Istanza per contributo a fondo perduto: Risoluzione

Con Risoluzione 11 ottobre 2020, n. 65, l’Agenzia delle Entrate ha dato il via libera alle istanze di autotutela per le richieste di contributo a fondo perduto (articolo 25, D.L. n. 34/2020) erogato a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

I contribuenti che, a causa di errori individuati solo successivamente all’accreditamento della somma, si sono visti versare un importo inferiore a quello dovuto possono trasmettere tramite PEC un’istanza alla Direzione provinciale dell’Agenzia delle entrate competente, specificando i motivi di errore o l’impossibilità di trasmettere nei termini l’istanza sostitutiva per la quale è stata consegnata una seconda ricevuta di scarto.

Qualora dall’esame dell’istanza dovesse:

  • essere confermato l’esito comunicato in relazione alla istanza iniziale l’Ufficio notificherà motivato diniego di annullamento/revisione;
  • emergere la correttezza della stessa, l’Agenzia delle Entrate provvederà ad effettuare il mandato di pagamento della quota parte del contributo a fondo perduto ancora spettante.
fonte SEAC spa