019;

a favore dei pubblici esercizi di cui all’art. 5, Legge n. 287/91 (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, bar, caffè, gelaterie, ecc.), e dei titolari di concessioni/autorizzazioni concernenti l’utilizzazione del suolo pubblico

È inoltre confermata, fino al 31 dicembre 2021, la possibilità di presentare, in via telematica, le domande di nuove concessioni per l’occupazione di suolo pubblico o di ampliamento delle superfici già concesse al competente Ufficio, con allegata la sola planimetria e senza applicazione dell’imposta di bollo.