Detraibilità delle erogazioni liberali per acquisto dispositivi informatici per DAD

Con Risoluzione 21 dicembre 2020, n. 80, l’Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori chiarimenti in merito alla possibilità di far rientrate nell’ambito di applicazione dell’art. 66, D.L. n. 18/2020 le donazioni finalizzate a sostenere l’acquisto di dispositivi informatici per permettere agli studenti di accedere alla didattica a distanza (DAD).

Tale articolo prevede la detraibilità del 30%, nel limite di € 30.000, delle erogazioni liberali in denaro e in natura finalizzate a finanziare gli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid – 19 nel 2020, dalle persone fisiche e dagli enti non commerciali, compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti, in favore:

  • dello Stato,
  • delle Regioni,
  • degli enti locali territoriali,
  • di enti o istituzioni pubbliche,
  • di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro.

Secondo l’Agenzia delle Entrate le donazioni finalizzate al sostenimento della DAD, rientrano nell’ambito del citato articolo (purché siano rispettati gli altri requisiti) in quanto la DAD può essere considerata una metodologia didattica attuata come conseguenza diretta della gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Nel documento si chiarisce, inoltre, che tali donazioni, in denaro o in natura, possono essere effettuate per il tramite di Comuni o della Protezione Civile, ma non possono essere erogate direttamente agli Istituti scolastici.

Resta ferma la non cumulabilità di tale agevolazione con quella prevista dall’art. 15, comma 1, lett. i-octies), TUIR, per le erogazioni liberali effettuate dalle persone fisiche a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado.

fonte SEAC spa