Donazione e sospensione termini “prima casa” per emergenza Covid-19

Con Risposta ad Interpello 12 gennaio 2021, n. 39, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’ambito di applicazione della sospensione dei termini relativi alle agevolazioni “prima casa”, prevista, a seguito dell’emergenza Covid-19, dall’articolo 24, D.L. n. 23/2020.

Nel caso di specie un contribuente:

  • ha ricevuto in donazione dal padre un immobile in corso di costruzione (atto registrato il 16 ottobre 2017) fruendo della tassazione agevolata “prima casa”, tuttavia
  • a seguito della chiusura dei cantieri causata dall’emergenza da Covid-19non ha potuto dichiarare la conclusione dei lavori entro 3 anni dalla registrazione dell’atto di donazione, come richiesto ai fini dei benefici fiscali.

L’Agenzia delle Entrate nega che il termine di 3 anni applicabile nel caso di specie possa essere oggetto di sospensione a causa dell’emergenza da Covid-19, ai sensi dell’articolo 24, D.L. n. 23/2020. Infatti, tale norma ha carattere eccezionale, di stretta interpretazione, non estensibile oltre i casi in essa considerati, individuati anche nella Circolare 13 aprile 2020, n. 9 (par. 8.1).

fonte SEAC spa