Archivi Giornalieri: Febbraio 4, 2021

No contributi a IVS per amministratori e soci di S.r.l. se manca partecipazione diretta: Cassazione

Con Ordinanza 27 gennaio 2021, n. 1759, la Corte di Cassazione è intervenuta in materia di doppia posizione previdenziale relativamente ai soggetti, contemporaneamente soci e amministratori di s.r.l.. Gli Ermellini hanno precisato che lo svolgimento della sola attività di amministratore, senza alcuna partecipazione diretta all’attività materiale ed esecutiva dell’azienda non è sufficiente a giustificare l’iscrizione all’IVS. Neanche la qualifica di socio in una società di capitali può essere significativa dell’esercizio di diretta attività commerciale nell’azienda. Non viene esclusa comunque la doppia iscrizione che permane al rispetto dei requisiti previsti dall’art. 12, comma 11, D.L. n. 78/2010. Sarà l’INPS a dover dimostrare il tipo di partecipazione all’attività per giustificare l’eventuale obbligo della doppia iscrizione. fonte SEAC spa

Regime forfetario per lavoratore che rientra dall’estero in Italia: Interpello

Con Risposta ad Interpello 3 febbraio 2021, n. 81, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti circa le cause ostative all’applicazione del regime forfetario ex art. 1, commi 54-89, Legge n. 190/2014. In particolare, nel presupposto che un lavoratore dipendente iscritto all’anagrafe italiana rientri in Italia, dopo aver lavorato all’estero, e sia poi ivi residente, ai fini fiscali si ritiene che lo stesso possa poi applicare il regime forfetario anche se svolge l’attività prevalentemente nei confronti dell’ex datore di lavoro (ferma restando la sussistenza degli ulteriori requisiti) in quanto non risulta integrata la causa ostativa di cui alla lettera d-bis), dell’art.1, comma 57, Legge n. 190/2014. fonte SEAC spa

Credito d’imposta in beni strumentali nuovi: Interpello

Con Risposta ad Interpello 2 febbraio 2021, n. 75, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla possibilità di cumulare il credito d’imposta per investimenti in beni strumentali nuovi previsto dalla Legge di Bilancio 2020 (commi da 184 a 197) con altre agevolazioni. In particolare, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che il credito d’imposta in esame è cumulabile con altre agevolazioni a condizione che: la disciplina di queste ultime non escluda la possibilità di cumulo;non sia superato il limite massimo del costo sostenuto. fonte SEAC spa