Regime di esenzione IVA: Interpelli

Con le Risposte ad Interpello 26 marzo 2021, nn. 214, 215 e 216, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al regime di esenzione IVA ex articolo 10, D.P.R. n. 633/1972.

In particolare, l’Agenzia ha precisato che possono beneficiare dell’esenzione IVA:

  • servizi di accettazione dei pagamenti attraverso carte e SDD, se idonei a generare per i soggetti coinvolti dalle operazioni economiche sottostanti esposizioni finanziarie a credito o a debito produttive degli effetti propri delle operazioni finanziarie, come individuate dalla normativa comunitaria e nazionale, suscettibili di incidere nella sfera giuridica ed economica dei soggetti cui sono indirizzati (Risposta n. 214);
  • le prestazioni di teleassistenza infermieristica, se prestate per finalità diagnostiche, di cura e riabilitazione dai professionisti abilitati operanti presso la struttura e rese nei confronti del paziente/cliente finale (Risposta n. 215);
  • il servizio di accertamento diagnostico genomico per le pazienti colpite da carcinoma mammario, in quanto lo stesso, essendo volto a tutelare e/o ristabilire lo stato di salute della persona, si inserisce funzionalmente in un percorso terapeutico che vede l’intervento del patologo e dell’oncologo e/o del medico curante, i quali determineranno la corretta terapia da utilizzare per la paziente sulla base del referto (Risposta n. 216).

fonte SEAC spa