L’imposta sui servizi digitali: codici tributo

Con Risoluzione 1° marzo 2021, n. 14, l’Agenzia delle Entrate, ha istituito tre codici tributo, per consentire il versamento, tramite Mod. F24, dell’imposta sui servizi digitali, ex articolo 1, commi da 35 a 50, L. n. 145/2018, come modificato ex articolo 1, comma 678, L. n. 160/2019.

In particolare i codici tributo sono i seguenti:

  • 2700” denominato “IMPOSTA SUI SERVIZI DIGITALI – articolo 1, commi da 35 a 50, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e s.m.”;
  • 2701” denominato “IMPOSTA SUI SERVIZI DIGITALI – articolo 1, commi da 35 a 50, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e s.m. – INTERESSI“;
  • 2702” denominato “IMPOSTA SUI SERVIZI DIGITALI – articolo 1, commi da 35 a 50, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e s.m. – SANZIONE“.

L’imposta deve essere versata entro il 16 febbraio dell’anno solare successivo a quello in cui sono stati realizzati i ricavi imponibili; per il primo anno di applicazione dell’imposta, il termine è prorogato al 16 marzo 2021.

fonte SEAC spa