Aliquote per il 2021 per soggetti iscritti alla gestione separata

Con Circolare 5 febbraio 2021, n. 12, l’INPS ha fornito le annuali indicazioni per la contribuzione dei soggetti iscritti alla gestione separata.

Come ricordato anche nel documento di prassi, l’art. 1, comma 398, Legge n. 178/2020 ha disposto un aumento dell’aliquota di cui all’art. 59, comma 16, Legge n. 449/1997, pari allo 0,26% per l’anno 2021, per i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione separata e non assicurati ad altre Gestioni di previdenza, né pensionati, al fine di finanziare l’indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa (c.d. ISCRO).

Pertanto, le aliquote contributive per il 2021 sono:

  • 34,23% per i collaboratori non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali è prevista la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL;
  • 33,72% per i collaboratori non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali non è prevista la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL;
  • 24% per i collaboratori e i liberi professionisti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria;
  • 25,98% per i liberi professionisti titolari di partita IVA non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie.

I redditi minimale e massimale di riferimento per il 2021 sono stati così aggiornati:

  • reddito minimale: euro 15.953;
  • reddito massimale: euro 103.055.

fonte SEAC spa